Droga sesso e maiali, le accuse a Cameron

In un libro rivelazioni choc sul premier durante gli anni di Oxford. Lui: «No comment»

Atti sessuali con la testa di un maiale morto come rito di iniziazione e un gruppo di giovani dediti a festini con grande consumo di droghe leggere: sono alcune delle imbarazzanti «rivelazioni» sulla gioventù di David Cameron contenute nella biografia della sua vita da studente a Oxford scritta da Lord Ashcroft, un ex pezzo grosso del Partito conservatore, e dalla giornalista Isabel Oakeshott.

La biografia non autorizzata e non ufficiale si basa su interviste a persone che a metà degli anni Ottanta studiavano a Oxford. Se una smentita equivale alla miglior conferma per una notizia, David Cameron ha scelto una via di mezzo: «No comment». È questa la linea ufficiale di Downing Street dopo le rivelazioni choc. L'episodio più piccante riguarda il rito di iniziazione di una confraternita di soli ragazzi a cui Cameron avrebbe aderito accettando di infilare le sue parti intime nella bocca di un maiale morto. I media britannici hanno dato ampio risalto al libro, i cui estratti sono stati pubblicati in anteprima dal «Daily Mail» che ironicamente ha corredato il servizio con fotografie recenti del premier in visita ad alcune fattorie, mentre accarezza o tiene in braccio dei maialini. Fotografie innocenti ma che ora si ritorcono incredibilmente contro Cameron. Tra due settimane, fra l'altro, si aprirà il congresso autunnale dei conservatori e la pubblicazione del libro non faciliterà di certo un premier che è stato riconfermato in carica alle politiche del 7 maggio ma che nelle ultime settimane non ha goduto di ottima stampa, complici anche le sue politiche sui migranti. Dell'avventura con la testa del maiale, è scritto nel libro, esisterebbero anche prove fotografiche che sarebbero state viste da un deputato in carica. Così come esisterebbero diverse persone che hanno descritto l'amore del gruppo degli allora amici di Cameron per le droghe leggere da fumare durante le feste. Il «Guardian» sottolinea come fra Lord Ashcroft e Cameron i rapporti si siano deteriorati negli ultimi anni. Che tra i due non corresse buon sangue era un fatto noto, ma che l'ex vice presidente dei Conservatori, ad appena due settimane dalla congresso del partito decidesse di lanciare un attacco così clamoroso al premier, nessuno se lo aspettava. Dopo aver finanziato personalmente i Tories con svariati milioni di sterline, Ashcroft dopo le elezioni del 2010 si aspettava da Cameron di essere ricompensato con un incarico di prestigio nel nuovo governo di coalizione con i Libdem.