Dai vip al milionario Fazio. La Rai strapaga 170 esterni

Dopo l'ospitata d'oro di Varoufakis, Viale Mazzini corre ai ripari e vieta i compensi ai politici. Ma la regola esiste da quindici anni

Se non fosse stato per l'ex ministro Varoufakis, costretto da una campagna dei giornali greci a pubblicare sul suo blog la lista di inviti e compensi ricevuti negli ultimi mesi come «star» internazionale, non si sarebbe mai saputo dei 24mila euro più volo in business pagati da Che tempo che fa (RaiTre) per averlo ospite 22 minuti in trasmissione. E la Rai (coi vertici freschi di nomina renziana) si sarebbe risparmiata una polemica che certo non aiuta gli italiani a digerire meglio il nuovo canone in bolletta.

Dopo aver scaricato la palla su Endemol, la società che produce Fazio e che in serata si difende («Attacchi strumentali ed eccessivi. La scelta dell'ospite condivisa con la Rai») Viale Mazzini prova a chiudere il caso con una direttiva – sollecitata, si dice, dalla presidente Maggioni - che rafforza ed estende alle società di produzione esterna «il divieto di erogare compensi a politici che partecipano a trasmissioni televisive e radiofoniche», regoletta risalente ad una circolare di quindici anni fa. «Una toppa ridicola, peggiore del buco» contrattacca il capogruppo azzurro Renato Brunetta, gran fustigatore degli sprechi Rai, tornando a chiedere (dopo una ventina di tentativi senza risposta) la total disclosure della Rai, la trasparenza totale dei compensi nella tv di Stato. In effetti la Rai è una società pubblica quando si tratta di finanziarla con un'imposta, ma lo è molto meno quando deve seguire gli obblighi che per legge spettano alle amministrazioni pubbliche. Quello dei tetti agli stipendi dei dirigenti fissato a 240mila euro, ad esempio, ma raggirato dalla Rai col trucco dell'emissione di bond, come se fosse una banca e non una tv. Ma soprattutto gli obblighi di trasparenza sui compensi di top manager, artisti e – appunto - ospiti dei programmi, cifre invece avvolte in una fitta nebbia (essenziali, sostiene la Rai, per stare sul mercato e non dare un ingiusto vantaggio competitivo alle tv concorrenti).

Il sito creato appositamente nel 2007, e cioè contrattidiconsulenza.rai.it , non è mai stato funzionante (provate a cliccarlo, non si apre neppure). Non tutti gli obblighi di legge sono però eludibili dalla tv di Stato e un resoconto dei contratti artistici e di consulenza, sebbene senza nominativi e aggregato per fasce, la Rai è costretta a renderlo pubblico. Ed eccole qui le cifre contenute nel documento «Compensi concernenti gli artisti e i titolari di incarichi di collaborazione o consulenza aggregati per fasce, anno solare 2014». Scorrendo la tabella si legge che sono 170 gli artisti e i collaboratori con un contratto superiore agli 80mila euro, la fascia più alta che ha una forbice molto ampia: si va appunto da un minimo di 80.186 euro ad un massimo di 1.897.445 euro, con una media a contratto di 215mila euro circa. Nella zona top, quella sopra il milione di euro, si trovano le star del servizio pubblico, presentatori e artisti pagati a peso d'oro. In cima su tutti c'è Fabio Fazio, che starebbe (usiamo il condizionale perché le cifre sono top secret) poco sotto i 2 milioni di euro l'anno, tanto da pensare che il tetto massimo di 1,9 milioni in tabella corrisponda proprio al suo stipendio. La sua spalla comica, Luciana Littizzetto, si accontenta di 20mila euro a puntata. Poi ci sono altre star Rai come Carlo Conti e Antonella Clerici, entrambi sul milione e mezzo di euro. Quindi giornalisti come Massimo Giannini, conduttore di Ballarò , e Massimo Giletti, attorno ai 400-500mila euro. Cifre stimate, non dichiarate da Viale Mazzini con la precisione di Varoufakis. Ingaggiato, già che c'erano, anche come opinionista dal programma di RaiDue 2Next . Gratis però stavolta, «neppure un bicchiere d'acqua» assicurano.

Commenti

vittoriomazzucato

Ven, 30/10/2015 - 08:45

Sono Luca. Questo potrebbe essere usato come "spaventapasseri" e ci riuscirebbe. GRAZIE.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 30/10/2015 - 08:47

Peccato Fazio stia dalla parte sbagliata perché sarebbe pure una persona perbene.

gianni.g699

Ven, 30/10/2015 - 09:02

Ma Che je frega !!! ora hanno pure il furto ideato voluto e autorizzato da "jerry luis renzi" del canone in bolletta !!!

levy

Ven, 30/10/2015 - 09:10

Il mondo va' a rotoli, la RAI va' a rotoli, ma Fazio ride e poi ride ancora e con lui ride pure la Clerici e la Litizzietto, se mi dessero tutti quei soldi riderei un po'anch'io con loro.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 30/10/2015 - 09:29

uno di sx dovrebbe essere dalla parte del più debole, quindi Fazio quando si fa avanti e possa dire che rinuncia la metà dei suoi compensi per i meno abbienti?

Ritratto di .MissPiggy...

.MissPiggy...

Ven, 30/10/2015 - 09:46

la rai è un'associazione delinquenziale, andrebbero ARRESTATI TUTTI

Emiliotoscana

Ven, 30/10/2015 - 09:52

Stranamente tutti gli invitati e gli artisti sono compagni. Io non pago il canone da 10 anni e non lo pagherò MAI. Non vedo queste trasmissioni e non voglio vedere la rai,se non con una scheda.

piertrim

Ven, 30/10/2015 - 11:29

Guardate come se la ride Fazio! Evidentemente per la RAI lui non rientra nella schiera dei politici! Ma sarei curioso di sapere in quale categoria rientra per gli spettatori che lo pagano per il suo programma?

routier

Ven, 30/10/2015 - 16:18

Stroncare la TV spazzatura è facile, basta azzerare i dati di ascolto facendo lavorare il telecomando.