Dai moderati ai sovranisti. Il centrodestra cerca l'unità

Ad Atreju sfilano Romani, Toti, Salvini, Parisi, Fitto e Quagliariello. Meloni sicura: "Insieme vinceremo"

Prove tecniche di unità di centrodestra allargato. Giorgia Meloni, alla Festa di Atreju, mette attorno a un tavolo tutti i protagonisti dell'area moderata e sovranista, e li invita a ragionare insieme sulle tante declinazioni del patriottismo. Un modo diverso per individuare le motivazioni che dovranno portare Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia, ma anche i movimenti di Raffaele Fitto, Stefano Parisi, Gaetano Quagliariello, Cinzia Bonfrisco e Daniela Santanchè - tutti presenti sul palco - a mettere da parte gli eccessi identitari e decidere davvero di stare insieme per vincere le elezioni. Un obiettivo alla portata visto che tutti mostrano sicurezza, all'insegna del «facciano la legge elettorale che vogliono, tanto vinciamo ugualmente».

Di certo la sensazione che il vento politico sia girato e il centrodestra abbia il vento in poppa si respira anche qui, tra i giovani della destra italiana che si ritrovano in uno dei pochi luoghi politici ancora attivi e vitali di una parte politica, quella della ex An, un tempo portatrice sana di luoghi di dibattito e confronto e oggi vittima di se stessa e della sua diaspora. In attesa di una ricomposizione di quella famiglia politica, Giorgia Meloni guarda più avanti e tenta di riunire le varie anime del centrodestra in un unico palco. Perché «si vince sì uniti, ma attorno a una proposta chiara e coraggiosa, senza ammucchiate», dice chiudendo la porta a chi tenta rientri last minute sull'onda della disperazione.

In tempi di Legge Fiano - sulla quale il giudizio negativo è condiviso da parte di tutti i presenti alle Officine Farneto, un grande loft ed ex stabilimento industriale da oltre 1000 metri quadri - le battute sono dietro l'angolo. E così quando Ignazio La Russa dal palco saluta gli ospiti presenti, sui saluti a Romani (inteso come Paolo Romani) invita ironicamente la Digos a non fraintendere.

Al netto delle battute gli ospiti ragionano a microfoni aperti sull'effetto del Rosatellum, la nuova proposta di legge elettorale che prevede una quota maggioritaria e quindi obbliga alle coalizioni. «In questa legge elettorale si certifica che c'è la coalizione, ci può garantire un successo», sostiene Paolo Romani. «Forse è vero che serve un premio di maggioranza, si vedrà cammin facendo, ma è importante che sia introdotto il concetto di coalizione perché il centrodestra insieme può vincere». Sul tasto dell'unità batte anche Giovanni Toti. «Berlusconi pensa a un centrodestra unito, lo ha sempre fatto, si vede in Sicilia dove c'è un candidato unitario, Oppure a La Spezia dove la lista di Fi e Fdi unite è arrivata prima davanti al Pd». Un buon auspicio in vista delle elezioni di primavera, elezioni che secondo Stefano Parisi, rappresentano «l'ultima spiaggia per il Paese dopo i danni fatti dalla sinistra». Al di là della padrona di casa, la vera star della giornata è Matteo Salvini, acclamato dai militanti di Fdi che in lui percepiscono una naturale affinità politica. Il leader della Lega non si sente in imbarazzo di fronte alla definizione di «patriota». E non nasconde di sentirsi un leader nazionale. «È bello essere qui e parlare da militante ad altri militanti. Bossi mi diceva: ma che ti frega di quello che succede laggiù...ma io invece vado ovunque c'è bisogno. Sono venuto perché mi sento a casa a Roma come in Puglia e perché sono convinto che fra sei mesi saremo al governo». Un modo per prendere le distanze, una volta di più, dalla vecchia Lega. Ma soprattutto per ribadire la sua candidatura «patriottica» per Palazzo Chigi.

Commenti

Prameri

Sab, 23/09/2017 - 08:53

Credo che a Palazzo Chigi debba andare Matteo e al Quirinale Silvio

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 23/09/2017 - 09:16

Certo che uniti si potrebbe arrivare a percentuale importante, tanto da mettere in difficoltà Mattarella, che obstorto collo dovrà dare l'incarico ad un soggetto di cdx. Ma gli agguati sono sempre dietro l'angolo. A partire dalla mancanza della maggioranza. A quel punto vincere così, in modo mozzato, sarebbe controproducente e lesivo per il futuro. lasciare loro nella melma che loro stessi hanno procurato, loro dovranno bonificare. O ci riusciranno o se ne torneranno a casa per sempre.

vottorio

Sab, 23/09/2017 - 10:28

la presenza di Quagliariello, un vero specialista nel suo genere, come meglio indicato dal suo stesso nome, si rende indispensabile per qualificare questo evento storico.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Ratiosemper

Anonimo (non verificato)

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 23/09/2017 - 17:23

Il CDX CERCA la TITINA, la cerca e non la trova...Cerca cioe` un(a) leader vagamente presentabile - E intendo presentabile al mondo civile italiano ed estero, perche' i destricoli loro, acettano proprio di tutto.

Ritratto di cuginifabio

cuginifabio

Sab, 23/09/2017 - 18:18

Con quei numeri cdx altro papocchio, ed è così che fi si alleò con il famigerato, ma non troppo, pd e tutti governarono felici e inconcludenti. Ahi ahi ahi Matteo Matteo chi vi crede dev'essere proprio allucinato, con questa fi non si governa con Berlusca non farai nulla di quello che ora sbandieri non credere ai sondaggisti i tuoi sono numeroni quelli di fi senza la Lega non son nulla senza la Lega non va oltre al 5/6 % Salvini Meloni unica coalizione reale gli altri tornano a fare ciò che hanno sempre fatto, NULLA NULLLLÁ cadrega e basta questa è fi.