"È un detenuto modello". Omicida evade in permesso

Boris Rasnik, 43 anni, era considerato un esempio di comportamento. Sarebbe dovuto uscire di cella nel 2024

Un detenuto modello. Talmente modello da laurearsi in carcere, con un bel 110 e lode in Filosofia ed evadere. È evaso dalla casa di reclusione Due Palazzi di Padova, un pericoloso assassino serbo, Boris Rasnik, nato a Belgrado quarantatre anni fa. Il magistrato di sorveglianza gli aveva concesso un permesso premio, dal 26 al 29 settembre, per andare in una struttura vicina, la Piccoli passi, poco lontano dalla casa di reclusione. Un'associazione che accoglie sia i dimessi dal carcere sia i detenuti che possono usufruire di un permesso premio. Come Rasnik. In questi tre giorni l'assassino serbo, condannato in contumacia complessivamente a ventitré anni di reclusione, sarebbe potuto uscire per tre ore al giorno. Accompagnato, ovviamente, dagli operatori del centro o dai familiari. Poteva perfino sconfinare nel territorio del vicino comune di Limena e venerdì, non dopo le sei di sera sarebbe dovuto rientrare in carcere. Qui invece non vi ha più fatto ritorno, perché Boris Rasnik, che doveva scontare la sua pena fino al 2024, mercoledì scorso è scappato. E c'è la possibilità che sia salito su un'auto, aiutato da un complice e se ne sia andato. Alcuni testimoni lo avrebbero visto. C'è la possibilità dice una fonte de Il Giornale - che sia stato aiutato da un amico o da un parente. Subito sono scattate le ricerche da parte di tutte le forze di polizia della questura di Padova, da parte dei carabinieri e da parte della polizia penitenziaria. Rasnik infatti è un pericoloso omicida. E, oltre alla laurea in Filosofia con il massimo dei voti, vanta un curriculum di tutto pregio. Condannato complessivamente a ventitré anni di reclusione, Rasnik ha ammazzato a colpi di pistola un connazionale durante una lite a Torino nel 1996; dopo il regolamento di conti era scappato in Germania, e il 9 ottobre 2003 in seguito all' estrazione al Brennero era finito dietro le sbarre; poi una condanna di quattro anni gli era stata inflitta per altri furti e diversi crimini commessi in varie città italiane. Nonostante il mandato di cattura già emesso nel 1996, la Germania non aveva concesso l'estradizione per le condanne in contumacia, poi nel 2003 è arrivata l'estradizione in Italia. Il 31 luglio scorso Rasnik aveva presentato la richiesta di permesso per potersi recare nella comunità Piccoli passi con possibilità di uscire qualche ora della giornata per piccoli acquisti a Padova, sempre accompagnato dai volontari per tutta la durata del permesso o per mangiare una pizza con la famiglia proveniente dalla Germania e da Belgrado. Il 23 agosto scorso il tribunale di sorveglianza padovano aveva concesso il permesso. Il detenuto uscirà dalla casa di reclusione alle nove del 26 settembre e vi farà rientro non dopo le 18 del 29 settembre accompagnato da un volontario della struttura. Infatti.

Commenti
Ritratto di luigin54

luigin54

Dom, 01/10/2017 - 09:57

ORA IN GALERA SI METTE IL GIUDICE CHE LO HA LIERATO.

Trinky

Dom, 01/10/2017 - 10:31

Ah ah ah.....se va avanti così finisce che sono di più quelli che scappano che quelli che stanno in galera! W la magistratura.....

Razdecaz

Dom, 01/10/2017 - 10:38

1) Stanco di certe leggi, a volte offendono la nostra intelligenza. Delle volte, mentre guardo la TV, mi chiedo se sono nato da un uovo di struzzo kaztakistano covato da Topo Gigio. Sento il franceschiello ché dice di accogliere e condividere, quando nel lussuoso stato Vaticano non ti fanno entrare con disinvoltura, e sgombrano i clochard dal colonnato del Bernini per decoro, e vedi il cardinale bertone salire su una lustrissima Mercedes con autista. Grazie a Dio, Gesù è risorto (cosi dicono) senno si rivolterebbe nella tomba. Quando vedi volti stupiti per la faccenda dei baroni universitari. Wow! L'acqua calda è veramente calda! In un paese dove nella maggior parte dei casi trovi 'il posto' se sei tesserato o conoscente di qualcuno (raccomandato). Quando senti che il governo ha istituito una linea per chi chiede asilo (diritti e doveri...) ma dov'è la novità?

Razdecaz

Dom, 01/10/2017 - 10:39

2) In un paese dove non si coglie l'opportunità ma si sfrutta l'occasione. I buonisti fasulli dicono che lo ius soli aiuta l'integrazione, mentre la Francia ci ha fatto capire che non è così, ma credere nelle favole fa sempre bene. Dove una nonnina di 95 anni viene sfrattata in un zona terremotata e, i clandestini bivaccano negli alberghi. Si lasciano ai domiciliari gli assassini. E un pericoloso assassino serbo, evade in permesso premio. Talmente modello da laurearsi in carcere, a spese di noi poveri italidioti, in filosofia dell’evasione. Mercoledì scorso il serbo era in permesso premio, ha ringraziato tutti gli italidioti ed è scappato. Ma queste sono le leggi ti dicono. Vabbè! Continuiamo a offendere l'intelligenza degli italiani. Ora il magistrato buonista, deve scontare la pena del serbo, fino al 2024.

sparviero51

Dom, 01/10/2017 - 10:42

GIUSTIZIA BANANIFERA !!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 01/10/2017 - 10:55

Deve essere parente di Igor.

jackmarmitta

Dom, 01/10/2017 - 11:10

che bella giustizia da imbecilli abbiamo in questa povera italia

Cheyenne

Dom, 01/10/2017 - 11:32

cose che possono accadere solo nel paese di pulcinella

Ritratto di hardcock

hardcock

Dom, 01/10/2017 - 11:34

Nuova opportunità per il censore di mostrare la propria pochezza civile e culturale. Cittadini vili e codardi= politici di mxxxa= magistrati di mxxxa= istituzioni di mxxxa e popolo che bela al cielo le sue paure. Ergo nazione di mxxxa. Italia? No grazie fa troppo schifo preferisco di gran lunga la Cina. Molice Linyi Shandong China

Ritratto di hardcock

hardcock

Dom, 01/10/2017 - 11:39

Nel mio paese una vita vale una vita. Se uccidi Sei ucciso a tua volta. In quel paese di mxxxa quanto vale una vita????????? Molice Linyi Shandong China

Ritratto di do-ut-des

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 01/10/2017 - 11:48

I carcerati devono lavorare non studiare. Abbiamo già tanti laureati, non ci mancono ancora loro.

Ritratto di Trasibulo

Trasibulo

Dom, 01/10/2017 - 12:03

In un paese normale e civile i termini "omicida" e "premio" sarebbero inconciliabili e incompatibili, invece nel paese della cuccagna (per i delinquenti) si dà modo ad un assassino di rendersi uccel di bosco con demenziali permessi che - appunto - permettono con facilità irrisoria di farsi beffe di questa giustizia del kaiser.

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 01/10/2017 - 12:20

La sorveglianza (cerebrale) necessitava al giudice che gli ha concesso il permesso premio. Non è possibile farsi prendere per fessi così, il lupo perde il pelo non il vizio,ditelo al giudice.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 01/10/2017 - 12:39

Se veramente è uscito dai sacri confini della Patria, quella creata con la volontà e il versamento del sangue dei martiri dell'Indipendenza e degli Eroi del Piave, tanto meglio per il cittadino elettore sovrano e mazziato contribuente. Chissà che a Belgrado inviti i suoi vecchi amici di "carriera" in qualche bistrot magari facendo bisboccia con il "profugo latitante" Igor.

handy13

Dom, 01/10/2017 - 12:56

...politici,....cambiate le leggi.!!!!!!!!

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 01/10/2017 - 13:14

perché quei cxxxxxxi di giudici danno i permessi premio ai delinquenti?

il sorpasso

Dom, 01/10/2017 - 14:14

Complimenti al fiuto di chi l'aveva premiato: la volpe perde il pelo ma non il vizio lo sanno anche i bambini! Svegliateli!

manfredog

Dom, 01/10/2017 - 14:25

..'modello'..!!..si, modello giuditta..!! mg.

edo1969

Dom, 01/10/2017 - 16:16

A quest'ora starà con il suo connazionale Igor e si staranno facendo risate grasse su questo paese di pagliacci

Ritratto di Joker2

Joker2

Dom, 01/10/2017 - 16:23

SAPEVO che se un detenuto scappava ad una guardia Carceraria, doveva nel giro di qualche tempo riacciuffarlo, nel caso negativo, doveva scontare lui al suo posto la pena del fuggitivo!

giovanni235

Dom, 01/10/2017 - 17:30

Quanta gente onesta in carcere e quanti giudici delinquenti fuori!!!

Malacappa

Dom, 01/10/2017 - 17:35

Detenuto modello eh, adesso dove lo vanno a prendere io l'avrei messo in un posto da dove non si scappa.

Ritratto di Roberto_70

Anonimo (non verificato)

ARGO92

Lun, 02/10/2017 - 18:05

come si puo parlare di EVASIONE di un carcerato in permesso premio ad un pericoloso assasino