Corte dei Conti: "In archivi Pa ancora niente spending"

L'organo contabile dello Stato bacchetta le amministrazioni: in tre anni nessuna razionalizzazione degli archivi cartacei

A tre anni dal varo della famigerata spending review (la revisione della spesa) nella pubblica amministrazione ben poco è stato fatto per eliminare e razionalizzare gli archivi di deposito, cioé quelli non più necessari all'amministrazione pubblica e non ancora selezionati per l'archivio storico.

Lo denuncia la Corte dei Conti, che ha indagato sulla razionalizzazione e ottimizzazione dell'utilizzo "degli spazi destinati all’archiviazione della documentazione cartacea". Ma dall'agosto 2012, quando è entrata in vigore la legge, le commissioni di sorveglianza che annualmente dovevano occuparsi dello scarto dei documenti ormai non più necessari non siano riuscite nel loro compito per "difficoltà incontrate nell’attuazione dell’impianto normativo". In particolare, secondo l'organo contabile dello Stato, "l'attenzione posta dalle singole amministrazioni alla tematica delle attività di scarto - si legge - è risultata inadeguata e sono comunque, generalmente mancati interventi efficaci".

In particolare negli ultimi tre anni il numero complessivo degli immobili adibiti esclusivamente ad uso archivio di deposito è diminuito di venti unità, permettendo un taglio della spesa per canoni di locazione pari a 1,82 milioni di euro. Ma al 31 maggio 2014 gli archivi "esterni" ancora a disposizione delle amministrazioni esaminate erano, in tutto, 287. Di questi, 84 (circa il 30%) erano di proprietà privata con oneri annui per fitti passivi quantificabili in poco più di 4,8 milioni di euro.

Ora Palazzo Chigi e Ministero dei beni culturali si sono detti disponibili a fare di più. Ma, sottolinea la magistratura contabile, "l’Agenzia del demanio, direttamente interessata al processo di riunificazione ha rappresentato, sin dal 2013, l’impossibilità di impostare l’accorpamento degli archivi di deposito, in assenza di una norma che ne autorizzi l’azione nei confronti delle amministrazioni statali e assegni le risorse necessarie per rifunzionalizzare gli immobili governativi disponibili ovvero per il reperimento di nuove strutture".

Annunci
Commenti

accanove

Ven, 05/02/2016 - 14:21

..in parole umane "la PA fa ostruzione per tagliare" questo lo si poteva tranquillamente sapere, i comunisti al governo HANNO SEMPRE AUMENTATO la spesa pubblica, mai diminuito, dalla spesa pubblica ottengono il loro consenso, contate che da statistiche il 70 dei dipendenti pubblici vota comunista, sotto qualsiasi nome essi si presentino.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 05/02/2016 - 14:31

certo! da quando è salito monti, invece di tagliare le spese improduttive, hanno tagliato proprio le spese produttive! c'è una bella differenza! le spese produttive sono quelle che generano un ritorno economico, mentre quelle improduttive invece generano solo perdite!! ma questo i cre.tini di sinistra manco se ne accorgono! è come se volessero tagliare le spese per la benzina, ma senza benzina non vanno a lavorare, e se non lavorano, non vendono , e se non vendono, non incassano e se non incassano, non potranno investire soldi per la benzina! complimenti agli idioti di sinistra, che hanno votato per il PD, e questo PD per premiare questi voti, ha voluto tagliare proprio la spesa produttiva!!!!!!!!!!!!! genialissimi, veramente!!!

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Ven, 05/02/2016 - 16:40

Signori della corte dei conti vogliamo parlare degl'oltre 30 mila euri mensili che percepisce il vostro procuratore generale? vogliamo parlare dello straordinario che percepite considerato che le vostre sedute le fate quasi sempre di pomeriggio.E quando voi vi riunite devono essere presenti il termoidraulico, elettricista,l'archiavtore,ect.Vogliamo parlarne emeriti parassiti? nopecoroni.it

linoalo1

Ven, 05/02/2016 - 16:45

E dagliela!!!Siamo in Italia e,la nostra Lingua Ufficiale,è l'Italiano!!Volete che parliamo Inglese e che lo capiamo??Mettetelo nella Costituzione come Seconda Lingua Nadre!!!Adesso,la Corte Dei Conti,spieghi agli Italiani ignoranti come me,che conoscono bene solo l'Italiano,cosa vuol dire questa 'spending',perché sul Vocabolario di Italiano non esiste!!!!