E i sondaggi premiano il centrodestra unito: più seggi di 5 Stelle e Pd

Le simulazioni con il Tedeschellum: al listone con Fi, Lega e Fdi 224 deputati. L'incognita sbarramento

Roma - Ancora non ha una definizione precisa la nuova legge elettorale (ispirata, almeno fino a prova contraria, al sistema tedesco), però le intenzioni di voto che si vanno raccogliendo descrivono uno scenario affatto interessante. Se si analizza, per esempio, quanto raccolto in questi giorni dai dagli analisti di Index Research si scopre che con il sistema delle «aggregazioni» il centrodestra potrebbe risultare il soggetto con il maggiore consenso. In una simulazione, infatti, che prevede Forza Italia, Fratelli d'Italia e la Lega di Salvini uniti sotto lo stesso ombrello federato, per i meccanismi della nuova legge elettorale finirebbero per portare in parlamento un numero di parlamentari superiore rispetto ai diretti concorrenti. Insomma nel caso di una lista unica, spiegano i ricercatori di Index Research, il centrodestra porterebbe in parlamento 224 deputati contro i 217 del Movimento Cinque Stelle e i 189 del Partito democratico di Renzi. In tutte le simulazioni immaginate dalla società demoscopica il Partito democratico corre da solo. E ovviamente non prende sempre gli stessi parlamentari. Il caso in cui ne raccoglie di più è quello in cui non si assiste ad «apparentamenti». In questa eventualità, infatti, il Movimento dei grillini conquista ben 231 seggi mentre il Pd si ferma a 200, il doppio di quelli di Forza Italia (101) e della Lega (98). Visto lo sbarramento al 5 per cento, i partiti forti prendono ovviamente seggi anche a discapito dei piccoli. Ed è così che i sondaggisti hanno provato a vedere cosa accadrebbe se Fratelli d'Italia superasse la soglia fatidica del 5%. Un'ipotesi che - con le sinistre alternative al Pd federate - vedrebbe il Movimento grillino sempre in testa con soli 202 deputati, seguito dal Pd con 176 e con Forza Italia a 89. La soglia del 5 per cento, hanno calcolato alla Index Research, permetterebbe al partito di Giorgia Meloni ben 34 parlamentari. E tutte queste simulazioni partono dal semplice dato delle intenzioni di voto. Che vedono i grillini in testa con il 30,1%, seguiti dal Pd al 26,1%, Forza Italia al 13,2%, Lega al 12,9% e Fratelli d'Italia, appunto, sulla soglia del 5% (al 4,9).

Altro dato importante che si ricava dal sondaggio della Index Research è che il 55% degli italiani preferisce andare a votare alla scadenza naturale della legislatura (primavera 2018) piuttosto che anticipare il voto in autunno. Alla domanda: «Secondo lei le elezioni politiche dovrebbero essere anticipate al prossimo autunno oppure tenersi alla scadenza naturale nel 2018?», il 54,9% ha risposto di voler votare l'anno prossimo. Un tendenza in crescita anche rispetto alla scorsa settimana quando la percentuale di chi voleva portare a termine la legislatura era del 54,6%. Soltanto un terzo (33,5%) invece vorrebbe votare in autunno.

Commenti

Marcello.508

Sab, 03/06/2017 - 10:26

Tra pochi giorni ci saranno le amministrative e il silenzio, specie governativo, è .. rumorosissimo.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 03/06/2017 - 10:33

Scommettiamo che, anche stavolta, il grande Stratega riuscirà a mandare tutto in guano?

mcm3

Sab, 03/06/2017 - 11:00

I sondagi premiano l'ennesima accozzaglia..

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 03/06/2017 - 11:52

Ma Berlusconi da che parte sta? Leggo sue dichiarazioni alquanto contrastanti.

semprecontrario

Sab, 03/06/2017 - 12:07

l'importante è che alfano sparisca

grazia2202

Sab, 03/06/2017 - 12:09

e basta. mettersi insieme al PD. non ci sto. il sistema democratico regge se ci si rispetta. Berlusconi e Renzi ci vogliono impappinare che insieme si sconfigge M5S. ma chi se ne frega. al Popolo interessa che qualcuno governi. i M5S sono nati per l'incapacità del Pd e FI. sono d'accordo per una santa alleanza con i partiti di cdx, Lega, Fratelli d'Italia, Movimento per la Sovranità, Direzione Italia, lasciando fuori ovviamente i traditori esemplari di Angelino e Casini. ma Vi prego lasciate stare gli inciuci con il PD. se siamo bravi e metteremo le persone all'altezza e capaci vinceremo di certo. se partiamo con il fiato corto meglio che qualcuno cambi mestiere. basta inciuci Si alla Democrazia. il Popolo è deve essere riconosciuto sovrano. ma come si fa a stare ancora con Renzi. Non aveva detto che avrebbe trascorso la vita a lavorare dopo il 4 dicembre? WW Salvini mi fido solo di Lui.

titina

Sab, 03/06/2017 - 12:42

Speriamo, però smantellate la riforma pseudobuona scuola, altrimenti ho sentito che insegnanti voteranno 5 stelle perchè la elimineranno.

Giorgio1952

Sab, 03/06/2017 - 22:54

Caro Borgia io non capisco la linea politica del Giornale, va bene che voi giornalisti dovete guadagnarvi la pagnotta compiacendo l’editore, ma continuare a scrivere che i sondaggi premiano il centrodestra unito, è ingannare gli italiani perché il listone Fi, Lega e Fd non esiste. Il Tedeschellum non è ancora stato approvato, per cui tutti i meccanismi elettivi sono da verificare, infatti Borgia scrive di “simulazioni” si tratta quindi di mere ipotesi dalle quali si evidenzia che il testa a testa è tra M5S e PD. Salvo apparentamenti preventivi gli italiani dovranno scegliere tra Renzi votato nelle primarie e chi uscirà dalle parlamentarie 5S, l’unico all’altezza mi pare Di Maio; quindi come disse Montanelli nel ’76 invitando i moderati a turarsi il naso e votare DC, per impedire che al governo ci finissero i comunisti, oggi dovremo turarci il naso per fermare la scalata grillina che sarebbe un disastro annunciato, vedi Roma.