E Alfano chiese all'amico: ma perché non mi votano?

Lo sfogo del ministro dell'Interno, preoccupato per le percentuali a picco del suo Ncd. La replica: "Angelino, ti considerano il traditore di Berlusconi e succube di Renzi"

Riceviamo e pubblichiamo

"Con riferimento all’articolo apparso il 4.3.2016, nel corpo della prima pagina centrale, in tutta la pagina 11 del quotidiano “il Giornale” e sul sito web, a firma Augusto Minzolini, intitolato “Alfano: perché non mi votano” e sottotitolato “Il ministro confida ad un amico il suo stupore per lo scarso successo politico”, si precisa quanto segue.
L’articolo riporta fatti mai accaduti e circostanze del tutto false, strumentali e non veritiere.
È, invero, totalmente inconsistente ed ingannevole quanto riportato da Minzolini: sia le circostanze di fatto sia le presunte dichiarazioni, sono completamente destituite del benché minimo fondamento. Va precisato, peraltro, che il ministro Alfano (che a sua volta ha già seccamente smentito), seppure cliente della ditta Talarico Cravatte, non mette piede nel negozio di via dei Coronari da circa due anni. Né Talarico ha mai conosciuto il senatore Minzolini, che non rientra tra i clienti abituali della boutique.
Tuttavia, a prescindere da quanto sopra, Talarico rinnova la sua stima nei confronti del ministro Alfano ed il suo pensiero è assolutamente in contrasto con quanto asseritamente dichiarato da “il Giornale”.
Trattandosi di affermazioni potenzialmente lesive della reputazione della ditta titolare del marchio “Talarico Cravatte”, nonché del signor Maurizio Talarico, è stato già dato mandato all’avvocato Aurelio Tricoli di agire nelle opportune sedi giudiziarie per la migliore tutale dei propri diritti ed interessi.
Studio legale Tricoli"

La scena che raccontano è di quelle che rimangono impresse nella memoria. È avvenuta qualche giorno fa, quando Angelino Alfano ha varcato la soglia del negozio di cravatte sartoriali «Talarico», al civico 52 di via dei Coronari, a due passi dal Senato. Lì, mentre sceglieva con l'aria di intenditore tra una sette pieghe, una pochette o un foulard, il ministro dell'Interno si è lasciato andare a questa confessione con il proprietario Maurizio: «Ma perché la gente non mi vota? Perché nei sondaggi non arrivo al 3%?». Già, la mitica soglia di sbarramento del 3% prevista nell'Italicum, la nuova legge elettorale, quella che decreta se un partito sopravvive o muore. Il povero Angelino non si dà pace da quando ha capito che l'impresa è improba e, appunto, si sfoga con chiunque gli capiti a tiro, come il pulcino Calimero che, in un carosello di una vita fa, si lamentava perché era «piccolo e nero». Spesso gli interlocutori del momento lo confortano, ma l'altro giorno Maurizio Talarico, appassionato di politica, ciellino, che lo conosce da una vita, ha preso coraggio e non gli ha nascosto la cruda verità. «Guardi - racconta l'uomo delle cravatte - io ho il difetto di essere sincero, quasi brutale, per cui gli ho detto: Caro Angelino, purtroppo la gente ti vede come il traditore di Berlusconi. Appari troppo succube di Renzi. E proprio per questo, se fossi in te, lo dico per il tuo bene, non andrei in televisione ma ci manderei qualcun altro».Dilemmi, paure, sconforti del mitico «centro», luogo di culto dove si decidono le campagne elettorali. Quell'aria di confine, dove gli schieramenti si contendono l'ultimo voto per avere la meglio l'uno sull'altro. Ora quel centro moderato appare diviso, frastagliato, terra di saccheggio degli altri predoni della politica. Ma, soprattutto, è diventato per tutti un rebus: chi là dentro ha il potere, in gergo le «poltrone», non ha il consenso; chi ha il consenso non ha una politica. Il Nuovo centrodestra di Alfano, dopo tre anni di governo, uno con Letta e due con Renzi, nei sondaggi si è assottigliato e sta lambendo lo zero. Casini e i suoi già sono andati sotto lo zero. Renzi in quell'area non sfonda, mentre il centrodestra diviso, sia pure con una diversa redistribuzione dei voti al suo interno, continua a rappresentare un blocco elettorale che supera il 30%. Per alcuni sondaggisti è addirittura sopra il Pd, per altri poco sotto. Almeno l'ultimo arrivato nella grande giostra «centrista», Verdini, questa contraddizione tra «potere» e «consenso» non se la pone proprio. A lui interessa solo il primo «elemento» e il suo orizzonte politico si ferma al 2018. Fino a lì il suo programma è chiaro, cadenzato. Intanto vuole far pesare al premier il suo appoggio: l'altroieri prima di ordinare ai suoi di partecipare al voto sulla nuova legge sull'omicidio stradale e garantire il numero legale al Senato, Verdini ha preteso, per l'ennesima volta, che Luca Lotti, il plenipotenziario renziano, gli telefonasse per chiedergli soccorso. Le tappe successive sono semplici, quasi banali. «Nelle primarie del Pd - ha spiegato ai suoi - appoggeremo i candidati renziani; poi, alle elezioni, faremo la campagna elettorale nelle città per i candidati renziani; quindi, parteciperemo ai comitati per il sì al referendum per le riforme renziane; e, infine, all'indomani della vittoria al referendum, entreremo nel governo renziano». Insomma, un Renzi minuto per minuto. Addirittura, Verdini, che su questi argomenti è meticoloso, ha già pronta la lista della spesa: un viceministro e due sottosegretari, da dividere tra nord, centro e sud. Tra i verdiniani si è già discusso dei particolari. Il viceministro sarà toscano. Saverio Romano non farà il ministro: «Saverio mettiti in testa - gli ha spiegato lo stesso Verdini - che Renzi non vuole ex esponenti del governo Berlusconi tra i piedi». La stessa cosa ha detto al senatore D'Anna, che gli ha risposto con una lettera di fuoco, minacciando di cambiare gruppo parlamentare. «Il problema - ammette con l'onestà intellettuale che tutti gli riconoscono Riccardo Mazzoni, mente lucida del verdinismo - è che dopo il 2018 c'è buio fondo. Questa linea non ci porterà consenso e Renzi, purtroppo, è un grandissimo tattico ma non ha una strategia».Problemi a cui il «pragmatico» Verdini non si appassiona, ma che, invece, per il quarantenne Alfano sono diventati un incubo. Il ministro dell'Interno, infatti, non ha una prospettiva, motivo per cui Ncd si sta sfaldando. Se ne sono andati Quagliariello, Giovanardi, e poi, ancora, Sacconi. E anche chi è rimasto non vede un domani ed è alla ricerca di una via d'uscita. Che naturalmente guarda a chi ha il «consenso». Non tanto verso Renzi, che è inospitale, quanto verso il Cav. «Il punto è che Angelino - osserva il siciliano Salvatore Torrisi, punto di forza di Ncd in Sicilia - il 3% non lo farà mai. Basterebbe che il centrodestra tornasse a fare politica per rimettere tutto in movimento. A Milano siamo tutti insieme sotto Parisi. Se si riuscisse a fare la stessa operazione a Roma con Marchini, se necessario con le primarie del centrodestra, si potrebbe vincere in entrambe la città con Ncd che appoggia due candidati dell'opposizione. Una contraddizione che potrebbe anche portare alla caduta del governo».Appunto, ci vorrebbe la politica. E di «chance» il centrodestra ne avrebbe non poche. Roma e Milano, ad esempio, potrebbero diventare un laboratorio vincente anche a livello nazionale. Lo schema potrebbe essere quello di un'alleanza tra le tre forze tradizionali del centrodestra - Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia - e un outsider, che potrebbe raccogliere i centristi disorientati e in cerca di autore. Parisi a Milano e, nel caso, Marchini a Roma. Le condizioni ci sarebbero tutte visto che la sinistra è divisa come non mai e molti giocano sulla sconfitta di Renzi. La «rete» veltroniana nella Capitale appoggia nelle primarie Roberto Morassut contro il candidato del premier Giachetti. D'Alema addirittura pensa di mettere in lizza un candidato di sinistra senza passare per le primarie, cioè l'ex ministro Massimo Bray. Non parliamo poi dei rancori dell'ex sindaco Marino. Mentre il presidente della Regione Zingaretti ha confidato a due emissari del centrodestra che se alle primarie del Pd appoggerà Giachetti, alle elezioni è tentato dalla voglia di dare una mano a Marchini. Addirittura nella sinistra estrema c'è chi tifa, sempre nella logica di dare un colpo a Renzi, su una candidatura di Marchini che raccolga l'intero centrodestra. «Lo ripeto ogni giorno - confida Loredana De Pretis di Sel - a tutti quelli del centrodestra che conosco». Solo che per farlo ci vorrebbe quel più di politica che per ora latita. Veti su veti, il centrodestra è diviso su tre candidature. Salvini teorizza le primarie, seguendo uno schema preciso: «Vado in alleanza solo su un candidato potenzialmente vincente, altrimenti meglio da soli». La Meloni non sa che pesci prendere, mentre il Cav è schiavo della parola data a Bertolaso. Ci vorrebbe un passo indietro, un metodo per trasformare il «consenso» in politica. Ma per ora c'è l'impasse e il coordinatore di Forza Italia del Lazio, Fazzone, in una lettera appassionata a Berlusconi è arrivato addirittura «a declinare ogni responsabilità».E mentre nelle grandi manovre sul «centro» il centrodestra sta fermo, gli altri si muovono. Per riaprire un discorso con i cattolici delusi e incattiviti per le unioni civili, Renzi ha fatto muovere l'amico Mario Adinolfi, che parla di un nuovo partito per la famiglia. Che c'entra Adinolfi con Renzi? C'entra, eccome se c'entra: Adinolfi ha trascorso una vita nel Pd, è renziano da sempre e il premier è stato il grande sponsor della nascita del suo giornale, la Croce. L'operazione serve ad evitare che il popolo del «Family day» finisca per ingrossare le file del centrodestra. Mentre sull'altro versante anche i Cinque stelle partecipano alle grandi manovre sul «centro»: prima hanno fatto saltare la «stepchild adoption» al Senato; poi, Grillo ha assunto una posizione dura contro «il figlio in provetta»; e, infine, per Roma è venuto fuori un candidato, Virginia Raggi, che o per aver lavorato nello studio Previti, o per le cose che dice sembra fatto apposta per corteggiare l'elettorato moderato. «Il principe Colonna - racconta Franco Carraro gran conoscitore della Capitale - ha già detto in una cena che la voterà». Cosa non si fa, per qualche voto moderato in più...

Commenti

nordest

Ven, 04/03/2016 - 08:44

Machi si fida di Alfano: dopo non saper lavorare è anche traditore e spara alle spalle.

umberto nordio

Ven, 04/03/2016 - 08:51

La risposta avrebbe dovuto essere: perchè fai schifo!Ma scommetto che ha dato la colpa agli elettori.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Ven, 04/03/2016 - 08:52

SE HA FATTO QUESTA DOMANDA ALLORA DIMOSTRA DI ESSERE UN POLITICO FALLITO SE NON SI E' ACCORTO CHE I TRADIMENTI SONO DELETERI E COSI DELETERIO E' QUELLO DI CERCARE LA POLTRONA E NON FARE NULLA PER GLI ALTRI. FARE I LACCHE SERVITORI DI UN RANZI FALLIMENTARE NON GLI GIOVA ALLA SUA IMMAGINE. VEDI CASINI, CHE E' SPARITO; FINI STESSA SORTE, PRESTO TOCCHERA A VERDINI

Duka

Ven, 04/03/2016 - 08:59

Cervello pari a zero , rimane un "utile idiota" -

Ritratto di centocinque

centocinque

Ven, 04/03/2016 - 09:05

Caro Angelino te li spiego io i motivi: oltre che un traditore sei una nullità, la tua gestione dei clandestini fa cag...., la tua gestione della delinquenza fa cag..., la tua gestione del Viminale fa cag... Quanto a Quagliarello, e gli altri compagni di merende che hanno insieme a te tradito l'elettorato non preoccuparti, anche loro al 3% non arrivano. avrete tutti la sorte di quell'altro bell'esemplare di Gianfranco Fini.Come disse Sciascia "uomini, ominicchi e quaquaraqua.

macchiapam

Ven, 04/03/2016 - 09:07

La domanda giusta è: perchè mai dovrebbero votarlo?

incomprensibile

Ven, 04/03/2016 - 09:11

ALFANO NON TI VOTANO PERCHE' SEI UN CONIGLIO, VERGOGNATI!!!!!

ilbarzo

Ven, 04/03/2016 - 09:23

Povero Alfano,la poltrona ti ha rimbicillito del tutto. Forse era meglio se ti sedevi in uno sgabello anche di legno e rimanevi al tuo posto.

roberto.morici

Ven, 04/03/2016 - 09:35

Se esaminasse attentamente allo specchio la sua espressione forse riuscirebbe a darsi la risposta.

routier

Ven, 04/03/2016 - 09:40

La demenziale politica immigratoria di "Mare Nostrum", è una delle tante risposte. (e nemmeno la peggiore)

giolio

Ven, 04/03/2016 - 09:41

io non ci credo che lui abbia fatto questa confidenza all‘amico ,altrimenti sarebbe veramente stupido . Lo dico e lo penso veramente ,una cosa così un politico non la direbbe mai

roberto del stabile

Ven, 04/03/2016 - 09:46

i tradimenti ed i traditori a medio termine non vanno mai a finire bene.alfano verdini casini fini e soci finiranno tutti nel dimenticatoio ma tanto avranno fatto i soldi e se ne fregheranno.ma a parte i soldi non avranno mai piu' nulla FANNO SCHIFO!!!

Mano-gialla

Ven, 04/03/2016 - 09:53

povero alf come sei caduto in basso...

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 04/03/2016 - 10:06

QUANDO; UNO VIENE ELETTO CON I VOTI DI UN PARTITO NON PUO TRADIRE QUESTO PARTITO É I SUOI ELETTORI ANDANDOSENE ALLA PARTE OPPOSTA; É CON UN PARTITO CHE É SEMPRE STATO CONTRO GLI INTERESSI DEL PAESE É DEL POPOLO;ANCHE PERCHE LUI NON HA FATTO NIENTE DI UTILE PER IL POPOLO! LA SICUREZZA DEI CITTADINI NON VIENE GARANTITA! IL DIRITTO ALLA LEGITTIMA DIFESA VALIDO IN TUTTA EUROPA NON É VALIDO PER GLI ITALIANI; É I CASI MATTIELLI! STACCHIO! É I 2 CONIUGI AMMAZZATI IN SICILIA! IL RAGAZZO AMMAZZATO 1 ANNO FÁ DA 1 PROFUGO CHE ERA STATO ESPULSO; TUTTI QUESTI FATTI SONO UNA CONSEGUENZA DELLA SUA POLITICA BUONISTA! É SE LUI AVESSE UNA COSCIENZA NON STAREBBE CON UN PARTITO CHE HA PIU SCANDALI CHE ELETTORI;É BASTA CITARE 3 NOMI MPS! PENATI! É DEBENEDETTI! PER CAPIRE CON CHI SI É MESSO QUESTO "SIGNORE";É ALFANO FARÁ LA FINE DI FINI!É CASINI! É POI SARÁ LA VOLTA DI VERDINI; PERCHE IL POPOLO NON DIMENTICA DI PUNIRE CHE LO HA TRADITO!.

vincentvalentster

Ven, 04/03/2016 - 10:10

Non solo perchè è un traditore di Berlusconi, che lo aveva letteralmente creato e quindi la gente non si fida di lui, ma anche perché politicamente è una nullità assoluta e, pur di contare qualche cosa, fa il servo di Renzi ed ogni tanto fa finta di opporsi ( a parole ) a qualcosa. E' penoso, come tutto NCD

Fradi

Ven, 04/03/2016 - 10:16

Vincolo del mandato. Il resto sono inutili chiacchiere.

tormalinaner

Ven, 04/03/2016 - 10:17

Forse qualcuno dovrebbe svegliare Alfano! Ma chi si fida di un traditore che ha fatto lo scendiletto di Renzi. Meglio che vada in panchina con Fini, non lo vogliamo più vedere.

buri

Ven, 04/03/2016 - 10:31

quello non ha ancora capito che il tradimento non porta voti, se ne accirfweà anche Verdini alle prossime elezioni, sempre che ci facciano votare

milope.47

Ven, 04/03/2016 - 10:46

....Una volta un ladro chiese ad un carabiniere: " Ma perché mi arrestate ? ".

bobo55

Ven, 04/03/2016 - 10:59

#angelinostaisereno

Rossana Rossi

Ven, 04/03/2016 - 11:10

Il fatto che non lo capisca dimostra che razza di politico da due lire sia.....venduto e incapace, ma chi può votarlo?..........

marco.olt

Ven, 04/03/2016 - 11:18

Lo sfogo dimostra il distacco di certi politici dalla gente, sono incoscienti irresponsabili, per gente come ALFANO evidentemente certe nefandezze sono normali.

Ritratto di Loudness

Loudness

Ven, 04/03/2016 - 11:22

Al-Fanoh la gente non ti vota perché sei il Ministro dell'invasione. Rappresenti quanto di peggio ci si possa aspettare da un servitore dello Stato... della Res Pubblica. E poi sei un traditore... e la gente non ama votare i traditori. I traditi lo fanno per ovvii motivi, e gli alleati non ti votano perchè sanno che un traditore prima o poi tradirà ancora. La tua carriera politica (ed è già un complimentone definirla tale) è FINITA... FI...NI...TA Come quella del tuo simile Fini. Stessa razza. Stesso schifo.

Ritratto di gattofilippo

gattofilippo

Ven, 04/03/2016 - 11:48

Perchè fai schifo, traditore.

MarcoE

Ven, 04/03/2016 - 11:52

Io Virginia Raggi la voterei di sicuro ... Grande Minzolini!

guardiano

Ven, 04/03/2016 - 12:02

Questo individuo non solo è incompetente e traditore del mio voto ma è anche dannoso, a casa a piantare cetrioli.

perseveranza

Ven, 04/03/2016 - 12:07

Ma Alfano non gira per le strade? Non sente cosa dice la gente? Alfano ci ha fatto invadere da una massa di finti profughi, immigrati clandestini prepotenti e che manteniamo a sbafo. E lui pretende il voto degli italiani. Non sarà mai punito abbastanza per il danno fatto agli italiani.

i-taglianibravagente

Ven, 04/03/2016 - 12:08

sara' bello seguirla nel tentativo di doversi trovare finalmente un lavoro degno di questo nome. Le fara' bene, angelino...vedra'.

vince50_19

Ven, 04/03/2016 - 12:11

La constatazione ci sta tutta ("Angelino, ti considerano il traditore di Berlusconi e succube di Renzi"); l'altro, il wannabe, si tura il naso e imbarca tutti, perfino Verdini e chi gli permette di portare avanti una politica inchinata alla Troika, all'abbronzato, alla cellulitica amburghese. E a tentare di soddisfare certe ambizioni personali..

semprecontrario

Ven, 04/03/2016 - 12:25

ti stupisci perchè la gente non ti vota? questa è bella sei un traditore e ti stupisci?

paolonardi

Ven, 04/03/2016 - 12:29

Ma si e' guardato allo specchio? Ha la faccia del traditore e solo per questo coloro che pensano razionalmente non lo vateranno mai, almeno spero che i ban pensanti siano molto meno del 3%.

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Ven, 04/03/2016 - 12:39

Il traditore-zerbino NON ha 'ancora' capito perché NON è votato...e siamo nella mani di un tale imb.... ambolato? Cose dell'altro mondo.

mala tempora currunt

Ven, 04/03/2016 - 12:43

Tutte queste mezze figure spariranno presto dalla politica!!! Hanno ancora un paio di anni di galleggiamento poi verranno fatti fuori da quegli elettori che,come me, sono rimasti schifati dal suo voltafaccia!!!Vederlo vicino a Renzi mi fa davvero ribrezzo!!!

ghorio

Ven, 04/03/2016 - 12:48

Per sapere se gli italiani votano Alfano e compagni, come resto gli altri partiti, bisogna aspettare le elezioni politiche. I sondaggi infatti sono anche fasulli, visto che il 50 per cento dice di non andare a votare o è indeciso. Poi che Alfano non sia simpatico a Minzolini è assodato.

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Ven, 04/03/2016 - 12:59

Che strano, eh? Se uno votava NCD perché evidentemente non era né di sinistra né comunista... Poi si è trovato il PD a dettare legge su tutto! Dalle mie parti si chiama tradimento.

chebruttaroba

Ven, 04/03/2016 - 13:15

Duka, mi tocca contestarla perché non ha completato la frase. Alfano è un "utile idiota" per Renzi ma purtroppo è "inutile e anche idiota" per l'Italia.

FabioFaenza

Ven, 04/03/2016 - 13:20

Il problema non è che noi di centro destra lo vediamo come un traditore, LUI E' IL TRADITORE. E deve fare la fine di Fini e la stessa che faranno Fitto, Verdini e tutti i loro compagni.

Libero1

Ven, 04/03/2016 - 13:27

Giuda si chiede: "perche' non mi votano".Chi volete che voti per un traditore che ha tradito gli italiani che lo votarono.

squalotigre

Ven, 04/03/2016 - 13:33

ghorio - per essere sicuro che gli italiani non voteranno Alfano ed i suoi compagni di merenda e di poltrone non occorre aspettare le elezioni. La spiegazione si trova già nelle parole del sommo Dante che molti secoli fa diceva che i traditori "sono invisi a Dio ed all'inimico suo" Una persona liberale come me si farebbe tagliare i cabasisi prima di afre una crocetta sul suo partito; uno di sx preferirebbe arruolarsi nelle truppe del califfato. L'unica colpa che imputo a Silvio è proprio quella di essersi circondato di individui squallidi come lui. Un Dio acceca sempre chi vuol perdere ed Alfano, come Satana ha creduto di essere simile a Dio e per questo alle prossime elezioni sarà scaraventato all'inferno ed al massimo riuscirà a fare l'avvocaticchio d'ufficio in qualche oscura Procura siciliana perché clienti paganti , che non siano completamente fuori di testa, difficilmente riuscirà a trovarne.

Finalmente

Ven, 04/03/2016 - 13:40

Alfano non ha mai brillato per intelligenza, ma pure il venditore di cravatte... non è tanto per aver tradito berlusconi, ma per l'incapacità fino ad ora dimostrata, il villaggio eco-sostenibile di Napoli solo per gli zingari, l'aver detto in TV dopo un arresto "visto che lo stato funziona?", si però i due arrestati ne avevano già uccisi un paio, o per la marea di migranti che fai entrare e pretendi di sfamare a spese nostre... Angelino non ti si vede come un traditore, ma solo come un danno per il paese, uno che prima toglie il disturbo e meglio è... incapace.

paco51

Ven, 04/03/2016 - 13:50

Mi ricorda sempre il 25 Luglio..... La colpa non è sua è di chi lo ha preso con sé i leader italiani non hanno mai saputo scegliersi i "Kompagni" di viaggio!

Libero1

Ven, 04/03/2016 - 14:11

Tradire e peggio di rubare.Rubare si puo' anche per fame,ma tradire e la peggiore cosa che un uomo infame possa fare. Soli uomini senza scrupoli come il siculo, il toscano e le loro cricche possono vendersi per sette denari.

geronimo1

Ven, 04/03/2016 - 14:46

Giuda, ma chi vuoi che ti voti???? Finirai a passeggiare al parco con Fini.....!!!!!! Vermi, dovete solo scomparire!!!!!!! ci vediamo alle prossime elezioni!!!! Con lo 0,000001% (neanche il tuo cane, tua moglie od i tuoi figli ti potranno mai votare...!!!!!!!).....

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Ven, 04/03/2016 - 15:00

La domanda sta tormentando da tempo i suoi infiniti fan che sono impazienti di "non votarlo", per il suo benessere futuro al di fuori della politica.E' uomo che ha già fatto il possibile e l'impossibile per la gioia del suo idolo Renzi.

mastra.20

Ven, 04/03/2016 - 17:03

e si chiede anche il perchè...

billyserrano

Ven, 04/03/2016 - 17:04

Ma questo è tutto scemo. E se lo chiede pure.

montenotte

Ven, 04/03/2016 - 17:13

Non esiste una moralità pubblica e una moralità privata. La moralità è una sola, perbacco, e vale per tutte le manifestazioni della vita. E chi approfitta della politica per guadagnare poltrone o prebende non è un politico. È un affarista, un disonesto.(Sandro Pertini) Credo che si adatti molto al soggetto dell'articolo.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Ven, 04/03/2016 - 17:45

ALFANO Lei è totalmente INAFFIDABILE. Si chieda il perchè e, se riflette, forse, troverà le (non la) risposte.

coccolino

Ven, 04/03/2016 - 18:10

Che fosse un traditore degli elettori lo sapevamo, ma così stupido.....

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 05/03/2016 - 00:29

A quella insulsa domanda l'amico avrebbe dovuto rispondergli: MA PERCHÉ SEI UN UTILE IDIOTA.

Perlina

Sab, 05/03/2016 - 14:53

Questo beota si chiede anche perché. E' proprio senza speranza.