Crollo storico per l'affluenza: l'astensionismo è maggioranza

Alle urne solo il 46%. Votanti in calo del 12% rispetto al primo turno e diminuiscono anche dove il M5S era rimasto in corsa

Roma In molte città la temperatura percepita è stata più alta della percentuale dei votanti. Su 4,3 milioni di aventi diritto oltre la metà, più di due milioni di persone, ha deciso che non valeva la pena andare al seggio. L'affluenza media si è attestata al 46, 3 per cento, ovvero 12 punti in meno rispetto al primo turno. Solo in pochi comuni ha superato il 50 come all'Aquila, dove è arrivata al 52,6 o a Padova con il 57, 3.

I cittadini, complice anche il caldo torrido, a votare non ci sono proprio andati. Affluenza bassa anche nei comuni dove correvano i candidati grillini come Asti, 41,7, e Carrara, 49,4. Inutili gli appelli dei candidati. Anche per i ballottaggi dunque il primo partito del Paese, che stravince queste elezioni amministrative, è quello degli astensionisti. Un enorme bacino di voti congelati. Eppure questa volta il voto era davvero cruciale in molti casi per il minimo distacco tra i due candidati. Ma evidentemente le proposte di chi era ancora in corsa non interessavano, non erano abbastanza forti per decidere di andare a mettere quella croce sulla scheda. E anche questo è un dato politico importante: chi non ha votato al primo turno non ha votato neppure al secondo e nella maggioranza dei casi chi ha visto eliminato il proprio candidato, vedi i grillini, non è andato a votare ed ha preferito non sceglierne un altro. Una decisione rivendicata pubblicamente a Genova dalla consigliera regionale di M5s, Alice Salvatore che è andata al seggio ed ha fatto mettere a verbale di rifiutarsi di votare «per non dover votare il meno peggio».

Il mancato buongiorno si è capito fin dal mattino perché i primi dati dell'affluenza, quelli registrati a mezzogiorno offrivano già una chiara indicazione visto che erano inferiori di molti punti a quelli già bassissimi del primo turno. La media alle ore 12 era del 14,9 per cento dunque in calo di circa quattro punti rispetto al primo turno.

Ma è stato poi il dato di affluenza rilevato alle 19 che ha confermato l'indifferenza dei cittadini. A quell'ora infatti aveva votato appena il 31,40 per cento degli aventi diritto con un calo di oltre 9 punti percentuali rispetto al primo turno, quando alla stessa ora il dato era stato del 40,66. Anche nei comuni sotto i riflettori come Genova l'affluenza alla fine è rimasta sotto al 50 come a Genova con il 42,66; Parma 45,17. A Verona, 42,39, sono state molte le schede bianche.

Da segnalare il caso di Trapani dove si è tenuta una elezione insolita con un solo candidato. Dopo l'esclusione del secondo che aveva guadagnato il ballottaggio le elezioni sarebbero state valide soltanto se si fosse recato alle urne il 50 per cento degli elettori ma già alle 19 il traguardo appariva irraggiungibile con un misero 16,69 di votanti . L'affluenza poi infatti poi si è fermata al 26,75 e dunque la città verrà commissariata.

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 26/06/2017 - 10:37

l'astensionismo è maggioranza...già, ma stavolta è di sinistra. Ciaone, kompagni!

Ritratto di thunder

thunder

Lun, 26/06/2017 - 10:41

Mi raccomando non andate a votare,per poi lamentarvi di tutto quello che succede.Andate al mare andate......

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 26/06/2017 - 11:23

Oramai siamo alla totale disistima da parte del popolo bue (di cui naturalmente faccio parte) nei confronti della classe politica: i votanti sono meno della metà degli elettori potenziali. Per mantenere il "profumo" della democrazia occorre un sistema elettorale che ne tenga conto, quale è la legge elettorale francese a doppio turno, ma ciò non si farà mai perché ai gradi alti della "politica" non conviene: anche i "capi" dei partiti bocciati rischierebbero di rimanere a casa.

yulbrynner

Lun, 26/06/2017 - 12:21

Thunder io mi sono stufato di prenderlo nel popo' solo ricevere qualche zuccherino si vede che a te invece piace tanto anche senza qualche zuccherino.... andare a votare non cambia nulla solo chi te lo spinge in quel posto.

Ritratto di ..WannaCry.

..WannaCry.

Lun, 26/06/2017 - 13:34

forse alla maggioranza degli itaglioti non interessano i soliti giochini di potere della CASTA DI REGIME?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 26/06/2017 - 13:59

L'identikit dei votanti:C'è chi è preoccupato di mantenere lo "status quo"!....Chi non gli va bene,e vorrebbe cambiarlo in un senso,o nell'altro!....Poi ci sono i "chissenefrega"(i non votanti),perchè in ogni caso,ai "chissenefrega",le cose,chiunque venga eletto,vanno comunque bene,così come vanno,e si auto-giustificano con un bel "sono tutti uguali"!!....

michettone

Lun, 26/06/2017 - 14:05

Oggi, è proprio il giorno in cui TUTTI quelli che non sono andati a votare, si guardino agli specchi di casa propria e facciano il gesto più chiaro, della loro inutile vita.....a giustificare la mancata rivoluzione richiesta ed anche urlata, che per CAUSA LORO, NON sarà mai attuata in Italia.....se ne facciano una ragione e si...ritirino in silenzio.

agosvac

Lun, 26/06/2017 - 14:11

Questo dovrebbe essere per i sinistroidi "doc" un segnale molto importante. Di solito meno gente vota più vince la sinistra, se questa volta con scarsa affluenza vince la destra, significa che anche i sinistroidi sono stanchi di questa "governance" di sinistra!!!