E Jonella vende sandwich e brioches

Jonella Ligresti ha aperto il bar "Pret a panin" vicino alla stazione Garibaldi di Milano, ma rischia lo sfratto

Con le polizze è andata male, meglio darsi alle torte, alle brioches e ai panini farciti. Come quelli pubblicati da Jonella Ligresti sul suo profilo Facebook, dove spuntano le foto del locale aperto dalla secondogenita dell'ex patron di Fondiaria Sai, Salvatore. La sua nuova vita passa da un luminoso caffè milanese chiamato «Pret a Panin», dove si servono prime colazioni e pranzi veloci a base di sandwich e insalate. Il menu? Dal sandwich con la «mortadella superlusso al pistacchio» (4,50 euro) a quello con il roastbeef, pomodorini, parmigiano reggiano ed «essenza di balsamico» (7,50 euro). Il bar è stato aperto nell'autunno del 2014 davanti alla stazione Garibaldi, a due passi dalla torre di Unicredit e a pochi metri dall'Atahotels che un tempo faceva parte dell'impero di famiglia e che poi, dopo il crac, è stato ereditato da Unipol nell'integrazione con FonSai. La stessa Atahotels nel 2015 ha comunicato ai Ligresti la disdetta anticipata del contratto di subaffitto dell'immobile, di proprietà dell'Enpam. Entro il prossimo 31 dicembre e salvo eventuali proroghe, dunque, il caffè potrebbe essere obbligato a trasferirsi.

Sul portale di recensioni Trip Advisor per adesso il locale ha ricevuto un unico commento da una certa Roberta, che l'ha visitato con un'amica ad agosto. Ma il verdetto è comunque positivo: «Abbiamo potuto scegliere tra latte di soia, riso o mandorla. Totale 4 euro. Personale molto gentile e servizio al tavolo». Non è la prima volta, del resto, che Jonella scommette sul mercato del «food». L'anno scorso ha infatti venduto per 400mila euro (al manager che già lo gestiva) il ristorante giapponese Origami. Su questo locale situato sempre in zona Garibaldi-Corso Como la famiglia aveva investito nel 2005 per diversificare. Business is business.

Pare non sia raro trovare Jonella alla cassa del Pret a Panin o vederla girare fra i tavoli mentre si assicura che i clienti siano soddisfatti. Con la stessa cura messa nello sponsorizzare la nuova attività su Facebook, in veste di « pierre social ». Scorrendo la bacheca personale di Jonella spunta un vecchio post con una citazione di Pirandello: «Prima di giudicare la mia vita o il mio carattere mettiti le mie scarpe, percorri il cammino che ho percorso io, vivi il mio dolore, i miei dubbi, le mie risate, vivi gli anni che ho vissuto io e cadi là dove sono caduto io e rialzati come ho fatto io». Ripartendo dalla mortadella «superlusso».