E Bertolaso lancia la «tolleranza zero»

Il candidato di Forza Italia presenta il programma, gazebo in ogni quartiere

Roma Guido Bertolaso torna nelle strade romane per confrontarsi con i cittadini e far conoscere il suo programma basato sullo slogan: «Tolleranza zero». La strategia dell'ascolto e della presenza sul territorio, scelta dall'ex capo della Protezione civile, si arricchisce dunque di una nuova puntata. Dopo le gazebarie, il Comitato per Bertolaso e Forza Italia schierano ora i propri esponenti nei municipi romani con i «gazebo per il programma». «Questo è il mio modo di lavorare e nei prossimi mesi saranno molte le iniziative per rendere protagonisti i cittadini romani. Il mio programma di tolleranza zero investirà il degrado morale e l'illegalità diffusa. Rafforzeremo la lotta alla criminalità e procederemo all'eliminazione dei campi Rom abusivi. Li trasferiremo in campi regolari e i bambini li manderemo a scuola, levando la patria potestà ai genitori che li mandano a mendicare», spiega Bertolaso che annuncia anche l'intenzione di «mettere on-line i documenti dei miei due processi. Non ho nulla da nascondere».Nei vari punti di ascolto saranno presenti oltre a Bertolaso, Maurizio Gasparri che ha perorato con forza questa iniziativa, Renato Brunetta, Antonio Tajani, Marcello Fiori, Davide Bordoni, Francesco Aracri e Claudio Fazzone. Silvio Berlusconi da lunedì sera dovrebbe essere a Roma per seguire da vicino la campagna elettorale. L'idea di fondo è far passare il messaggio che al di là delle battaglie politiche che si consumano sulla pelle di Roma, alla Capitale serve l'esperienza, l'affidabilità e la capacità operativa, temprata dalle tante imprese impossibili realizzate, di Bertolaso.All'ex numero uno della Protezione Civile, Berlusconi venerdì in un colloquio ad Arcore ha rinnovato piena fiducia. La convinzione è che Bertolaso possa attirare quel grande bacino ancora privo di un candidato. Inoltre c'è la volontà di mettere in campo liste forti che possano rappresentare un valore aggiunto e contribuire a recuperare almeno cinque punti percentuali, mettendo insieme almeno cento voti per ogni sezione. Per il momento i contatti con Alfio Marchini non avrebbero prodotto risultati concreti. Bisognerà attendere i prossimi sondaggi per favorire da parte di tutti le opportune valutazioni.FdF