Il Dio con il mitra di "Charlie" fa infuriare cattolici e islamici

Il settimanale colpito dai jihadisti esce con una copertina e un editoriale choc. Il direttore Riss: "Atei e laici possono spostare più montagne dei credenti"

«Non saranno due scemotti incappucciati a mandare a quel paese il lavoro delle nostre vite e tutti i momenti formidabili vissuti con chi ha finito per soccombere. Non saranno loro a vedere crepare Charlie. È Charlie che li vedrà crepare». Un milione di copie stampate nel primo anniversario della strage del 7 gennaio a Parigi. E Laurent Sourisseau, in arte «Riss», provoca un nuovo putiferio con l'ennesima copertina dissacrante e un editoriale-manifesto che sono insieme uno schiaffo al fanatismo religioso e un inno alla laicità. È il frutto della «rabbia» - così la chiama Riss quasi evocando Oriana Fallaci - accumulata dopo ventitré anni di attività in cui «fanatici abbrutiti dal Corano, ma anche baciapile venuti da altre religioni, ci auguravano l'inferno al quale credono, per aver osato ridere della religione» e «speravano che ci facessimo uccidere».

Con questa rabbia, diretta anche agli «intellettuali inaciditi», ai «cronisti insipidi» e ai «giornalisti gelosi», il settimanale satirico Charlie Hebdo torna domani con un numero speciale la cui copertina, ancora prima di approdare in edicola, unisce in un colpo solo i vertici dei fedeli islamici e cristiani di Francia in una corale riprovazione espressa dal Consiglio del culto musulmano e dalla Conferenza episcopale. D'altra parte la prima pagina di Charlie Hebdo è un altro schiaffo a benpensanti e bigotti, l'ennesima risata amara di fronte all'estremismo religioso, di qualunque natura. In copertina stavolta c'è un Dio dalle sembianze più cristiane, ma con barba e sandali, in testa un cappello con l'occhio racchiuso nel triangolo (quello divino della Provvidenza che tutto vede), in spalla un kalashnikov e addosso una tunica insanguinata, unica nota di colore di una divinità molto poco divina e molto più terrena, in fuga, sotto il titolo poco ottimista: «Un anno dopo. L'assassino corre ancora», a piede libero. L'immagine è figlia della matita del caricaturista diventato direttore dopo aver assistito alla mattanza di otto colleghi, tra cui il predecessore Charb, uccisi brutalmente insieme ad altre quattro persone nell'assalto jihadista del 7 gennaio 2015. Da allora Riss ha i segni di una fucilata sulla spalla, vive sotto scorta, ed è al centro di una fatwa.

Ma non demorde: «Non abbiamo mai avuto tanta voglia di spaccare la faccia a tutti quelli che hanno sognato la nostra sparizione». Riss ricorda i problemi economici vissuti dal giornale nei suoi anni di attività, quando si lavorava «con l'idea che tutto potesse finire da un giorno all'altro», anche a causa «dell'iniziativa dei catto-fanatici» che lo hanno trascinato in tribunale una dozzina di volte. Ma la svolta arriva nel 2006, con le caricature di Maometto. «Nessuno pensava seriamente che un giorno tutto ciò sarebbe finito nella violenza. Non era pensabile nel XXI secolo, in Francia, una religione uccidesse dei giornalisti. Vedevamo la Francia come un'isoletta laica dov'era possibile cazzeggiare, disegnare, divertirsi, senza preoccuparsi dei dogmi, degli illuminati». Fino al 7 gennaio. Un mese prima «domandavo a Charb se la sua scorta avesse ancora un senso. La storia delle caricature era già passato». E invece «la religione non conosce tempo. Non conta in anni o in secoli, perché non conosce che l'eternità. È l'eternità che ci è piombata addosso quel mercoledì 7 gennaio».

Dopo che i kalashnikov colpiscono anche lui, Riss si ritrova a terra, in un silenzio raggelante. «Con i piedi tiravo la sedia dove cinque minuti prima era seduto Charb, per mettere le gambe in alto come avevo imparato alle lezioni di pronto soccorso. Quando un pompiere mi ha aiutato ad alzarmi, ho fatto di tutto per non girare la testa, per non vedere i morti di Charlie». «Il 2005 è stato l'anno più terribile di tutta la storia di Charlie Hebdo perché abbiamo subito il peggior supplizio per un giornale d'opinione: mettere alla prova le nostre convinzioni». E il 2016 ricomincia con l'affondo del Consiglio francese del culto musulmano, che definisce il suo disegno «mediocre»: «Questa caricatura colpisce tutti i credenti delle diverse religioni. Non mi riconosco in questa immagine, che non aiuta in un momento in cui abbiamo bisogno di ritrovarci fianco a fianco». Poi i vescovi di Francia, che dicono di non voler commentare, ma si chiedono: «È il genere di polemiche di cui la Francia ha bisogno?». Riss e quel che resta dell'équipe di Charlie Hebdo rispondono con nuove vignette: «Le convinzioni degli atei e dei laici possono spostare più montagne che la fede dei credenti».

Annunci
Commenti

INGVDI

Mar, 05/01/2016 - 08:46

Poveretti, quelli di Charlie Hebdo non credono in Dio e non si accorgono di essere loro stessi adoratori del laicismo, un dio che ha dato origine alle più criminali ideologie che abbiamo conosciuto: il comunismo e il nazismo. Sono costretti, per sopravvivere, offendere e bestemmiare sempre con più rabbia e ferocia. Poveretti.

Ritratto di rapax

rapax

Mar, 05/01/2016 - 09:07

Ma basta!!! sti rappresentanti religiosi sono dei cialtroni, primo danno una pubblicita' enorme alla testata(per quello che poi..hanno disegnato...) i cristiani dovrebbero arrabbiarsi per gli insulti che ogni giorno prendono nelle scuole (per non offenderemaometto) o nelle biennali dell'arte, o per le migliaia di cristiani massacrati ogni giorno dai musulmani, i musulmani ancora continuano a non comprendere una mazza, il che fa pensare seriamente che sta gente va rimandata urgentemente nei loro paesi MUSULMANI, senza passare dal "via"

anna.53

Mar, 05/01/2016 - 09:35

Da credente non mi sento affatto offesa: la vignetta è invece un grave monito per gli uomini che , reclamando di assumerne il posto e affermando , blasfemamente , di "fare la volontà di Dio" , effettuano atti efferati contro i loro simili, che non credo siano accetti a una divinità i cui tratti sono la misericordia . E' una vignetta paradossale.

aurius

Mar, 05/01/2016 - 09:53

Je ne suis pas Charlie

Ritratto di MaxVetter

MaxVetter

Mar, 05/01/2016 - 10:30

Veramente buffi questi giornalisti di Charlie Hebdo: commemorano la strage subita ad opera di terroristi mussulmani e in copertina mettono un'immagine che non ha nulla di mussulmano, ma che si rifà esclusivamente all'immagine del Dio cristiano. Si vede che hanno imparato la lezione: d'ora in poi si può sbeffeggiare solo il cristianesimo, l'Islam è meglio lasciarlo stare.

Ritratto di Rames

Rames

Mar, 05/01/2016 - 10:31

Una redazione di irresponsabili.Vi auguro di chiudere al piu' presto.

ziobeppe1951

Mar, 05/01/2016 - 10:53

Che differenza c'è tra la bestemmia sms in televisione e la vignetta di Charlie?

java

Mar, 05/01/2016 - 11:13

Gli atei (stalin, lenin, mao, pol pot) hanno fatto 100 milioni di morti sotto la bandiera del comunismo. Difficile batterli. E cosa credono di aver dimostrato insultando la religione cristiana. CODARDI.

alberto_his

Mar, 05/01/2016 - 13:58

Quando non si finiscono i lavori...

Maver

Mar, 05/01/2016 - 14:29

Siano chiari, rivolgano la loro denuncia a chi di dovere o non si pronuncino affatto. Questa scelta non li rende credibili.

joecivitanova

Mar, 05/01/2016 - 15:20

Sono laico. Rispetto molto, fino a certi limiti, chi professa religioni. I sessantottini o sedicenti tali non li ho mai sopportati ( io ero bambino, ma ne conosco tanti ). Papa Bergoglio si dovrebbe vergognare per la famosa frase del 'Pugno', che pronunciò all'epoca della strage della redazione. Un cristiano o un musulmano ha tutto il diritto di sentirsi offeso dalle vignette in questione, ed indignarsi e criticarle anche duramente, ma NULLA di più. Però, il giornalista di Charlie Hebdo ha tutto il "sacrosanto" DIRITTO di pubblicare quello che sta per pubblicare; e chiunque cercasse di impedirglielo, con qualsiasi mezzo anche lecito, od illecito, commetterebbe un crimine. Giuseppe.