Cortina dimentica la crisi e sogna di tornare a volare

Dopo anni di appannamento la città ladina è di nuovo in auge. E c'è pure un progetto per riaprire l'aeroporto

Cortina d'Ampezzo (Belluno) - Dimenticate Mortina. E dimenticate anche la battuta molto in voga tra i romani, che qui sono sempre tanti e si fanno notare, perché Roccaraso è dei napoletani, l'Appennino è da sfigati e se devi fare centinaia di chilometri allora tanto vale il meglio (e riecco la cinematografia del romano a Cortina, dall'Alberto Sordi del Conte Max e di Vacanze d'Inverno al Cristian De Sica di Vacanze di Natale), battuta secondo cui: «Cortina nun è più Cortina da 'n'pezzo». Dimenticate quei tempi, mica tanto lontani poi, roba di quattro o cinque anni fa, in cui la Perla delle Dolomiti era offuscata, impolverata, con i finanzieri sguinzagliati a caccia di scontrini non emessi e di affitti in nero, le griffe che se ne andavano e una mondanità in fuga, perché no, essere fermati dal militare per un caffè appena usciti da un bar di Corso Italia non è per la multa ma è davvero volgare.

Ora Cortina torna a volare. E vuole farlo davvero. Una cordata d'imprenditori guidata dal trevigiano Bruno Zago, che è un gigante della carta riciclata al punto di farci perfino le poltrone, vuole riaprire la pista di Fiames. Oggi chi non vuole arrivare ad Ampëz con la sua auto, non ha molte alternative: andare in treno e auguri oppure atterrare in aereo a Verona, a Treviso, a Bologna e lì sottostare alla dittatura dei pullmini extralusso o dei taxi. Comunque ore. Il fatto è che il Sant'Anna (così si chiama lo scalo ampezzano) è una specie di tabù impronunciabile da quando un Cessna 206 della Alialpi si schiantò in fase di decollo, uccidendo tutte e sei le persone a bordo. Era il 31 maggio 1976 e da allora il campo di volo del Cadore ha visto volteggiare solo sporadici elicotteri e si è trasformato in un parcheggio per camperisti. Ma ora l'idea è quella di riaverlo in tempo per i Mondiali di sci 2021 già assegnati a Cortina. Zago è convinto che bastino 10 milioni, al massimo 12, e di rifarsi dell'investimento in pochi anni. Il progetto prevede un pugno di voli al giorno, 25mila passeggeri all'anno, la pista allungata dai risicati mille metri ai più tranquillizzanti 1.500, il riorientamento della stessa per renderla più sicura, tutte le strumentazioni all'avanguardia per non temere più il forte vento e il Col Visentin che incombe lugubre.

Sono giorni di sole e di sogni, questi del Natale 2016. Pazienza se la neve sui 115 chilometri di piste al Falzarego, alla Tofana, a Fedare, è quella farinosa sparata dai cannoni che qui cento anni facevano ben più ferale mestiere, e a proposito se vuoi qui vicino passa il Giro della Grande Guerra che puoi fare con gli sci. Pazienza se il comune è commissariato perché il sindaco Andrea Franceschi si è beccato tre anni e mezzo per aver manipolato un appalto per i rifiuti e ora in Comune siede un commissario come fossimo in Calabria. Pazienza se tredici vigili urbani sono stati indagati e poi prosciolti perché sospettati di intascare i soldi delle multe.

Pazienza tutto. Qui la voglia di staccarsi dal Veneto e quindi un po' anche dall'Italia pare passata, le strade sono piene e sembra sempre che stia per accadere qualcosa, magari anche niente, perché la cittadina ampezzana è sempre sospesa tra pretese di mondanità e voglia di riposo e riservatezza. Ma intanto al Cristallo, al Grand Hotel Savoia e al Rosapetra non c'è una stanza libera, alla Baita Fraina si impazzisce per lo sformatino alla zucca su fonduta di Asiago dop 12 mesi e al ristorante stellato Tivoli si fa la fila per mangiare il pesce (che arriva da Chioggia) cucinato da Graziano Prest. L'aperitivo, quello si prende all'LP26, preferibilmente con una giacca di montone per citare gli anni Ottanta di Vacanze di Natale e Jerry Calà che canta «Maracaibo» (mare forza nove, partire si ma dove) al Vip Club, oppure al Bar de la Poste o all'Enoteca Cortina. La sera si balla al Bilbò, al Belvedere, oppure all'hotel Europa con la sua atmosfera così dolce vita.

E la vita è dolce davvero. I negozi di Corso Italia sembrano tornati in voga, da Franz Kraler, multibrand store (si dice così) ha appena aperto un corner con gli accessori parigini di Roger Vivier e le «it girls» (si aridice così) giovani-carine-e-stilose vanno in pellegrinaggio in composto sollucchero. La recente Cortina Fashion Week ha riportato la cittadina ai fasti degli anni Sessanta, quando Marta Marzotto se la faceva con Giuseppe Berto, Indro Montanelli, Alain Delon e Roman Polanski. Si sono visti la principessa Patrizia Asburgo Lorena con Alessandro Sallusti, il bello di Suburra Alessandro Borghi, la blogger argentina Candela Novembre, Francesca Chillemi in versione mamma, un po' di rampolli dell'industria come Sabrina Benetton, Annachiara Zoppas, l'immancabile Gianluca Vacchi con i suoi addominali e il suo balletto. Ma ci sono anche le famiglie, con gli asili-neve sulla Tofane e i rifugi col bombardino. C'è un pubblico sempre più internazionale che della mondanità non sa che farsene e al massimo sogna un golf a 18 buche invece che 9 per l'estate.

Cortina è Cortina. E da 'n'pezzo se ne frega degli altri.

Commenti
Ritratto di franco.a.trier_DE

franco.a.trier_DE

Mar, 27/12/2016 - 09:08

Cortina potrebbe ospitare un po di extracomunitari.Ci sono ottimi hotel a Cortina.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 27/12/2016 - 10:27

Dimostrazione di quello che accade in itaglia. I poveri di piu' e sempre piu' poveri, i ricchi sempre meno ma piu' ricchi. Mi associo all'idea di ospitare nei 4 stelle un po di risorse, mi raccomando, corsi di sci gratuiti.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 27/12/2016 - 13:46

@Stenos - ottimo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 27/12/2016 - 13:47

Stenos - Ottimo. Magari i sempre meno ma più ricchi sono in maggioranza di sinistra, i famosi radical chic, quelli che non li vogliono, ma predicano e pretendono l'accoglienza dagli altri.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 27/12/2016 - 15:55

@Leonida. Esatto.