Quel dietrofront ipocrita sul Ponte

La vittoria del "Sì" al prossimo referendum costituzionale vale bene un dietrofront poco dignitoso sul Ponte di Messina

Volete sapere quando sarebbe stato inaugurato il Ponte sullo Stretto di Messina? Se non ci fosse stato il disco rosso della sinistra - e, successivamente, di Mario Monti - all'ex premier Berlusconi, che aveva lanciato il progetto subito dopo l'alluvione dell'autunno 2009, il sogno di Silvio sarebbe diventato realtà proprio in questi giorni. Come a dire che già oggi quei centomila posti di lavoro promessi, nei giorni scorsi, da Renzi - diventato improvvisamente prodigo, in vista del 4 dicembre -, sarebbero una realtà concreta: altro che promesse al vento.

Peccato che il sindaco d'Italia, quando lo voleva Silvio, si fosse opposto fermamente al progetto del Ponte. Peccato che il futuro inquilino di Palazzo Chigi avesse poi rincarato la dose nel 2012 quando, parlando a Sulmona, aveva dato un secondo stop all'ipotesi dello Stretto chiedendo di dirottare su altri lidi gli otto miliardi necessari per la costruzione: «Che li dessero alle scuole per renderle più moderne e sicure». Per non parlare di quella volta, durante la campagna per le primarie contro Bersani, quando disse che il «Ponte sullo Stretto era una brutta pagina da chiudere». Tanto brutta che adesso il presidente del Consiglio l'ha fatta propria. Siamo abituati alle piroette e al camaleontismo del Palazzo, ma c'è un limite a tutto.

Scusate, ma cerco solo di capire cosa sia cambiato per rendere così appetibile un piano che lo stesso Renzi aveva scartato ieri con ignominia. In realtà, non sembra mutato nulla, anche perché lo scenario non è affatto migliorato, anzi: se sette anni fa la recessione era appena cominciata e nessuno pensava che la crisi economica sarebbe durata così a lungo, oggi siamo ancora più in ginocchio, con una ripresa che non c'è, una disoccupazione che continua ad aumentare e con una povertà diffusa. Senza contare quanto sono già costati al contribuente la messa in liquidazione della società ad hoc per lo Stretto e tutti i costi di progettazione di un'opera troppo disinvoltamente accantonata.

Ricominciare nell'anno di grazia 2016 significherebbe, insomma, aumentare notevolmente il costo di tutta l'operazione ma, tant'è, quando c'è di mezzo la faccia tosta non si guarda tanto per il sottile. Tutto si può dimenticare, persino le dichiarazioni della senatrice dem Anna Finocchiaro che paragonò la costruzione del Ponte al caviale, cioè ad un lusso esagerato che avrebbe gravato sulle spalle dei contribuenti mentre il pane, ossia le vere opere necessarie, erano ben altre, dalle strade, ai porti, alle scuole. E, pensando proprio al caviale, mi viene in mente la gratitudine che, dopo il terremoto di Messina del 1908, i siciliani manifestarono nei confronti dei marinai russi della flotta zarista, approdata a poca distanza dal porto, che prestarono i primi, fondamentali, soccorsi ai superstiti di quel terribile sisma.

Quella gratitudine - e Renzi ci conta - che potrebbe nascere per coloro che, oggi, promettono di tirar fuori l'isola dal tunnel della crisi, rimangiandosi quanto avevano dichiarato soltanto pochi anni fa. La vittoria del «Sì» al prossimo referendum costituzionale vale bene un dietrofront poco dignitoso sul Ponte di Messina.

Commenti

elpaso21

Mar, 04/10/2016 - 08:53

Ma il Ponte non l'aveva già fatto Berlusconi ??

cicero08

Mar, 04/10/2016 - 08:53

ma era ipocrisia quella di chi si è approvato la legge Gasparri sull'emittenza televisiva?

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mar, 04/10/2016 - 09:17

Altro che "Fratelli d'Italia", che si adotti quale inno nazionale "ma che ce frega, ma che c'importa..." e come motto il razziano "me faccio li kazzammia"!

Luca66

Mar, 04/10/2016 - 09:25

E' solo fumo negli occhi per tutti coloro che ancora credono alle favole! Il furbetto Fiorentino e i suoi amici di merende sdoganerebbero tutto e di più per avere la meglio sul referendum di Dicembre. I problemi veri di quel che era il nostro Bel Paese non li vedono, anzi, fanno finta di non vederli! Vergogna !!!

carlolandi

Mar, 04/10/2016 - 09:43

Ottimo articolo. Ancora oggi il ponte rappresenta un'opera fondamentale per il paese. Speriamo che il prossimo governo lo riprenda in considerazione.

maxfan74

Mar, 04/10/2016 - 10:09

Non ci sono i soldi per i terremotati e si pensa al ponte...non mi tornano i conti. NO NO NO non va bene non si fa...

cgf

Mar, 04/10/2016 - 10:24

@elpaso21 si aggiorni perché prima di Berlusconi, tale Prodi Romano, allora presidente IRI voleva a tutti costi quel ponte.

peter46

Mar, 04/10/2016 - 11:16

elpaso21...certo che l'aveva già costruito Berlusconi.Purtroppo andando in giro per il mondo,per gl'interessi degl'Italiani oh!,si era affidato per i controlli prima a Lunardi,fino agl'intoppi personali,però,e poi a Matteoli che si son dimenticati,vigendo il divieto di transito 'pedonale',di farlo allargare di 50cm proprio per i pedoni.E magari,finito sto passaggio arriverà più avanti un sxtro non renziono,a richiedere anche la 'pista ciclabile'...e ripartiamo con le 'incompiute'.

Libertà75

Mar, 04/10/2016 - 11:31

@cicero08, scusi dove si parla della legge gasparri nell'articolo? lei ha un'idea sul ponte o sul camaleontismo renziano?

Albius50

Mar, 04/10/2016 - 11:35

Sono convinto che in futuro il ponte sullo stretto lo proporranno gli arabi insieme al ponte che unirà la Sicilia alla Tunisia; quanto scrivo è sicuramente fattibile chiaramente da IMPRESE NON ITALIANE meglio sarebbe da CINESI che stanno facendo enormi lavori in tempi RAPIDI ciò anche per ridurre gli effetti di MAFIA CAPITALE.

Libertà75

Mar, 04/10/2016 - 11:37

@cgf, quando Prodi ventilava l'ipotesi non era ancora PdC e poi spolverò l'idea quando lo fu, ma gliela bocciarono le segreterie di csx

dakia

Mar, 04/10/2016 - 11:57

Sono momentaneamente per la ristrutturazione del paese,come dice la canzone, il pan ci manca e sul ponte sventoli bandiera bianca...l'Italia sta crollando, scuole tetti e cornicioni che cadono in testa alla gente, fogne a cielo aperto e strade da asfaltare e ancora parliamo di ponti, lo finanzi Mattarella che è interessato ad avere un bel panorama, andate a rinforzare Pompei o questa non rende?

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 04/10/2016 - 12:06

riempire lo stretto di calcinacci e copertoni fino saturazione.

Fab73

Mar, 04/10/2016 - 12:22

Il ponte era una scemenza quando lo proponeva Berlusconi, e adesso che lo propone Renzi... E' sempre una scemenza! Solo un appunto per i tanti sostenitorui del nano: ABBBBELLLI!!! Guardate che al vostro capo il viscido di Firenze è sempre piaciuto. E come potrebbe essere il contrario? Se solo fosse più ricco e calvo sarebbero uguali. L'unica ragione per cui non lo sostiene più (almeno apertamente) è la mancata grazia, Certo che siete proprio rimbambiti...

Pinozzo

Mar, 04/10/2016 - 13:49

A me risulta che qualche giorno dopo abbia aggiutno che non e' una priorita' del governo. in sostanza, la solita sparata per fare abboccare i polli, per fortuna questo ponte non si fara' prima di una cinquantina d'anni.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 04/10/2016 - 13:59

Beh è la prima bugia che sento dire da Renzie.Che ridere................??????????????????????

@ollel63

Mar, 04/10/2016 - 14:27

la cosa più penosa è leggere le minchiate a schiena curva e pantaloni abbassati dei soliti sinistrati indecorosi e beceri.

peter46

Mar, 04/10/2016 - 14:32

Dott.Mazzucca...onorevole,che uno ci tenti a 'riproporsi' va bene...e la 'melassa' che non ci va bene.E non ha tutti certamente e magari provarci con gl'improsciuttati va anche bene,ma fino al 2018 stare sempre in campagna elettorale,e senza esserne sicuro di candidatura,per uno che dopo il 2013,quando ha o è stato costretto(dalle circostanze?)a mollare e diventare 'critico' del berlusconismo...ieri ci siamo più che 'sbizzarriti' a parlarne:ma ci ha letti,almeno o no?La sxtra non vuole il ponte?L'orecchinato forse...ma(e non le ricordo la promessa di Rutelli nella sfida con Berlù nel 2001 quando dichiarò di contare anche su di lui e il 'suo' pd se eletto)un Emiliano-Romagnolo come lei può mai pensare che le coop si sarebbero tolto 'il pane di bocca' non 'approfittando' di certissime 'chiamate' per stare allo stesso tavolo dei costruttori?(1)segue,forse però...

cicero08

Mar, 04/10/2016 - 14:41

X Libertà75: non era l'ipocrisia ad avere attirato la mia attenzione. Quella stessa ipocrisia che aveva portato giuristi, pur insigni, a difendere in aula la tesi che Ruby non poteva non apparire come la nipote di Moubarack...

peter46

Mar, 04/10/2016 - 14:49

Dott.Mazzucca...proprio a seguire il suo ragionamento.Vuol saper quando sarebbe stato inaugurato il Ponte sullo Stretto di Villa S.G.-Messina?Mai...o al massimo l'avrebbero inaugurato i figli dei figli di PierSilvio.Con simil General-Contractor inventati dal 'nostro' poi...le ricorda qualcosa ed il perchè sono stati 'inventati' sti General C....:per essere certi dei tempi oltre che della validità delle opere:le risulta che la SA-RC sia stata data per 'finita'(non morta)non meno di 4 volte,o no?E proprio per la certezza dei tempi di costruzioni,o no?Ma secondo lei si sarebbero accontentati della cifra(4,5 miliardi)indicata o in corso d'opera ri-avrebbero rifatto i conti?E si sarebbero accontentati di 'rientrare' col pagamento del pedaggio pattuito o gli si sarebbe lasciata aperta la porta per 'pretendere' rimborsi per mancato numero di 'trasbordi' sul ponte come comportamenti dalla costruita da LORO Pedemontana?(2) sempre forse,comunque.

peter46

Mar, 04/10/2016 - 15:07

Dott.Mazzucca...infine,solo una domanda dopo 'sta solita litania del 'disco rosso' della sxtra(sempre intendendo quale sxtra dato che di Keynesiano più delle coop non può 'esistere' nessuno).Lei è rimasto deputato fino al 2013,dunque le chiedo:dov'era la sera del 27 ottobre,governo Berlusconi in carica e non ancora 'alluvionato'come avvenne giorni dopo,quando i dipietristi presentarono quella mozione che impegnava il governo a non concedere più finanziamenti per il ponte?Era fra i 284 assieme a lega al completo,Misiti,Saglia,Gelmini,BBBRRRambilla,Raavvetto non ancora 'maritata',Croosetto a votare assieme a Di Pietristi e parte della sxtra o era l'1(uno)che votò contro?O era al bar di Montecitorio assieme agli altri commilitoni di Forza Italia ad ascoltare l'ultima barzelletta del 'loro',che tanto lei ne era già 'critico'?Ora possiamo dare conferma alla domanda di ..elPaso21..Un saluto.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 04/10/2016 - 18:04

Per conto mio il ponte è una pazzia pericolosa e costosissima. Che poi Renzi nei prossimi due mesi ci stupirà con le sue promesse di regali vari agli elettori non significa che gli Italiani ci ricaschino un'altra volta dandogli il voto. Vade retro satana!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 04/10/2016 - 18:29

Per conto mio il ponte è una pazzia pericolosa e costosissima. Che poi Renzi nei prossimi due mesi ci stupirà con le sue promesse di regali vari agli elettori non significa che gli Italiani ci ricaschino un'altra volta dandogli il voto. Vade retro!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 04/10/2016 - 18:37

Forse il ponte lo poteva fare Berlusconi, valendosi della sua esperienza di imprenditore. Con Renzi e i suoi banchieri sarebbe un nuovo disastro, soprattutto per le nostre tasche.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Mer, 05/10/2016 - 08:38

"Per conto mio il ponte è una pazzia pericolosa e costosissima"..mi sembra un'affermazione che cozza contro ogni principio su sui si fonda lo sviluppo economico di ogni paese..solo un pazzo si rifiuterebbe a prescinderel'offerta di costruire un'infrastruttura strategica... Detto questo io non lo farei mai costruire a un Cazzaro inaffidabile..