Doppiopetto sartoriale e comode sneakers Un rigore senza chiasso

Fabiana Filippi attinge al guardaroba maschile: giacche e colori caldi Da Cruciani i montgomery hanno dettagli in macramè

Margherita TizziDa alcuni anni le sfilate si trascinano dietro discutibili personaggi che, per qualcuno, rappresentano lo street style, il meglio dello stile de noialtri. A noi sembrano stravaganti soggetti in cerca di notorietà. Si è alla moda, se si indossano una minigonna gialla, una felpa strappata, un paio di sandali con il pelo, senza calze, e una maschera da sci in testa? «L'eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare» dice Giorgio Armani ed è questo il ritratto della donna del prossimo inverno, una donna sempre di corsa avvolta da cashmere, mohair o alpaca, di un lusso sussurrato. Così, Fabiana Filippi attinge al guardaroba maschile per costruirle una giacca sartoriale in lana, camice bianche in cotone elasticizzato e pantaloni in tweed, in velluto millerighe o in morbida maglia. Pennellate naturali e rassicuranti, dal bianco panna al mondo dei grigi, dell'argilla e del beige, passando per il cipria, il mosto, il nocciola e il castagna, rappresentano il paesaggio tonale preferito. Sensualità e rigore anche per Cruciani che propone montgomery, caban in montone e cappotti in lana infeltrita, davantini, colli e cardigan e maglie in cashmere, arricchite da dettagli floreali in macramè della Arnaldo Caprai Gruppo Tessile. Antonelli Firenze, rappresenta quest'identità precisa, consapevole e mai chiassosa con giacche e abiti dalle finiture sartoriali e cappotti dal taglio oversize e dall'inconfondibile manica a kimono. Donna cool ma anche un po' tradizionale per Hogan che le permette di indossare le sneakers come il nuovo modello Traditional 20.15 - con giacche tuxedo o doppio petto. Infine, color block e accostamenti cromatici inaspettati e decisi rendono i capi di Twin-Set ipergrafici. Una collezione che ruba qualcosa all'alta moda, qualcosa ai look casual indossati durante una passeggiata in collina.