La democrazia ci piace ma soltanto se à la carte

Gli italiani fino all'altro ieri erano tutti antieuropeisti, oggi sono tutti incazzati con l'uscita della Gran Bretagna dall'Europa

Anzitutto che strano: gli italiani fino all'altro ieri erano tutti antieuropeisti, oggi sono tutti incazzati con l'uscita della Gran Bretagna dall'Europa. Tuttavia sapete la vera novità della Brexit? Non l'uscita della Gran Bretagna dall'Europa, piuttosto la messa in dubbio dell'esito del voto, perché non ci piace, e relativa raccolta di firme internazionale.

In poche parole la messa in discussione della democrazia.

L'osservazione più clamorosa viene dal cervello che sta nella testa di Roberto Saviano: «Ha vinto il popolo. Me lo ricordo il popolo, nel 1938, acclamare Hitler e Mussolini a Roma. Me lo ricordo il Popolo asservito, quasi isterico, al cospetto di ogni malfattore che abbia condotto l'Europa sull'orlo baratro. Me lo ricordo poi il Popolo che plaudiva quando al confino nel 1941 veniva mandato Altiero Spinelli, perché antifascista. Quindi, a ben vedere, siamo sicuri che oggi il Popolo abbia vinto davvero?».

Si noti come Saviano non citi il popolo dell'Unione Sovietica, né la Rivoluzione cinese, né la Corea del Nord o Cuba. Quei popoli non se li ricorda, oppure non li ha studiati, oppure erano popoli veri.

In ogni caso, il popolo della Brexit è brutto, forse perfino reazionario, sicuramente di destra. Eppure l'Europa non era l'Europa della banche, dei mercati, della Trilateral? Macché, all'improvviso è diventata un santino sacro e intoccabile, a tal punto da rinunciare al popolo, da mettere in discussione il suffragio universale.

Ha votato la middle class, hanno votato i vecchi, non vale.

Comunque pensateci, con questo nuovo principio, possiamo rimettere in discussione qualsiasi cosa.

A Roma ha vinto Virginia Raggi? Non ci piace, si sono sbagliati, rifacciamo le elezioni, mica l'ha votata il popolo vero.

A Torino ha vinto Chiara Appendino? Nessuno se l'aspettava? Per forza, ha votato il popolo finto! Il popolo vero voleva Piero Fassino, rifacciamo le elezioni.

Non parliamo poi di Sanremo, non mi dite che gli Stadio meritavano la vittoria, si rifaccia di corsa Sanremo.

E non vorrete dirmi che Svjatlana Aleksievic meritava il Premio Nobel per la letteratura? A Stoccolma rifacciano le votazioni, il vero vincitore deve essere Philip Roth.

Idem per gli Oscar, per i Golden Globe e perfino per le riunioni condominiali.

Il più lungimirante è stato Matteo Renzi, lui è blindatissimo da qualsiasi accusa di non rappresentare il popolo: nessuno potrà mettere in discussione la sua elezione semplicemente perché nessuno l'ha mai votato.

Commenti

gpl_srl@yahoo.it

Lun, 27/06/2016 - 08:49

Il signor Parente, con la à , voce del verbo arre, ci segnala che gli italiani sono diventati tutti europeisti. credo che qui, in pochi, si rendono conto che a parlare sono quelli che sanno tutto e di tutti mentre se l'intelligentia italiana si schiera con la Merkel non è detto che la maggioranza degli italiani sia intenzionato ad arrare paura di questa europa che con la politica non ha nulla a che vedere se non i costi di un euro che vive solo in funzione della germania che conta su bilanci statali falsificati da leggi adattate solo alle sue esigenze.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 27/06/2016 - 08:59

non direi cosi incazzati per l'uscita. ma direi incazzati con l'europa a esclusiva trazione sinistroide, che ha provocato, con la sua politica miope e dissennata, gli inglesi a uscire dall'europa! e la cosa in se non è un male: è un bellissimo uppercut sotto il mento dell'europa! quella di junkers che obbliga i paesi a misurare la circonferenza delle ciliegie,o la lunghezza dei pesci da pescare..... ma vi rendete conto di quanto sia diventata la sinistra? quella stessa sinistra che vinse alle europee (non italiana, ma europee!!) il 40,8 %, quello tanto vantato da renzi (e in modo illegale!) per giustificare il suo ingresso nel parlamento! una sola parola: mafiosi! MA-FIO-SI!!!!!!!

Aegnor

Lun, 27/06/2016 - 09:09

Il popolo vero è di un colore solo,come i partigiani,quando finalmente avremo lo ius soli,allora si che si esprimerà il vero popolo e non ci saranno pericoli per la vera democrazia.

paolonardi

Lun, 27/06/2016 - 09:14

E sostengono che il comunismo non esiste piu'. Tutto smentito dalle azioni, dai pensieri esternati con parole che ricordano quelle di Togliatti, Napolitano e compagni e da tutti i comportamenti di questi esseri che si definiscono intellettualmente superiori ma che sono ad un livello simile a quello di un bambino di 3-4 anni che fa le bizze perche' gli e' stato sottratto il giocattolo democratico.

giuromani

Lun, 27/06/2016 - 09:19

Vi state sbagliando: Prodi, Napolitano, Monti, Saviano e tanti tanti altri sono talmente democratici da permettere a tutti di avere esattamente le loro stesse e identiche idee.

epc

Lun, 27/06/2016 - 09:36

Già, lo stesso popolo italiano che nel 1936 non voleva e non capiva l'Asse Roma-Berlino (la maggioranza degli Italiani, fascisti compresi, si ricordava la Grande Guerra ed aveva una naturale inimicizia con i Tedeschi). Chissà se all'epoca ci fosse stata la possibilità di un referendum sui trattati internazionali....

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 27/06/2016 - 09:47

Si ricorda il popolo nel 1938???..In primis Non era quella Inglese che si sempre Attenuto alla Magna Charta..in secundis ammazza quanto è vecchio..probabilmente le spara così a causa dell'età e dell'alzheimer!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 27/06/2016 - 10:26

CHI; NON VUOLE STARE NELLA UE E LIBERO DI USCIRNE; MA UN POLITICO CHE PROPONE QUESTO DOVREBBE SPIEGARE AL PROPRIO POPOLO GLI SVANTAGGI É I VANTAGGI A RIMANERE NELLA UE; É QUESTO NIGEL FARAGE NON L;HA FATTO! ANZI LUI HA BASATO LA SUA CAMPAGNA ANTI UE SU UNA BUGIA SMENTITA 1 GIRNO DOPO IL BREXIT! É CIOE CHE L;INGHILTERRA DAVA ALLA UE 350 MILIONI DI STERLINE A SETTIMANA; MENTRE INVECE NON ERA NEMMENO LA META CHE LONDRA DAVA ALLA UE; É CHE SIA LA SCOZIA CHE L;IRLANDA VOGLIONO USCIRE DAL REGNO UNITO PER RIMANERE NELLA UE E UNA CONSEGUENZA CHE CAMERON NON AVEVA CALCOLATO; IO NON CREDO CHE L;ITALIA DEBBA USCIRE DALLA UE PERCHE I NOSTRI MERCATI PRINCIPALI SONO IN EUROPA! É I NOSTRI RAGAZZI CHE IN ITALIA NON TROVANO LAVORO COSA FARANNO SE NON POTRANNO ANDARE IN FRANCIA! IN GERMANIA! ED ALTRI PAESI A CERCARE LAVORO? ANDRANNO A CASA DI SALVINI?! DI FARAGE?! OPPURE DI MARIA LE PEN! A LAVORARE?!.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 27/06/2016 - 10:29

Cerrrto! Urge limitare il diritto di voto alla sola categoria degli ottimati. Idest: l'intellighenzia targata PD. L'unica in grado di giudicare dove risieda il bene comune. Che il popolo bue non sa discernere.

bruno.amoroso

Lun, 27/06/2016 - 10:44

Memphis35: questo referendum ha mostrato tutti i limiti della democrazia. Il voto andrebbe ponderato, il voto di chi non supera certi requisiti culturali dovrebbe pesare il 10%

paolo b

Lun, 27/06/2016 - 10:45

se non sbaglio nel 46 un referendum ha sancito la repubblica, se non va bene il referendum inglese non va bene nemmeno quello sulla repubblica...che facciamo richiamiamo il re....forse sarebbe meglio!!! poi anche divorzio ecc. sono da mettere in discussione? attebdo risposte dai democratici a senso unico!!!

paolo b

Lun, 27/06/2016 - 11:00

ma voi credete che vi sarà uno sconquasso, in questi giorni le borse sono prese dal panico perché sono gli speculatori ad aver paura!! chi opera a breve e spesso allo scoperto forse prenderà una bella cantonata....magari. ma pensate veramente che germania e francia per citare solo i più influenti rinuncino al mercato inglese una delle prime potenze mondiali....ora devon fare il gioco delle parti un po di commedia napoletana e tra pochi giorni tutto come prima baci e abbracci!!! tutti concordi nella ue per la sanzioni a putin ma sotto sotto tutti continuano a fare affari con la russia, che, se gli girano il prossimo inverno chiude il rubinetto del gas e noi tutti al freddo!!!!

ilario1961

Lun, 27/06/2016 - 11:02

gli italiani alla fine della seconda guerra mondiale erano, mi pare 70 milioni, si, perchè prima della guerra c'erano 35 milioni di fascisti, dopo la guerra c'erano 34 milioni di antifascisti, a parte le battute, il voto Inglese ha dimostrato che in Europa, non nella EU, c'è ancora un po' di democrazia...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 27/06/2016 - 11:12

#bruno.amoroso- 10:44 Ah si, eh? E a chi verrebbe demandata la valutazione dei "requisiti culturali". A fenomeni come te?

Aegnor

Lun, 27/06/2016 - 11:17

Di questo passo,andrà a votare solo bruno.amoroso,sembra l'unico che possiede il sapere assoluto

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 27/06/2016 - 11:22

gli italiani fino all'altro ieri erano tutti antieuropeisti!! Chi la detto? Voi? Hahahahahaha

Ritratto di Margherita Campanella

Margherita Camp...

Lun, 27/06/2016 - 11:43

Finalmente! Condivido pienamente quanto da Lei espresso. La cosa che più mi amareggia è la viltà di cui sono pregni gli ambienti della destra e del centrodestra italiani che al contrario, avrebbero dovuto manifestare solidarietà al popolo britannico evitando di allargare le fila di una sinistra mondiale antidemocratica, nemica dei popoli e delle nazioni, preferendo a questi un'invasione barbarica di stampo musulmano. Addolorata per il pezzo del direttore Sallusti che seguo da anni.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 27/06/2016 - 11:43

pasquale.esposito stai sereno, continuando così,arriveranno altre tantissime risorse che si prenderanno amorevolmente cura d te e dei tuoi ragazzi!

bruno.amoroso

Lun, 27/06/2016 - 11:47

Aegnor: vallo a dire a tutti quei polli che hanno creduto alle parole di Farage sui soldi dirottati dalle spese UE al sistema nazionale britannico e che Farage stesso, il giorno dopo il referendum, ha detto essere stata una BUGIA. Queste sono le persone che hanno minato l'UE

DuralexItalia

Lun, 27/06/2016 - 11:59

Personaggi come Saviano, Severgnini, Calabresi o come Giorgio Napolitano, hanno in buona sintesi, il dono di farci vedere come Lor Signori intendano il concetto di democrazia. Badate, non è un male. Serve a capire a chi spesso, abbiamo affidato il compito di aiutarci a creare un etica, una morale, dei valori condivisi, rendendoci conto che a parlar bene son bravi in tanti ma esercitare il supremo dono della coerenza sono in pochi. La democrazia è bella se porta ciò che noi vogliamo ma se così non fosse la demonizziamo come spettro di nazismi e fascismi. Dimenticando come dai governi elitari siano nate invece solo meraviglie e incanti come il bail in o l'austerity in Grecia. I popoli stanno uscendo dalla sbornia del finto benessere e del politically correct. E' solo l'inizio.

Aegnor

Lun, 27/06/2016 - 12:06

Farage??? Farage non è nessuno in confronto al BombaMinkia

Aegnor

Lun, 27/06/2016 - 12:10

La ue voluta dalle banche e dalle lobby,più un a sparuta minoranza di tarati che voterebbero qualsiasi cosa gli venga ordinato e un'altra di furbi che fanno i propri interessi mentre si riempiono la bocca di belle parole e slogan,già vista,ora hanno le camice rosse,tempo addietro le indossavano nere e avevano le mostrine con i fasci e le ss

Aegnor

Lun, 27/06/2016 - 12:13

Senza islam e senza kkkomunisti il mondo sarebbe un mondo migliore.

bruno.amoroso

Lun, 27/06/2016 - 12:52

Farage è solo quello che ha buttato benzina sul fuoco in modo incosciente per far vincere il Leave. Stanno succedendo situazioni grottesche in questi giorni in GB. Sto quasi rivalutando i politici italiani

Ritratto di Margherita Campanella

Margherita Camp...

Lun, 27/06/2016 - 16:08

bruno.amoroso Farage ha sposato questa battaglia 25 anni fa, cosa voleva che facesse? che si adoperasse perché il Brexit perdesse?