D'Alema: "Renzi leader? Tutta colpa di Veltroni"

Dopo essere stato messo all'angolo da Matteo Renzi, Baffino si racconta e punta il dito contro Walter Veltroni che a suo dire sarebbe la "causa del laderismo di Matteo Renzi"

Massimo D'Alema si confessa. Dopo essere stato messo all'angolo da Matteo Renzi, Baffino si racconta e punta il dito contro Walter Veltroni che a suo dire sarebbe la "causa del laderismo di Matteo Renzi": "Io non odio Veltroni, ma gli imputo la colpa del leaderismo che ci ha portati dove stiamo. Non è un fatto criminale, ma io ho un'altra concezione. Lui una volta ha detto che non è mai stato comunista, io non potrei dirlo non solo perché non è vero ma perché lo sono stato e non me ne vergogno! È anche un ragazzo fortunato il premier, è sempre al posto giusto al momento giusto, ma questa è una virtù. Potrebbe fare tante buone cose in questo momento, ma il suo unico assillo è cucirsi addosso una legge elettorale su misura per le prossime elezioni".

Infine D'Alema, al Fatto, racconta un retroscena privato con Veltroni: "M'invitò alla prima di Quando c' era Berlinguer, ho dovuto declinare l' invito perché avevo un convegno, in Cina. Ma poi ha insistito. E con lui le nostre figlie. Io e lui abbiamo un universo sentimentale comune e siamo prigionieri delle nostre figlie. Non è vero che Veltroni è più buono e io più furbo. Walter è ormai, come sapete un uomo di cinema, voglio consegnarvi quest' immagine cinematografica. Ha organizzato per me una proiezione privata al Fiamma di Roma. Quando alla fine Berlinguer muore, le scene dei funerali... io e Walter ci prendiamo per mano e piangiamo, insieme, nella platea di poltrone rosse vuota, solo noi due".

Commenti

@ollel63

Dom, 26/04/2015 - 12:52

tutta gentaglia comunista, cancro dell'umanità.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 26/04/2015 - 14:01

... azzz... questi lader della sinistra sembrano come alcuni conigli in gabbia che si azzannano ai testicoli per sopraffarsi.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 26/04/2015 - 14:04

Ho letto la prosa sublime: “Quando alla fine Berlinguer muore, …i funerali... IO E WALTER CI PRENDIAMO PER MANO E PIANGIAMO, INSIEME, nella platea vuota”. Anche noi tutti piangiamo, quando dalle chiacchiere vediamo spuntare il sol dell'avvenire, che ci era apparso negli anni impersonato dai vari dai D'Alema, Veltroni, Bersani ed infine, inopinatamente, da un oscuro Renzi, un personaggio apparso nuovo, soprattutto nei programmi e negli intendimenti, nel quale abbiamo voluto credere. Un programma nuovo, affascinante: “ABOLIRÒ IL SENATO; LEGGE ELETTORALE ELEZIONI RIFORME”. Musica per le nostre orecchie! Purtroppo la musica è subita finita, spenta dalle chiacchiere infinite e subito riscontrate puerilmente false, cominciando dagli 80€ incostituzionali, bevuti addirittura da Berlusconi, tacitando Brunetta. NON CI RESTA CHE PIANGERE.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 27/04/2015 - 00:03

Certa gente violenterebbe suo padre e sua madre pur di soddisfare il proprio ego ... se poi ci si mette di mezzo la politica riuscirebbero a sodomizzare pure una nazione intera ... salvaguardandosi ovviamente il proprio qlo e gli interessi di famiglia.