Corte di giustizia Ue riconosce matrimonio persone stesso sesso

La nozione di "coniuge", ai sensi delle disposizioni del diritto dell’Unione sulla libertà di soggiorno dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari, comprende i coniugi dello stesso sesso

I giudici della Corte di giustizia Ue hanno stabilito che la nozione di "coniuge", ai sensi delle regole sulla libera circolazione delle persone dell’Unione (e dei loro familiari), comprende i coniugi dello stesso sesso. Una sentenza che di fatto riconosce i matrimoni tra persone dello stesso sesso.

La decisione arriva dopo un ricorso presentato da un cittadino rumeno e da un americano. Secondo la Corte Ue, anche se gli Stati membri sono liberi di autorizzare o meno il matrimonio omosessuale, non possono ostacolare la libertà di soggiorno di un cittadino dell’Unione, rifiutando di concedere al suo coniuge dello stesso sesso, cittadino di un paese non Ue, un diritto di soggiorno derivato sul loro territorio. Insomma, certi diritti non possono essere negati, anche se uno Stato non riconosce il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

La situazione nel mondo

Al momento due persone dello stesso sesso possono sposarsi in 26 Paesi: Spagna, Francia, Regno Unito, Germania, Austria, Portogallo, Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia, Irlanda, Malta, Stati Uniti, Canada, Messico (ma solo in cinque stati e nella capitale), Colombia, Argentina, Brasile, Uruguay, Sudafrica, Nuova Zelanda e Australia. In altri stati, come ad esempio Israele, pur non essendo riconosciuto i matrimoni gay celebrati altrove vengono registrati. In altri paesi, infine, come ad esempio in Italia, sono stati introdotti dei registri delle "unioni civili", che non sono però del tutto equiparabili ai matrimoni, pur riconoscendo alcuni importanti diritti.

Commenti
Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Mar, 05/06/2018 - 11:30

Per me possono riconoscere anche che loro nonno era una carriola ma di matrimoni gay non se ne parla neppure, leggi simili hanno lo stesso valore della carta igienica.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mar, 05/06/2018 - 11:46

Sentenza scontata, ma non per il suo ipotetico fondamento giuridico o di proclività confacente al senso naturale delle cose. Piuttosto è scontata per un'altra, pervertita ragione: che cosa ci si poteva aspettare da una magistratura nella quale in tanti sono gay?

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mar, 05/06/2018 - 11:46

non si chiamano NOZZE e non è un MATRIMONIO, cari "giornalisti" le parole hanno un senso e un peso anche se VOI fate gli IGNORANTI . Sveglia !!!! sono UNIONI il che per le persone "normali di cervello" cambia e molto .

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mar, 05/06/2018 - 11:50

Di questo passo, la corte di giustizia al rovescio, riconoscerà anche che i bambini li porta la cicogna, dopo averli prelevati da sotto un cavolo.

fisis

Mar, 05/06/2018 - 12:14

Ma se due, maschi o femmine in assortimento vario, si vogliono sposare (contenti loro), perchè lo stato dovrebbe opporsi?

francoilfranco

Mar, 05/06/2018 - 12:34

Lo chiamano terzo polo. Vogliono a tutti costi far accettare qualcosa di innaturale etichettandolo come normale. Cosi non e'!!! La famiglia tradizionale e'costituita da un uomo ed una donna, una mamma ed un papa'. Ognuno e' libero nel rispetto del decoro e delle leggi in vigore, di intrecciare i propri rapporti sentimentali come crede, ma questi non rappresentano la normalita' se non una assoluta deviazione dalla stessa. Pretendere il riconoscimento giuridico del matrimonio tra due persone dello stesso sesso e la classificazione di genitore 1 e genitore 2, questo si che' e' fatto grave anzi gravissimo, l'ennesimo tentativo dei frustrati di rinnegare l'ovvio legittimato da madre natura.

Ritratto di bimbo

bimbo

Mar, 05/06/2018 - 13:05

Un altro passo avanti, a voglia crescere veramente, solo illusioni ottiche.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 05/06/2018 - 13:14

Purtroppo viola la costutuzione più bella del mondo......non si può fare.

Giorgio5819

Mar, 05/06/2018 - 13:26

Basta che non si sognino di normalizzare il commercio di feti per consentire ai deviati di comprare figli...

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 05/06/2018 - 17:31

---fisis--non la fare così facile come un bambino di 5 anni---perchè al matrimonio--che è un contratto in tutti i sensi--si regolano pure dei diritti---di successione- reversibilità e quant'altro---capito qual'è il nocciolo della questione?

Divoll

Mar, 05/06/2018 - 20:33

Ecco un'ulteriore buon motivo per uscire dalla UE.

fisis

Mar, 05/06/2018 - 20:50

@elkid Riassumendo: pare a me che è il comportamento di chi crede o attua quelle discriminazioni contro le persone con determinate caratteristiche ad essere perverso, innaturale e disumano, non viceversa. (ah, per inciso: "qual è" si scrive senza apostrofo)

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 05/06/2018 - 23:00

--fisis--guardi che io peroro la sua causa--dico solo che dietro il falso perbenismo dei catto-fasci --molto più prosaicamente si nascondono motivi economici--grazie per la lezione di grammatica--nessuno è perfetto--manco i russi --anche se abbiamo putler che vuole dare l'idea di esserlo--

Alessio2012

Mar, 05/06/2018 - 23:25

CREDONO, COSI' FACENDO, DI ESSERE BUONI, DI ESSERE DALLA PARTE DELLA GIUSTIZIA E DI DIO. INVECE SONO SOLO DEI FESSI...