Così si ritorna al bipolarismo: bocciati i 5 Stelle governativi

Il voto regionale conferma i sondaggi: ritorna il bipolarismo, i Cinque Stelle "catapultati a cinque anni fa"

Continuano gli errori dei Cinque Stelle anche dopo la sconfitta abruzzese. La dichiarazione della ex candidata presidente dei grillini rievoca il politichese più bieco della politica: "Il dato è confortante, il Movimento 5 Stelle conferma il risultato di cinque anni fa. Il dato sconfortante è per gli altri...". Così Sara Marcozzi che già per questa dichiarazione si guadagna la "conferma della sconfitta". Come si fa a dire: conferma il risultato di cinque anni fa se, cinque anni fa, c’era un ceto politico completamente differente. Era un’altra Era. C’era un uomo che tutti ritenevano il nuovo Superman, Matteo Renzi, così come un Pd che vantò un 40% di consensi.

Tornando all'Abruzzo, a conferma della valutazione inconsistente, il paragone con il 2014 non è ipotizzabile neanche per altri. Difatti la Lega alle precedenti regionali non presentò propri candidati così come un anno prima, e quindi nelle politiche 2013, si guadagnò poco più di 1400 voti (1407) attestandosi allo 0.2 mentre, oggi, nello stesso lasso di tempo rispetto alle rievocate precedenti, passa dal 14 a circa il 28%. Già questo dato dovrebbe far impallidire i Cinque Stelle. Cosa succederà ora nel governo? Nulla, perché a Matteo Salvini conviene tenere attacca la spina per confermarsi anche alle europee. Nel paradosso chi dovrebbe far una retromarcia, dovrebbe esser proprio il Movimento 5 Stelle che negli undici mesi trascorsi, mentre la Lega raddoppia, dimezza passando dal 39.6% a bene o male la metà dei consensi. Questo, insieme a quello dei salviniani, è un vero e proprio giudizio politico. Avrebbero fatto meglio a non cambiare il loro mantra? Lo ricordate? Dicevano: governeremo il Paese soli quando prenderemo il 50% + 1 dei voti. A Marzo non arrivarono ed accettarono l’abbraccio mortale. Gli anti governativi potranno certamente pensar male dell’esecutivo giamaicano ma nel paradosso, se avessero più a cuore la sconfitta dei populisti fautori dell’anti politica, dovrebbero ringraziare il giustiziere Salvini.

Ed ora? Salvini aspetterà le regionali sarde, sperando di continuare a dare secchiate di latte a tutti, poi le elezioni europee e dopo deciderà. Due le vie: stesso governo per arrivare alla tornata regionale del 2020 magari accorpando le elezioni politiche anticipate o dare un’accelerazione a queste ultime? Con il dato abruzzese, se questo dovesse essere confermato anche alle europee di maggio, si certifica o certificherebbe: la rinascita del bipolarismo (centrodestra vs centrosinistra) e naufragio di governi alternativi Pd-Cinque Stelle. Si perché se Forza Italia perde quasi un terzo dei voti rispetto a marzo, insieme a Fratelli d’Italia, sono determinanti per dare solidità governativa sui territori ed anche a livello nazionale allo stesso ministro all'Interno.

Seppur queste siano sempre elezioni regionali è pur vero che confermano i sondaggi che per Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio, sino a ieri, erano sempre poco credibili. La strategia dell’erede di Umberto Bossi? Fare ciò che fece Silvio Berlusconi per rispondere alla unificazione tra Margherita e Democratici di Sinistra dando vita al Pd (pensavano con questa strategia di sconfiggere sconfiggere il cavaliere ma alle elezioni persero consegnandogli il governo del Paese) e questo creando il Pdl? Potrebbe esser così assorbendo, per riportare un’alleanza anche nazionale (oggi i leghisti dicono solo sui territori) e garantendo tutti, rianimando un bipolarismo e mettendo nuovamente all'angolo i Cinque Stelle come terza forza politica? Fantapolitica? In politica nulla è fantasioso... Ma se per attaccare Salvini si continua ad usare Sanremo, alla domanda di Mahmood: "... come va, come va...?"; Matteo risponderebbe, rievocando Albano e Romina: "... tutto ok, tutto ok...".

Commenti

schiacciarayban

Lun, 11/02/2019 - 09:09

Il risultato sorprendente è che c'è ancora un 19% che ha votato 5S!

leopard73

Lun, 11/02/2019 - 09:11

Non poteva essere DIVERSAMENTE!!! Quando DI Maio va in TV a dire abbiamo abolito la povertà in ITALIA, bene pensatela come volete di fronte a testuali parole!!!!!

lappola

Lun, 11/02/2019 - 09:11

Tutto merito del presidente dalla camera che poi finirà per andare a presiedere i gabinetti.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 11/02/2019 - 09:22

State tranquilli che la sx non si piega,non penserà di fare qualcosa dibuono per riavvicinare la platea che non ha votato o ha votato contro, penserà solo come mettere i bastoni tra le ruote all'avversario pur di andare contro la gente. Gli sposterà una marea di africani? Tanto che possono fare quelli del cdx, la giustizia sta dall'altra parte.

Chiara Mente

Lun, 11/02/2019 - 09:39

Nemmeno da pensarci. Il PD è sotto al 10%, praticamente sparito, e non è che a livello nazionale si possa presentare un Legnini con le sue liste civiche che è, invece, conosciuto a livello locale e votato più del dovuto. Il Centro-Sx alle politiche supererà a malapena il 20% mettendo tutti, ma proprio tutti insieme, dai centristi post DC ai neo partiti comunisti, passando dai radicali per l'Europa. Il M5S conserverà invece il suo 25-30% di voti.

omaha

Lun, 11/02/2019 - 09:45

Per colpa del movimento 5 stelle, il pd ha ancora il 30% O il Movimento 5 stelle, comincia a dar via libera alle grandi opere, che servono come l'aria al paese o Salvini deve lasciarli soli. Sono dannosi per il paese e tolgono il blebiscito che avrebbe la lega, se non dovesse sottostare a delle idee allucinanti che ha il m5s

Mborsa

Lun, 11/02/2019 - 09:58

Il bipolarismo eventuale sarà tra una aggregazione di cdx, con la Lega maggior azionista, e una aggregazione di csx, con il M5S come maggior azionista. Non sarà un ritorno al passato, perché FI e PD forniranno solo qualche competenza ad integrazione degli azionisti di maggioranza. Il 19% del M5S è un buon dato, considerando che senza apparentamenti con altre forze, la candidata era destinata a perdere. Queste elezioni, se confermate, spingeranno M5S e PD a cercare un accordo.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 11/02/2019 - 09:58

Quando nel partito hai gente come fico, de falco, dibbbba, non vai lontano.

buri

Lun, 11/02/2019 - 10:00

apero che quel risultato faccia rinsavire Sallvini e che stacchi la spina al governo e rimandi i grillini ad imparare prima di voler gestire e governare

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 11/02/2019 - 10:09

solo gli stupidi sottovalutano gli avversari, secondo me è presto per vendere la pelle dell'orso!

senzaunalira

Lun, 11/02/2019 - 10:09

E' un test sulle amministrative dove la base ideologica e di indirizzo politico generale spesso vacilla, oltretutto è una votazione uninominale. Il dato esteso alle politiche nazionale conferma lo status quo, ma pone anche una questione: allora la sinistra è al 35% e potrebbe fare un bel inciucione con il M5S e raggiungere la maggioranza del 52%?

MATRIX_70

Lun, 11/02/2019 - 10:53

Non mi sorprende il dato Regionale. Prevale sempre il "MAGNA-MAGNA" dei partiti in queste occasioni. A livello nazionale ritengo che il M5S valga ancora almeno il 25%.

Libertà75

Lun, 11/02/2019 - 11:51

che buffonata far passare i 5stelle come perdenti, cosa conta ancora il PD? vediamo alle europee che sono più assimilabili ad un reale termometro politico... allora vedremo se il PD supererà il 15%

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 11/02/2019 - 12:06

@schiacciarayban - il risultato sorprendente che c'è ancora un 11 % di parassiti che vota PD, anche se è destinato a sparire.

SpellStone

Lun, 11/02/2019 - 14:55

M5S ha avuto una emorragia di voti ma e' ancora ben lontano dalla soglia critica del 10% dove vediamo precipitare PD e FI ( ex PD+L).

Ritratto di Civis

Civis

Lun, 11/02/2019 - 14:55

Mah, a questo punto sono i seggi, quel che conta, con PD & C a quota 5, i Cinque Stelle a 7 e il cdx a 18, di cui 10 della Lega. Cappotto.

INGVDI

Lun, 11/02/2019 - 14:55

Ancora applausi sperticati a Salvini mentre continua a prendere in giro gli italiani non opponendosi alle porcherie del governo giallo-verde. I comunistelli grillini avranno anche perso a livello locale, ma a livello nazionale comandano sempre loro, avendo il doppio dei parlamentari della Lega. Il Salvini grillizzato ha il futuro garantito. Come quello di Renzi.

schiacciarayban

Lun, 11/02/2019 - 17:22

@leonida55 - io comunque voto Meloni, quindi se cerchi di offendere hai sbagliato obiettivo. E comunque sicuramente meglio PD che 5S.