La Croazia alza il suo muro. Aiutare i migranti è reato

Un disegno di legge prevede sanzioni da 3mila euro per chiunque venga colto a dare soccorso agli immigrati

Chi aiuta un clandestino, anche solo dandogli un passaggio, riparo o sfamandolo, si beccherà una multa fino a 3mila euro. Per ora è ancora una bozza di legge, ma la nuova norma che il governo conservatore croato vuole applicare, fa già discutere. L'obiettivo non è tanto il singolo cittadino mosso da compassione, ma gli estremisti pro migranti di mezza Europa, compresa l'Italia, che dallo scorso anno si stanno mobilitando per favorire l'«invasione» di profughi e clandestini. Gli attivisti «no border» italiani scrivono chiaramente sui loro siti, che sono al fianco dei migranti «nelle loro pratiche di resistenza e violazione dei confini attraverso le frontiere interne ed esterne dell'Europa».

La scorso estate la Croazia è piombata nell'emergenza per la valanga umana giunta attraverso la rotta balcanica. La proposta di legge di Zagabria sanziona l'ospitalità in casa, il passaggio in automobile, ma pure dare un panino o dell'acqua ai migranti economici, che non hanno diritto all'asilo. Fino ad oggi la Croazia punisce chi aiuta i clandestini ad entrare o transitare illegalmente nel paese. La nuova norma, ancora da votare, è un giro di vite, che probabilmente punta anche ad arginare il fenomeno degli attivisti pro migranti. Volontari slegati dalle Ong ufficiali provenienti da varie parti d'Europa, che fanno parte della sinistra antagonista o anarchica e vorrebbero aprire i confini a tutti. Lo scorso anno in Croazia, al confine con la Serbia, si sono spacciati per personale umanitario o giornalisti pur di incanalare l flusso umano verso il cuore dell'Europa. Quando gli ungheresi hanno eretto un muro hanno fornito su internet e via telefonino le mappe per le rotte alternative indicando i percorsi sul terreno.

La proposta di legge croata è stata pubblicata ed i cittadini possono esprimere le proprie opinioni a riguardo. Si tratta del primo passo vero il voto al Sabor, il parlamento croato. Il prossimo è l'esame delle commissioni a cominciare da quella dei Diritti umani presieduta dal deputato della minoranza italiana, Furio Radin, che ha subito alzato gli scudi. Il Centro studi per la pace di Zagabria bolla la proposta di legge come «una criminalizzazione della solidarietà».

Il governo vuole inasprire le norme con multe fino a 3mila euro a chi aiuta i migranti illegali anche senza fini di lucro. L'unico intervento concesso è «per impedirne il decesso, una grave lesione o in caso di urgenti cure sanitarie».

Una norma dura, ma che punta a dissuadere i buonisti ad ogni costo e gli attivisti «no border», che abbiamo visto in azione lungo la rotta balcanica, a Calais e Ventimiglia. In marzo nel campo per i migranti ad Idomeni, in Grecia, gli estremisti sono entrati in azione due volte distribuendo volantini, pure in arabo, che annunciavano inesistenti varchi al confine macedone presidiato dalla polizia. Inevitabili gli scontri con centinaia di feriti ed una cinquantina di arresti di attivisti, poi rilasciati. Dall'Italia i «no border» aderiscono alla «staffetta» solidale «oltre la fortezza» europea. L'obiettivo dichiarato è «di mettersi in cammino a fianco dei migranti e supportarli nelle loro pratiche di resistenza e violazione dei confini attraverso le frontiere interne ed esterne dell'Europa».

Ufficialmente i soldi arrivano dalle tasche dei volontari o da raccolte fondi in rete, ma il settimanale Panorama ha scoperto che la campagna estrema pro migranti «viene ampiamente rilanciata sul sito Melting Pot Europa sponsorizzato dall'Istituto nazionale assistenza ai cittadini». L'Inac è un patronato «da oltre 40 anni impegnato nel sociale» promosso dalla Confederazione italiana agricoltori, che fornisce assistenza gratuita agli immigrati per il rilascio del permesso di soggiorno e le pratiche del ricongiungimento familiare.

L'aspetto paradossale è che la rete «no border», attiva nei più importanti paesi europei, viene appoggiata da un'organizzazione strutturata da anni: United Against Racism-Fascism-Nationalism. Fra gli sponsor oltre al filantropo George Soros, la Commissione europea ed il Consiglio d'Europa. Le stesse istituzioni viste come fumo negli occhi dai «no border» italiani, che propagandano anche nei circoli Arci la lotta contro «la fortezza Europa».

Commenti
Ritratto di Franco_I

Franco_I

Ven, 22/04/2016 - 08:49

E anche la CROAZIA fa PIU' CHE BENE. Il finto-falso buonismo NON porta da nessuna parte solo al baratro. BENE CROAZIA!!

98NARE

Ven, 22/04/2016 - 08:53

W LA CROAZIA E CHI DICE QUESTO. OIU' ALTO IL MURO GRAZIE

sbrigati

Ven, 22/04/2016 - 08:56

Ti pareva non fosse un "italiano" a voler maggior tutela per i clandestini.

Ritratto di Tuula

Tuula

Ven, 22/04/2016 - 08:57

Viva la Croazia

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Ven, 22/04/2016 - 09:12

Era ora che qualcuno cominciasse a ragionare.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 22/04/2016 - 09:22

noi invece siamo grandiosi, loro non gli danno da bere, noi gli portiamo l'acqua minerale in bottiglia, nemmeno quello del rubinetto, solo per gli italiani in emergenza gli arriva un autobotte di acqua riempita da una fontanella, noi i migranti li trattiamo benissimo più degli stessi italiani. Per colpa di un anarchico abbiamo fatto una guerra mondiale.

umberto nordio

Ven, 22/04/2016 - 09:34

Fortunatamente non tutti sono ricoglioniti come noi.

berserker2

Ven, 22/04/2016 - 09:53

ma è mai possibile che i meglio stanno tutti all'estero......solo in itaglia ci sono gli imbecilli al governo!

Cheyenne

Ven, 22/04/2016 - 10:02

Venghino tutti nel paese dei balocchi e dei delinquenti non c'è problema

paolo b

Ven, 22/04/2016 - 10:20

se girate per la croazia non vedrete per strada i nulla facenti neri magrebini o zingari che mendicano o tentano di vendere cianfrusaglie , ma non vedete anche la polizia anche se, ad esempio, superate i limiti di velocita e si materializzeranno davanti a voi, ma se non rompete le scatole a nessuno ed il vs. comportamento è corretto nessuno vi chiederà nulla e nessuno vi fermerà per controlli. dimenticavo tutti i nulla facenti sono in italia perché possono fare quello che vogliono e se delinquono un giudice li assolverà perché poverini delinquere è nelle loro tradizioni.

Ritratto di Situation

Situation

Ven, 22/04/2016 - 10:24

vacanze a vita in Croatia; già lo faccio da 8 anni.

milope.47

Ven, 22/04/2016 - 10:28

...EVVIVA !!!. Finalmente una Nazione che - pur di difendere la propria identità nazionale - rinuncia ai petrodollari. CONTRARIAMENTE A BERGOGLIO.

98NARE

Ven, 22/04/2016 - 10:28

sbrigati COSA INTENDI DIRE .........

franco-a-trier-D

Ven, 22/04/2016 - 10:33

non può essere reato difendere il proprio paese da una invasione di clandestini anzi è un dovere proteggere la nazione e i cittadini.

franco-a-trier-D

Ven, 22/04/2016 - 10:34

non può essere reato difendere il proprio paese da una invasione di clandestini anzi è un dovere proteggere la nazione e i cittadini.Questo lo faccio presente ai cervelloni del PD italiano dal vostro tanto amato governo cari compagni italiani.

blackindustry

Ven, 22/04/2016 - 10:43

Beh e' facile capire che proprio l'UE abbia interessi a far arrivare tali masse di persone per ricreare il proletariato.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Ven, 22/04/2016 - 10:46

Ottima proposta. titolo errato. non migranti ma CLANDESTINI

Keplero17

Ven, 22/04/2016 - 10:53

Credo che solo grazie a nazioni come Croazia ed Austria ci salveremo. I migranti sono in costante contatto via internet coi loro parenti. Una volta che i confini saranno sigillati non potranno non comunicarlo e così gli sbarchi diminuiranno.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 22/04/2016 - 10:57

@paolo b:...concordo!@umberto nordio:..concordo!...Forse sarebbe meglio precisare:"rincoglioniti come il 70-80% degli italiani".

linoalo1

Ven, 22/04/2016 - 11:13

Magari succedesse in tutta l'Europa!!!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 22/04/2016 - 11:41

Cosa diranno, ora, Mummiarella (Copyright Euterpe) e l'uomo di bianco vestito? Che sono tutti razzisti e fascisti?

Ritratto di il navigante

il navigante

Ven, 22/04/2016 - 11:48

Il titolo è sbagliato! Quyesto mè q: Aiutare i CLANDERSTINI è reato.

Ritratto di il navigante

il navigante

Ven, 22/04/2016 - 11:53

Rimando commento corretto, annullare il precedente, grazie. Se mettiamo il titolo della notizia corretto:Aiutare i CLANDESTINI è reato, non ci sarebbe nessuna novità, e nessuno si scandalizzerebbe,perchè cosi è sempre stato in ogni Stato serio e che tuteli i suoi cittadini.

Rossana Rossi

Ven, 22/04/2016 - 11:55

E si dovrebbe fare molto di più dei muri per arginare questa invasione di cui per altro solo il 10% sono profughi politici........sveglia babbei!.........

Amazigh

Ven, 22/04/2016 - 12:05

Magari uno di voi, baldi commentatori, un giorno si troverà nelle stesse condizioni di molti di quei disperati e, in quel momento capirà. Il problema non sono i clandestini: il problema é la mancanza di applicazione delle norme da parte di alcuni paesi e l'impossibilità da parte di molti di poter restare a casa propria per guerre create in occidente. Il pesce puzza sempre dalla testa.

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 22/04/2016 - 12:07

L’eccesso di buonismo ipocrita comporta una reazione uguale e contraria. La proposta della Croazia è comprensibile. Quello che si fatica a capire e accettare è che quelli che si battono per favorire l’immigrazione (associazioni, partiti, organizzazioni di sinistra) non lo fanno, come potrebbe sembrare, per senso umanitario; lo fanno perché sanno bene che l’invasione è uno strumento per creare tensioni, attriti, conflitti sociali che sfociano in disordini e sommosse popolari ed hanno come fine ultimo la completa disgregazione economica, politica e morale del mondo occidentale. I cattocomunisti che seguono la stessa linea, sono solo confusi; non sanno quello che fanno (compreso un Papa marxista in crisi d’identità). Chi non vuole capirlo è idiota; oppure sa bene che l’invasione è solo un modo diverso di fare la rivoluzione proletaria.

berserker2

Ven, 22/04/2016 - 12:30

gli ha detto bene al papa allora che è andato in Grecia.....in Croazia lo avrebbero arrestato.....

greg

Ven, 22/04/2016 - 12:43

probabilmente quel Furio Radin è socio di qualche coop rossa che si occupa, per soldi, di accoglienza, oppure fa parte di qualche chiesa cattosinistra, che fa lo stesso solo per soldi. La mia approvazione alla Croazia che ha le idee molto chiare, in tema di migranti economici, che sono il 95% del totale, gente che vuole invaderci per essere mantenuta a vita

berserker2

Ven, 22/04/2016 - 12:45

Acazzigh......il problema per te invece è che non lo capirai mai! Non lo capivi prima, non lo capisci adesso, pensa se potrai capire mai qualcosa in futuro......devi essere un poveraccio dalla lacrimuccia facile.....

timoty martin

Ven, 22/04/2016 - 12:50

Fanno molto bene. Dirigenti molto più intelligenti, speriamo Italia prenda esempio. Basta schengen

marco.olt

Ven, 22/04/2016 - 13:11

BENE Croazia, legge ottima e bello alto il muro. Dirigenza Politica Italiana una pagliacciata offensiva.

19gig50

Ven, 22/04/2016 - 13:15

Tutti ma, proprio tutti si ribellano a questa invasione solo qualche deficiente continua a dire che sono un dono e risorse da accogliere.

Una-mattina-mi-...

Ven, 22/04/2016 - 13:20

PAESE CIVILE che non tollera il FOLLE degrado boldrinico

altair1956

Ven, 22/04/2016 - 13:21

Il "filantropo" Soros. Sempre lui c'è dietro a tutte queste oragnizzazioni che stanno portando alla rovina l'Europa.

ARGO92

Ven, 22/04/2016 - 13:25

e se neanche questo basta a fermarli SPARATE un altro stato che pensa per i propri cittadini ITAGLIA VERGOGNAAAAAAAA

berserker2

Ven, 22/04/2016 - 14:06

Ma che bravi gli Ustascia.....

Amazigh

Ven, 22/04/2016 - 14:15

berserker2: lacrimuccia? .. ebbene si lo confesso sono commosso dalla SUA perspicacia e dalla SUA educazione. Con la SUA capacità d'analisi é allo stesso livello di un profugo senza lumi, quindi auguri. Amazigh il poveraccio

mila

Sab, 23/04/2016 - 04:56

Grave errore dei Croati aver messo a capo della Commissione per i diritti umani un rappresentante della minoranza italiana.