LA CURIOSITÀ

«Dov'è la Sozzani?» chiedono i colleghi stranieri alle sfilate di New York e noi vorremmo rispondere come fanno loro quando Anna Wintour abbandona prima del tempo le sfilate di Milano: «Il vostro calendario è troppo lungo per fermare una come lei». Purtroppo però ci tocca dire la verità: nostra signora dello stile aveva da fare con la Vogue Fashion Night Out di Roma, dove in mezzo a tutto, è stata presentata la Barbie dedicata a lei nell'ambito della mostra di bambole (alla Galleria Vittoria di Via Margutta) intitolata «I love B» e nata in collaborazione con il duo creativo di Dolls Designers Artist Creations di Alessandro Gatti e Giuseppe De Bellis. Ma la cosa che ci preme di più sarebbe appurare se la Barbie Sozzani ha le forme oppure no: in caso le avesse probabilmente a Franca verrebbe un colpo. Il ricavato delle vendite organizzate per la VFNO di Roma sarà devoluto a Differenze Donna che aiuta le donne oggetto di violenza e in condizione di disagio. Non è dato sapere se adesso in prima fila ci sarà un posto anche per la bambola, ma vista la piaggeria di certi uffici stampa non ne saremmo sorpresi. La potente direttora nel caso si arrabbierebbe molto perché ha moltissimi difetti, ma certo non le difetta l'intelligenza. Anche Hillary Clinton riesce a esserci perfino quando non c'è. E l'altra sera alla sfilata di Oscar de La Renta è comparsa una sua lettera con un accorato appello per avvisare il pubblico che gli elefanti rischiano l'estinzione e bisogna fare qualcosa. Accanto un pupazzetto a forma di elefantino che quarda caso è anche il simbolo dei repubblicani.