Dl sicurezza, sindaco Pd smonta i ribelli: "Legge va rispettata sempre"

La presidente di Anci Veneto, Maria Rosa Pavanello, entra a gamba tesa sulla rivolta dei sindaci contro il Dl sicurezza

Foto dal sito del Comune di Mirano

Maria Rosa Pavanello, presidente di Anci Veneto, sindaco di Mirano e iscritta al Pd dalla sua fondazione, si schiera contro i sindaci ribelli che non vogliono applicare il Dl Sicurezza. "Un sindaco è tenuto ad applicare e a far rispettare la legge anche quando non la condivide. E questo un elemento che sta alla base del ruolo di sindaco e che è alla base dell'architettura democratica ed istituzionale del nostro Paese. Il decreto sicurezza è una legge dello Stato e, quindi, i sindaci devono rispettarla. Naturalmente questo non significa che non si possano manifestare critiche o giudizi negativi, ma la legge lo ripeto va rispettata. E il nostro ruolo che ce lo impone e non potrebbe essere diversamente".

Pavanello ha poi affermato che: "Il confronto e non la disobbedienza è alla base della dialettica democratica per questo condivido le parole del presidente Decaro che ha invitato alla costituzione di un tavolo per cercare con il dialogo di trovare delle eventuali soluzioni condivise e correttivi al decreto".

Per la presidente dell'Anci Veneto, il problema non deve essere affrontato come una battaglia politica, ma bisogna guardare all'interesse dei Comuni e dei sindaci che ogni giorno si trovano a dover fronteggiare la gestione dei migranti e della sicurezza. "In passato i sindaci sono stati lasciati soli nella gestione dell'emergenza immigrazione che non era di loro competenza, ma che purtroppo è stata scaricata senza mezze misure sui Comuni e di conseguenza sui territori e sulle comunità con il rischio concreto di tensioni sociali", ha detto la Pavanello.

Parole che arrivano come una doccia gelata nei confronti della sollevazione dei sindaci e che riaffermano un principio di diritto imprescindibile: la legge va applicata. Un concetto già ricordato anche da illustri costituzionalisti e che dovrebbe essere sempre tenuto presente da chi è a capo non di una lista o di un partito ma di una pubblica amministrazione.

Commenti

batpas

Gio, 03/01/2019 - 17:05

Mi sto accorgendo che è la seconda persona di sinistra che ragiona: il primo è stato ( almeno a parole ) il Governatore Emiliano.

Ritratto di illuso

illuso

Gio, 03/01/2019 - 18:00

Mah... Il buonsenso non è ne di destra ne di sinistra è solamente buonsenso.

Ritratto di lurabo

lurabo

Gio, 03/01/2019 - 18:19

Basta avere un cervello e il problema non esiste!!!!

DanieleQ

Gio, 03/01/2019 - 18:21

per la sinistra comunque è normale tutto ciò, se le leggi le fanno loro allora sono esatte altrimenti no. Pure io da domani non voglio pagare le tasse allora !!! Le leggi devono essere sempre rispettate, non capisco però come mai alcuni giudici liberano persone colte sul fatto con gravi indizi e le lasciano libere (naturalmente solo se sono extracomunitari ) Vedi spacciatori liberati con ordine di restituire i soldi avuti in maniera criminale

Ritratto di illuso

illuso

Gio, 03/01/2019 - 18:35

Questi sindaci babbei stanno distruggendo quel poco che rimane della sinistra buonista... pazzesco, sono dei masochisti che fanno l'impossibile per farsi del male.

GPTalamo

Gio, 03/01/2019 - 18:54

Finalmente una comunista che ha il giusto concetto della democrazia. Non bisogna fare di tutta l'erba un fascio (ah, scusate per la parola "fascio").

stefi84

Gio, 03/01/2019 - 18:58

Giustamente i sindaci sono i primi a dover rispettare la legge, come potrebbero diversamente pretenderlo dai cittadini che amministrano?

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 03/01/2019 - 18:58

Cosa disse la mammoletta Pavanello, quando il governo Renzi approvò la legge sulle unioni civili, e Salvini invitò tutti i primi cittadini leghisti e di centrodestra ad opporsi ai matrimoni gay?

belmoni

Gio, 03/01/2019 - 19:08

Questi sono i sinistrati, sempre a invocare la Costituzione la Legge. Poi sono i primi a calpestare sia la Costituzione che la Legge. bUFFONI

pardinant

Gio, 03/01/2019 - 19:09

Mi rincuora infinitamente sapere che ci sono ancora persone di sinistra che sanno usare il cervello e sicuramente fanno opposizione quando c'è da fare opposizione e non indiscriminatamente per "parte presa" o peggio per interesse di parte dimenticandosi che è stato il Popolo, mai sovrano, a eleggerli.

HARIES

Gio, 03/01/2019 - 21:41

Poveri sindaci, che fatica devono sopportare in questi giorni. Sono seduti sopra un incudine e non sanno quale strumento calerà sulla loro testa: falce o martello.

killkoms

Gio, 03/01/2019 - 22:20

la legge è legge!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 04/01/2019 - 08:26

almeno una intelligente esiste anche a sinistra.

Bocca della Verità

Ven, 04/01/2019 - 11:50

@(de)pravda99: ma il buon Matteo all'epoca NON ERA UN SINDACO E NEANCHE UN MEMBRO DEL GOVERNO. Quindi le sue sollecitazioni erano squisitamente POLITICHE E NON GIURIDICO/AMMINISTRATIVE. Non vi era perseguibilitá nell'invito ad osteggiare una norma forzata per nulla condivisa. Quindi la sindachessa non doveva necessariamente fiatare... Riesce a cogliere la differenza o necessita del «disegnino»?