E l'assessore Sel inneggia alle chiese bruciate

Aperta un'inchiesta dopo un post: "L'unica chiesa illuminata è quella in fiamme"

Nel Far West americano lo sterminio dei pellerossa fu perpetrato al grido di «l'unico indiano buono è l'indiano morto». Oggi, invece, nel mirino ci finiscono i cristiani. E non solo in Medioriente, dove ogni giorno vengono decapitati e perseguitati dalle milizie dell'Isis, ma anche in Italia, anche se per ora solo a parole. Parole che però pesano come pietre se a scriverle (scripta manent) è un rappresentante delle istituzioni, nella fattispecie l'assessore alla Cultura del Comune di San Giorgio al Piano, nel Bolognese.Ma cosa ha scritto in un post su Facebook Mattia Zucchini, l'esponente di Sinistra e libertà? Un pensiero «di sostegno alla laicità»: «L'unica chiesa illuminata è quella che brucia». Un pensiero un po' forte e quantomeno divisivo, che lo ha ovviamente catapultato al centro della bufera politica. Intervistato dal Resto del Carlino, Zucchini ha spiegato di non voler offendere nessuno, che «i social network sono la piazza e, come nel centro del mio paese, anche lì ritengo sia doveroso portare avanti la battaglia per la laicità delle istituzioni, un valore di cui c'è molto bisogno, come si vede bene nell'attuale dibattito sulle unioni civili».Sarà, ma a testimonianza del fatto che non solo i credenti si sono sentiti un po' scossi nel leggere quelle parole, anche il procuratore aggiunto di Bologna ha aperto un fascicolo per capire se sussiste il reato di pubblica offesa a una confessione religiosa.In attesa di capire i possibili risvolti penali, resta la sicura figuraccia. Perché un assessore (per giunta alla Cultura...) nondovrebbe blaterare in piazza come un qualsiasi avventore di osteria. Né tantomeno parlare a cuor leggero di chiese in fiamme in tempi segnati da chiese che ardono davvero, con tanto di stragi e roghi. I social saranno pure come la piazza del villaggio, ma ogni villaggio ha pure il suo scemo...

Annunci

Commenti

vince50

Lun, 15/02/2016 - 08:51

Direbbe le stesse cose delle moschee?non credo.Non credo sia questione di laicità,ma di ben altro di cui si denota la totale assenza.

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Lun, 15/02/2016 - 08:58

Ma come si possono dire certe cose e poi affermare che :"non si voleva offendere nessuno"? D'altronde questa è la corrente di pensiero imperante, nella sostanza questo brutto ceffo ha solo ripetuto quanto fatto dall'ignobile conduttore di RTL che con sfrontatezza replicò addirittura infastidito allo sdegno causato dall'oltraggiosa frase sui Martiri delle Fosse Ardeatine, dicendo che lui voleva :"fare una battuta".Questi personaggi stanno mettendo in atto quello che fecero i Nazisti ...la banalizzazione del male.Auspico che il vento di civiltà spazzi via questa barbarie

ben39

Lun, 15/02/2016 - 08:59

Che il massacro dei lumi perpetrato dai giacobini ai danni dei preti nel'700, la cosidetta Vandea, non si dimentichi.

ziobeppe1951

Lun, 15/02/2016 - 09:00

È risaputo che trovare un kkkomunista intelligente è impossibile

esse2006

Lun, 15/02/2016 - 09:04

Essendo dde sinistra costui continuerà a fare l'assessore a nostre spese. Roba da matti.

Tino

Lun, 15/02/2016 - 09:07

Se questo è il modo di far politica e sostenere le proprie idee ... siamo proprio alla frutta, cioè alla guerra civile. Dovremo chiedere asilo politico andando in un altro Paese?

Renee59

Lun, 15/02/2016 - 09:13

Sì bravo. Lascia che i barbuti arrivino al potere, e vedrai poi come ti faranno pentire amaramente di esere andato contro i cristiani. Siete gente completamente senza cervello, altro che intellighenzia.

pupism

Lun, 15/02/2016 - 09:19

Questo dimostra a che punto è arrivata la società civile italiana. Sembra di essere ripiombata nel Medio Evo dove al rogo venivano condannati gli eretici......

semprecontrario

Lun, 15/02/2016 - 09:28

ma chi cazzo è questo zucchino? uno dei tanti parassiti sinistrosi

krgferr

Lun, 15/02/2016 - 10:30

Se, sino ad una ventina di anni or sono vi erano ostacoli per alcuni alla possibilità di esprimere tutto il loro disprezzo per l'intelligenza, il buon senso e, sia pure meno importante, anche per il buon gusto dobbiamo dire che con Facebookke e Whateshappe ogni ostacolo a tale manifestazione di libera espressione è definitivamente crollato. E poi qualcuno sottiene che la tecnologia non aiuta a vivere meglio! Saluti. Piero

tonipier

Lun, 15/02/2016 - 17:15

" I RIFONDATORI DEL COMUNISMO" Impersonano menti smarrite ed in delirio.