E Di Maio e Fraccaro sistemano i loro consiglieri

Fico: stop ai vitalizi. Ma per portare alla Camera i dipendenti M5s cambiano le regole

Roma - «L'era dei privilegi è finita», hanno dichiarato all'unisono i ministri pentastellati Luigi Di Maio e Riccardo Fraccaro commentando la decisione del presidente M5s della Camera, Roberto Fico, di convocare stamattina l'ufficio di presidenza per deliberare sulla proposta di abolizione dei vitalizi. Squilli di trombe, retorica anti-casta e vai col mambo del «governo del cambiamento». C'è, però, un piccolo dettaglio che molto probabilmente non godrà dello stesso battage mediatico da parte dei grillini.

Si tratta di una modifica ai rigidi regolamenti parlamentari che facilita il distacco di consiglieri parlamentari e dipendenti. Questioni burocratiche, si dirà, ma non è proprio così. Il fitto reticolato degli emendamenti dispone, in primo luogo, un allungamento del periodo di distacco, cioè di assegnazione a incarico presso un'altra amministrazione pubblica: si passa da otto a undici anni come somma tra un periodo di sei anni (anche non continuativi) più ulteriori cinque. I consiglieri parlamentari potranno essere distaccati dopo nove anni di servizio, dopo nove anni senza che sia effettuata la verifica dei requisiti di professionalità. Tanto per i documentaristi che per gli impiegati di livello inferiore viene abbassato il requisito di anzianità presso la Camera da 13 a 9 anni. Contestualmente viene contingentato, anche per dare un'aura moralizzatrice all'intervento normativo, il numero degli effettivi a disposizione delle altre amministrazioni (da 10 a 8 unità per i consiglieri parlamentari e da 10 a 6 unità per i documentaristi e gli altri quadri di livello inferiore).

Perché mai l'Ufficio di presidenza di una Camera che non è ancora entrata nel vivo dei lavori parlamentari dovrebbe occuparsi di questioni amministrative? Semplice, perché i ministri Di Maio e Fraccaro hanno bisogno di personale di fiducia. Il titolare del Lavoro e dello Sviluppo economico vuol portare con sé a via Veneto il funzionario parlamentare che era a capo della propria segreteria a Montecitorio quando ne ricopriva l'incarico di vicepresidente. La stessa necessità ha anche il ministro per i Rapporti con il parlamento, Riccardo Fraccaro, che negli uffici della Galleria Colonna ha urgente impellenza della propria segretaria. Entrambi i profili, però, non disponevano dell'anzianità di servizio utile alla richiesta del distacco. Ed ecco giungere in soccorso il presidente Fico, Cinque stelle come i suoi colleghi. Perché gridare «onestà, onestà» e «basta coi privilegi della casta» è un conto, ma le legittime prerogative di un ministro sono una circostanza di cui si deve sempre tener conto e ci mancherebbe altro! Basterebbe solo risparmiarsi la retorica dell'«uno vale uno». Chi è al governo è sempre un po' più uguale degli altri.

Commenti

Michele Calò

Mer, 27/06/2018 - 09:58

Benvenuti nel mondo reale! Tra le idiozie dell'asilo Mariuccia pentapiteco con cui raccattare voti vendendo fumo ai polli analfabeti funzionali e strumentali e la dura concretezza del potere quotidiano v'è la siderale distanza tra qualche neurone funzionante ed il nulla tra le orecchie come la Virginia Raggi. Soprattutto una galattica ipocrisia. Redards.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 27/06/2018 - 11:06

La stessa cosa che hanno fatto i kattokomunisti da 70 anni. Molti posti pubblici son oancora e resteranno occupati da loro. A quando un repulisti?

kyser

Mer, 27/06/2018 - 12:38

Scusate ma stringendo stringendo si parla che vogliono spostare di ufficio del personale per poter lavorare con gente di fiducia e competente. A parte che mi sembra di una banalità disarmante e farne un articolo di giornale pare assurdo, ma il ministro del lavoro io preferisco abbia a fianco persone valide e restrizioni a farle arrivare sono assurde.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 27/06/2018 - 12:56

michele calò: mizzica! non pensi ai tuoi paesani che hanno bisogno del reddito di cittadinanza?

Michele Calò

Mer, 27/06/2018 - 14:53

giovinap#leggo i tuoi idioti interventi che sono un insulto per lo stesso meridione. Quanto ai miei "compaesani", uno che cerca il reddito di cittadinanza è solo un miserabile pezzente senza dignita' con la vocazione a fare il parassita. Probabilmente tuo simile.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 28/06/2018 - 16:03

michele calò mizzica! i tuoi commenti sono in'utili, per che stolti, infatti nessuno dialoga mai con te, io che sono di "buon cuore" ti ho risposto e tu brutto siciliano pentito ti inalberi, sarai sicuramente parente di mughini da catania che si sente "turinese", tu come ti senti "malaneso"? pagliaccio!