Così si muore di cancro tra tossici, scotch e panini

Nel pronto soccorso l'agonia di un uomo che per 56 ore i parenti hanno tentato di proteggere dall'indifferenza

Morire in un letto di un pronto soccorso davanti agli occhi di una folla eterogenea di tossicodipendenti, anziani abbandonati, familiari giunti a portare panini e pizza ai parenti ricoverati. Passare le ultime 56 ore di vita nascosto dietro a un maglione fissato al muro con lo scotch quasi a fare da paravento, per cercare di nascondere la sofferenza, aggrappandosi all'ultimo scampolo di dignità. Marcello se n'è andato così, nella confusione del pronto soccorso del San Camillo, uno dei tanti ospedali di una capitale che fino a qualche giorno fa guardava alle Olimpiadi, ma nel medagliere colleziona solo vergogne da record.

A denunciare quanto accaduto all'anziano, malato di cancro, è stato il figlio Patrizio Cairoli, giornalista di Askanews, che in una lettera ha chiesto l'intervento della ministra della Salute, Beatrice Lorenzin. Dopo la scoperta del tumore, per tre mesi il padre ha aspettato inutilmente di iniziare la radioterapia. Nell'attesa gli è stata proposta quella «palliativa», che è servita a poco, perché i dolori alle ossa sono aumentati così tanto da impedirgli di camminare. «Un calvario, nell'indifferenza di medici, che si limitavano solo ad aumentare la sommistrazione di tachipirina - si legge nella missiva -. Nessuno ci ha aiutati a comprendere, nessuno ci ha detto quello che avremmo dovuto fare, ovvero rivolgerci a una struttura per malati terminali e garantirgli, con la terapia del dolore, una morte dignitosa. Quando l'ho fatto, era ormai troppo tardi: il giorno dopo papà è finito al San Camillo».

A Marcello viene iniettata morfina, ma la situazione precipita. La fine è impietosa. «È morto dopo 56 ore, passate interamente in pronto soccorso - scrive Cairoli -. Lo ripeto: cinquantasei ore in pronto soccorso, da malato terminale, nella sala dei codici bianchi e verdi, ovvero i casi meno gravi. Accanto aveva anziani abbandonati, persone con problemi irrilevanti che parlavano e ridevano, vagabondi e tossicodipendenti che, di notte, cercavano solo un posto dove stare». E nell'orario delle visite arrivano i parenti dei ricoverati. Altra confusione, altro caos. Il figlio protesta, chiede una stanza in reparto o in terapia intensiva, ma ottiene solo un paravento. Allora la famiglia prende un maglioncino, con lo scotch lo fissa tra il muro e il paravento, protegge la sofferenza dell'anziano formando una barriera con i corpi e attende la fine. Vergognosa.

Il direttore sanitario del nosocomio, Luca Casertano, interviene sul caso spiegando che nella Regione Lazio sono operative strutture territoriali per accompagnare al termine dell'esistenza di malati oncologici presso il proprio domicilio o presso strutture residenziali protette.

«I pronto soccorso di quasi tutti gli ospedali di fatto non dispongono di un'area strutturata per accogliere le persone in fine vita - ha sottolineato -. Tuttavia, a volte, accade che i familiari, di fronte all'improvviso aggravamento, accompagnino il congiunto presso il pronto soccorso più vicino per un estremo, ma purtroppo vano, tentativo di salvargli la vita. Il signor Cairoli, malato terminale-oncologico, era nell'area dei codici verdi e bianchi non per la gravità clinica, ma perché presso quel settore è consentito l'accesso dei familiari in maniera più continuativa, cosa impossibile nell'area cosiddetta critica dove ci sono i pazienti più gravi».

Ma il caso ha fatto rumore e la Regione ha chiesto una relazione al manager dell'ospedale, mentre la ministra Lorenzin, secondo regolamento, ha disposto già l'invio di una task force per accertare se e in che modo siano stati lesi privacy e dignità dell'anziano paziente terminale.

Commenti
Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Gio, 06/10/2016 - 09:36

Sempre dopo, sempre e soltanto dopo. La Lorenzin manda gli ispettori, wow, che coraggio, che carattere! Signora Lorenzin invece di buttare via i soldi per delle campagne idiote faccia qualche giro in più negli Ospedali, ma senza telecamere, a sorpresa o in incognito. Vada a vedere perché succedono certe cose e vada a capire come NON DOVREBBERO PIU' SUCCEDERE. La storia è tragica, tristemente tragica. Io non ci dormirei la notte se sapessi che certe cose succedono sotto la mia responsabilità.

Gibulca

Gio, 06/10/2016 - 10:08

Ma cosa volete aspetarvi da una città come Roma dove nessuno rispetta le norme civiche e professionali, dove tutti si buttano nel fregare il prossimo, dove la parola d'ordine è "ma che me frega" e dove i soldi pubblici sono butati in consulenze d'oro, in stipendi per personale inutile, in festival del cinema, in padiglioni fieristici inutili e inutilizzabili e in mille altre assurdità? Sono vicino, naturalmente, ai familiari de defunto di cui sopra. Ma sinceramente. Purtrppo scontano un pessimo modo di vivere di questa specie di città sede di governo e Parlamento (chiamarla "capitale" fa ridere) che non si è nemmeno vergognata - davanti a tutta l'Italia che la mantiene in vita - di volere le Olimpiadi.