Così si mangiano i nostri soldi

Ci hanno provato in tanti. Nel disadorno vocabolario della Prima Repubblica si chiamavano «Commissioni tecniche per il contenimento della spesa pubblica». Poi - in epoche più smart - arrivò la «spending review». Con risultati simili: battaglia (fin qui) persa. Enti sovvenzionati, società partecipate, organismi pubblici o finanziati dallo Stato, ecco il grande carrozzone che viaggia a spese dei contribuenti, divora fondi e non produce ricchezza. Sorretto da una legislazione tanto contorta da proporre toppe peggiori dei buchi. Lo scrive la Corte dei conti nel documento di «Programmazione dei controlli e delle analisi per l'anno 2015», pubblicato solo pochi giorni fa: «Alcuni enti sono stati soppressi o accorpati, nell'ambito di un generale percorso normativo di razionalizzazione delle attività della pubblica amministrazione», e tuttavia «il numero e la tipologia di enti da assoggettare a controllo sono aumentati negli ultimi tempi».

da pagina 13 a pagina 15

Commenti

unosolo

Lun, 13/04/2015 - 15:01

sono stati creati per piazzare persone amiche , enti , o chiamateli come volete , tutti con lo scopo di elargire soldi nostri ad amici o parenti dei politicanti di turno , nessuno li toglie per non far torto ad altri che un domani useranno lo stesso metro e non toccheranno ma miglioreranno certamente sotto varie forme come " accorpamento " praticamente manteniamo parassiti politici o amici di tali.