"Così il Pd non ha senso". Cuperlo invoca il congresso e agita (di nuovo) i dem

L’esponente del Partito Democratico (ri)mette tutto in discussione

In attesa che l’assemblea Pd, sabato, elegga Maurizio Martina segretario, per affrontare questa fase (più che) calante dei dem, Gianni Cuperlo sferza il partito.

Il triestino, infatti, in una lunga intervista rilasciata all’Huffingtion Post, ha voluto (ri)mettere tutto in discussione, invocando il congresso. Per ottenere due risultati: la discontinuità e una nuova classe dirigente. E se di Carlo Calenda non parla neanche, nomina invece Zingaretti ("Con lui c'è un'amicizia nata trent'anni fa" dice), anche se non si sbilancia: "Serve un segretario che si dedichi al partito e non abbia altre ambizioni. Sarò più chiaro, in un'epoca dominata dal proporzionale e da tre poli il segretario del Pd non sarà per forza il candidato premier e con ogni probabilità non lo diventerà".

La schietta analisi di Cuperlo inizia qui: "I numeri sono spietati: dieci anni fa il Pd raccolse 12 milioni di voti, cinque anni dopo 8 milioni e mezzo, mentre il 4 marzo ci hanno votato 6 milioni di italiani. Se un decennio ti dimezza vuol dire che una parte del tuo mondo ha perso fiducia in te. Ma questo è solo un lato della medaglia. L'altro è nella incapacità di costruire un consenso più ampio. Perché se scavi nel risultato, ma anche se metti piede in un circolo, scopri che la tenuta è tra pensionati e lavoratori garantiti mentre vedi pochissimi di quelli che la recessione ha punito o espulso".

Cuperlo su Salvini e la destra

Il piddino, poi, analizza il fenomeno Salvini: "Intercetta un sentimento che c'è, si chiama paura e deforma atteggiamenti, modi di pensare. Se vivi nell'angoscia che altri, magari più disperati di te, ti portino via il poco che hai la prima reazione è giudicarli il nemico. Gli immigrati assolvono pienamente al ruolo. Non conta che oggi su quel fronte non vi sia alcuna emergenza. Per scatenare l'onda, il nemico basta additarlo".

E presica: "La destra semplifica, radicalizza. ‘Sei un ladro e mi entri in casa? Ho diritto a spararti’, ‘Nei campi rom ci mando la ruspa’, ‘I migranti? Gente in crociera’. Certo che sono formule irricevibili ma in mezzo a un sacco di gente che sta male penetrano come lama nel burro. Anche in questo caso la risposta non può limitarsi allo sdegno. A me come a chiunque, non dico di sinistra ma di buon senso, quelle espressioni fanno ribrezzo. Il punto è convincere la parte di persone che sta male che l'alternativa esiste e ci sono soluzioni in grado di garantire la loro sicurezza senza rinunciare alla civiltà di tutti".

Tornando agli eterni dissidi del Pd, nel Pd, ecco il suo auspicio sul congresso: "Dico una parola soltanto: presto. Ma facciamolo scomodando cuore e cervello, non il pallottoliere. Occorre costruire una nuova leadership e un'altra classe dirigente ma sopra ogni altra cosa tornare a conoscere e ascoltare la parte che vogliamo rappresentare. Basta trasformismi. Riscriviamo i fondamentali a partire dal primo: se sei la sinistra, che tu parli di migranti o lavoro, di scuola o fisco, non puoi fare il mestiere della destra né inseguirla sperando di raccoglierne le briciole".

Ma raggiungere la "pace" politica intra Partito Democratico è una chimera (?).

Commenti

giovanni951

Mer, 04/07/2018 - 09:52

cosi? il pd non ha senso in nessun caso.

DRAGONI

Mer, 04/07/2018 - 09:55

AGITA I DEM ? FARA' UN MIRACOLO SE CI RIESCE. I DEM SONO IN PROFONDO E NON REVERSIBILE COMA POLITICO.

steacanessa

Mer, 04/07/2018 - 10:12

Riprovo. Cuperlo è un fighetto, Martina l’impersonificazione della tristezza. Dove volete che vadano? Già lo sapete. Bisogna ricordare loro che l’agitazione amplifica il dolore e fa godere gli altri.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 04/07/2018 - 10:18

Questo genio ha capito tutto. Per racimolare voti bisogna perseverare nelle genialate perseguite dal PD nei corsi di questi anni. In primis l'accoglienza parossisitica. Lasciamoglielo credere...

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 04/07/2018 - 10:32

Né così, né conò. Il PD é "spiritualmente" morto, perché ha preferito gli "affari" alla gente, i suoi interessi al dovere, il tornaconto proprio al benessere generale. L'esempio si é avuto nello "sfruttamento" economico, a vantaggio proprio ed a spese degli Italiani, dell'invasione islamica in atto dalla Libia, portando gli incassi delle loro pseudo cooperative alle stelle, salendo da 20 a 35 euro per migrante "assistito" (il doppio si quanto costino in Spagna). Renzi è riuscito a passare da un 41% di voti ingenui al disastroso 19% dell'ultima elezione, di voti consapevoli, destinato a sprofondare alle prossime consultazioni. Renzi-Boschi é stato il passa-morto per il comunismo dell'ilarità (la libertà ce l'hanno in Banca), quello degli Italiani truffati anche dalla loro Banca: meglio ridere che piangere…in fondo ci siamo liberati dai due, Renzi - Boschi, un disastro epocale.

Papilla47

Mer, 04/07/2018 - 10:34

Tornare a conoscere e ascoltare la parte che vogliamo rappresentare? Ma siete solo voi la parte che volete rappresentare in continuo calo man mano che diminuirà la vostra disponibilità economica. Fighetti non è stato mai conveniente per voi ascoltare le difficoltà del popolo.

Libertà75

Mer, 04/07/2018 - 11:47

Cuperlo ha ricette da spendere per aiutare i poveri, e in 7 anni il PD che ha fatto? Ha aumentato i poveri. Poi la colpa è di Salvini che va dai poveri a fargli capire che sono poveri perché bisogna mantenere il business dell'immigrazione e la redditività della finanza. Allora, è Salvini ad essere populista o Cuperlo a non capire come sia fatta la società? Penso entrambe, ma è giusto ricordare a Cuperlo che il populismo è il sale della democrazia, è la storia del PCI e soprattutto è il maggior strumetno di pace sociale perché incanalizza il dissenso in forma di rappresentatività. La ricetta di Cuperlo è più diritti, più ricchezza e più immigrati. Ripeto, perché non l'hanno fatto in 7 anni? Già, non è colpa loro, è colpa del bomba... ma il bomba è roba loro. L'anima rossa del PD farebbe bene a staccarsi e a fondersi con i 5stelle e seguire Fico.

Ritratto di Sara.Insirello

Sara.Insirello

Mer, 04/07/2018 - 12:02

Certo che sul "fenomeno Salvini" ha capito proprio tutto, accipicchia. A proposito della strategia della paura e dell'angoscia, chi è che diceva che se avesse vinto Trump sarebbe stato l'armageddon? Chi è che diceva che la Brexit sarebbe stato il cataclisma? Chi è che diceva che se avesse vinto Salvini sarebbe stata l'apocalisse? Chi è che, ogni volta che il popolo si trova a doversi esprimere, prospetta scenari da finimondo se non vota quello che dite voi? Il fascismo. Personalmente, e credo di non essere neppure l'unica, se l'unica alternativa a voi fosse Mussolini, sceglierei Mussolini senza esitazione. Ecco, questo è il pensiero che dovreste analizzare.

ginobernard

Mer, 04/07/2018 - 12:25

il problema del PD è che si è allineato troppo alla CEI e disallineato da buona parte del popolo. Non siamo tutti chierichetti ... anzi auspico un giorno in cui i luoghi di culto siano sostituiti da strutture mediche psicologiche ... la psicoterapia serve molto di più della religione. Molto di più.

tonipier

Mer, 04/07/2018 - 12:48

" NON MOLLANO LA PRESA... Molti di questi dovrebbero provare le patrie galere... I partiti ed i sindacati, infatti, hanno perduto sopratutto in Italia la originaria fisionomia e l'ideale funzione di entità che dovrebbero contribuire alla determinazione della politica nazionale ed alla elevazione delle condizioni sociali di una comunità etnica e sono degradati in combutte che prosperano sulla irreggimentazione delle aggregazioni massuali, sulla fomentazione delle passioni popolari, sulla esasperazione delle condizioni di subbuglio politico-sociale.

Duka

Mer, 04/07/2018 - 13:06

L'ennesimo FANNULLONE in cerca di comoda poltrona.

pardinant

Mer, 04/07/2018 - 13:08

La sinistra avrebbe dovuto proteggere l'ex proletariato come operai, braccianti, precari, disoccupati ma ha preferito difendere gli immigrati che di fatto si andavano a contrapporre ai suddetti nel mercato del lavoro favorendo il capitalismo, che trovava mano d'opera a basso costo e danneggiando ulteriormente i primi con nuovi concorrenti per gli scarsi posti di lavoro disponibili. Come può il PD pensare di avere i voti del proletariato attuale, quando lo ha danneggiato pesantemente? Non andate a cercare troppo lontano il perchè di una sconfitta, spesso le risposte sono sotto gli occhi, basta volerle vedere e non volersi dare ad ogni costo risposte astruse per mantenere le posizioni indifendibili.

Ritratto di GuerrieroDelNord

GuerrieroDelNord

Mer, 04/07/2018 - 14:43

Vedi Cuperlo, nessuna classe dirigente risolleverà mai il PD e più in generale la sinistra per un motivo molto semplice: la gente non è così stupida come pensate voi. Fintanto sosterrete che le questioni che affliggono gli italiani, immigrazione clandestina in primis, sono solo falsi problemi che la gente scambia invece per veri in quanto ingenua e facilmente abbindolabile, beh... cari miei... non sprecate neanche tempo a cercare di rifondare il partito...