Così Cipro unita aiuterebbe tutto il Mediterraneo

L'isola sta diventando un polo regionale dell'energia, fondamentale è la sua riunificazione

Uno dei fattori chiave che hanno permesso a Donald Trump di vincere a novembre è stata l'enorme voglia di cambiare la politica interna. Eppure la sua presidenza può offrire enormi opportunità anche per quanto riguarda la politica estera e Cipro, insieme al resto dei Paesi dell'Est Mediterraneo, potrebbero così essere tra i primi beneficiari della politica estera di Trump.

L'isola è divisa dal 1974, nonostante i vari tentativi di riunificazione. Trump non è il primo presidente a seminare speranze per Cipro unita, ma questa volta, dopo molti anni, ci sono seri motivi di credere che un accordo totale ed equo è possibile.

Prima di tutto la figura di Trump. È la prima volta che nella storia americana sale alla Casa Bianca qualcuno di così fondamentalmente diverso rispetto ai suoi predecessori. Molti studiosi si sono focalizzati sulle ripercussioni negative che la politica di Trump porterebbe, ma allo stesso modo sono in vista cambiamenti positivi.

Inoltre, a pesare in senso positivo, c'è la nomina del segretario di Stato. Benché Rex Tillerson abbia una scarsa esperienza nel governo, ha lavorato per dieci anni alla ExxonMobil, una compagnia con 75mila dipendenti, che opera in duecento Paesi. Prima ancora ha personalmente seguito e guidato il processo attraverso cui ExxonMobil ha raggiunto la sua invidiabile posizione in Russia, il più grande produttore di energia del mondo. Insomma, un curriculum che la dice lunga sulle sue capacità.

E non da ultimo c'è la tempistica. Cipro sta costruendo molto rapidamente il suo polo energetico regionale per l'est Mediterraneo. Dalle recenti attività di esplorazioni è stata confermata la presenza di depositi di gas naturale.

Questo sviluppo energetico di Cipro potrebbe essere un perno di vitale importanza, primo per la sua posizione geografica, insieme alla sua posizione geostrategica, e per il fatto di essere membro dell'Unione Europea e, non da ultimo, per lo sviluppo industriale della regione.

Molti protagonisti si sono già messi in gioco, incluso la ExxonMobil che, insieme al Qatar Petroleum, il più grande produttore di gas naturale, si è assicurata i diritti di esplorazione del Blocco 10 del Cyprus Exlusive Economic Zone. In campo c'è anche Rosneft, una delle compagnie di energia più importanti della Russia, e Soyuzneftegaz, un'altra compagnia russa.

In questo delicato momento storico, Cipro trarrebbe ovviamente grandi vantaggi da una riunificazione. Prima di tutto, evidentemente, attrarrebbe più investitori. Se il riavvicinamento tra il presidente russo, Vladimir Putin, e il turco, Recep Tayyip Erdogan, continua così come sostengono molti osservatori, sarà più facile portare avanti una negoziazione positiva. E questo ci fa tornare alla nuova amministrazione americana. Sia l'Unione Europea che l'Onu si sono impegnate a cercare un'intesa su Cipro ma per superare l'ostacolo «dell'ultimo miglio» potrebbe venir richiesto un impegno americano più intenso.

Cipro unificata, che diventa un polo regionale dell'energia sarebbe così un vantaggio non solo per se stessa ma ridurrebbe le tensioni tra Ankara e Atene, e tutti i Paesi vicini del Mediterraneo avrebbero vantaggi dalla stabilità ritrovata, incluso più turismo e più investimenti.

Un discorso non certo facile da realizzare: il processo di unificazione non è facile da raggiungere. Ecco perché una volontà solida dei protagonisti è così fondamentale; le potenziali ricadute positive derivanti dal settore energetico di Cipro potrebbero essere così più forti delle rimanenti obiezioni. È quindi tempo di dare un'opportunità costruttiva e dare un regalo di pace prima a Cipro poi ai paesi del Mediterraneo.

Roudi Baroudi
Ceo della Energy & Environment Holding, basata in Qatar

Commenti

cgf

Mar, 17/01/2017 - 09:29

Se i Turchi tornassero a casa loro, Cipro sarebbe già riunita. Il gas anziché unire, dividerà ancor di più.

maurizio50

Mar, 17/01/2017 - 10:06

La riunificazione di Cipro è praticamente impossibile. Quand'anche nascesse una intesa tra i rispettivi governanti, le popolazioni greca e turca non approverebbero mai, stante i secolari dissidi tra le due comunità. Almeno con il territorio diviso in due parti, evitano di spararsi addosso da casa a casa!!

Franco Ruggieri

Mar, 17/01/2017 - 10:52

Non succeda mai! Sarebbe come mettere i cristiani ciprioti in mano all'islam (non esiste islam radicale o moderato:l'islam è il male assoluto.Leggete il corano, con i suoi 44 incitamenti a uccidere i non maomettani, e lo capirete).

MaxSelva

Mar, 17/01/2017 - 12:52

mmm... dov'e' la notizia ? Trump puo' aiutare Cipro, puo' aiutare i marziani, puo' andare a pescare... puo' ... oppure no...