La sinistra adesso sogna Saviano leader

L'autore di "Gomorra" piace al 72% degli elettori. Ma lui si autorottama: "Faccio lo scrittore"

Roma - La Ditta si aggrappa a Roberto Saviano per sopravvivere alla rottamazione renziana. D'Alema e Bersani corteggiano il romanziere anticamorra per consegnargli le chiavi del futuro partito della sinistra unita. Una mossa, quasi disperata, per non sparire dai radar della politica italiana.

La proposta di legge elettorale che si avvia al naufragio in Parlamento, dopo la retromarcia del M5s, fissa lo sbarramento al 5% per sbarcare a Montecitorio: un missione praticamente impossibile per i reduci dell'ex Pci. Un ostacolo che spinge gli ex Pd a puntare sullo scrittore campano.

Tra D'Alema, Bersani e Saviano non è amore prima vista: a suggerire il nome del celebre professionista dell'antimafia ai nuovi padri fondatori del partito della sinistra unita è stato un sondaggio realizzato da Ipr Marketing e commissionato da Il Fatto Quotidiano: la rilevazione fissa al 16% il bacino di potenziali elettori di un listone guidato da Saviano che comprenda Mdp-Articolo uno, Campo Progressista e Sinistra Italiana, che divisi non supererebbero l'eventuale sbarramento del 5%. Lo scrittore sbaraglia tutti gli avversari e potenziali leader della sinistra.

L'autore di Gomorra raccoglie il 72% del gradimento degli elettori di sinistra (il 60% degli italiani), meglio di Stefano Rodotà (58%) e Pier Luigi Bersani (42%). Dietro, altri leader della sinistra dura e pura come Giuliano Pisapia (39%), Maurizio Landini (37%), Laura Boldrini (35%), Susanna Camusso (35%), Massimo D'Alema (33%), Nichi Vendola (32%), Roberto Speranza(31%). Ancora più giù Nicola Fratoianni (28%) e, ultimissimo, Pippo Civati che raccoglie solo un 22%.

A spingere Saviano nella battaglia politica ci avevano già provato, senza successo, Walter Veltroni che nel 2008 gli offrì un seggio nelle liste del Pd e Fausto Bertinotti che lo voleva a capo di Rifondazione comunista. Saviano ha sempre rifiutato l'offerta. Anche perché lo scrittore di Gomorra preferisce i monologhi mentre in politica è più difficile sottrarsi al confronto.

Il no alle avances di Bersani e D'Alema è arrivato anche questa volta. «Tra tutte le imprese che mi hanno attribuito, quella di unire la Sinistra italiana mi sembra davvero la più impossibile... Sinistra unita è di per sé un ossimoro. Scherzo... (ma nemmeno tanto)», scrive su Facebook Saviano. «Ringrazio però di cuore - aggiunge - chi ha espresso apprezzamento per il mio percorso, perché di questo si tratta, di fiducia verso idee, impegno e parole. E per non tradire questa fiducia, continuerò a fare il mio lavoro: lo scrittore». A rottamare la leadership di Saviano sono stati anche gli sviluppi sulla legge elettorale. Senza lo sbarramento al 5% non c'è più la necessità di una lista unica: Bersani e Pisapia potranno tenersi i propri partitini.

Commenti

nunavut

Sab, 10/06/2017 - 22:55

Troppo rischioso fare SOLO il politico, molto meglio lo scrittore rapporta molti più $ senza nessun rischio,tanto la scorta é fornita e pagata da pantalone

carlottacharlie

Sab, 10/06/2017 - 23:06

Uno intelligente e perbene, no? Si aggrappano sempre ai piu' negletti d'intelligenza o, almeno, buonsenso.

angelovf

Sab, 10/06/2017 - 23:58

Ma chi è questo quaquaraqua. Parla parla ma è sempre nascosto, è un vigliacco niente a che vedere con chi si è fatto uccidere per la giustizia è la verità, coniglio.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 11/06/2017 - 00:00

Significa che non c'era nessun altro di meglio. Qualunque bidello di scuola media avrebbe fatto più bella figura. Almeno sarebbe stato sincero ed imparziale, a differenza di questi parrucconi, che non valgono una cicca, finti intellettuali che non sanno nemmeno cambiare una lampadina.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 11/06/2017 - 00:09

Se piace al 72 % degli elettori, allora l'Italia è già fallita da un pezzo. E si vede.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 11/06/2017 - 00:38

Più dicono falsità, più divventano leader, di un partito alal deriva, per nulla trasparente, e sicuramente fazioso.

manfredog

Dom, 11/06/2017 - 01:05

..che umile che è quest'uomo; fa 'solo' lo scrittore..!! mg. p.s.: non stanno messi bene a manca, gli manca qualcosa..nella testa..!!

unz

Dom, 11/06/2017 - 02:09

sarebbe troppo bello. la sinistra 20 anni all'opposizione.

Ritratto di ElioDeBon

ElioDeBon

Dom, 11/06/2017 - 03:05

Se solo la notizia fosse vera, e, non voglio credere che lo sia... significa che il ciarpame che rimane dei Dem, e' un ammasso di imbecilli disperati. Candidare un patetico Saviano che, quanto a intelligenza viene da piangere...ogni commento ulteriore e' tempo sprecato.

Popi46

Dom, 11/06/2017 - 05:45

Magari così fosse!Con un pezzo da novanta come lui,che sprizza energia e carisma da tutti i pori e che rende palpabile la sofferenza e la fatica generate dalla elaborazione profonda ed incessante del suo illuminante pensiero,allora sì che verrà il momento del definitivo suicidio dei sinistroidi incalliti!

leopard73

Dom, 11/06/2017 - 07:02

CREDO SAREBBE LA DISFATTA TOTALE DEL PD. MI PIACEREBBE VEDERE LA FACCIA DI SAVIANO SORRIDERE!!!

Duka

Dom, 11/06/2017 - 07:06

CON LA BOLDRINA SAREBBE UNA COPIA PERFETTA PER GUIDARE IL PAESE. (verso l'Africa sud-sahariana)

teo44

Dom, 11/06/2017 - 07:33

ma alla fine saviano chi è...a capo del pd preferisco mille volte renzi almeno mi fa ridere e come vice la boschi per la gioia di tutti gli italiani che sono stanchi della solita moglie intelligente ma bruttina dopo le oche del campidoglio l'oca di palazzo madama:D

rokko

Dom, 11/06/2017 - 08:42

nunavut, ecco un bel commento idiota. Secondo te è più rischioso fare il politico che lo scrittore? Il politico viene nominato, una volta nominato non devi dar conto a nessuno e guadagni in modo assicurato, come dimostrano le varie nullità che ci sono attualmente tra i parlamentari. Se fai lo scrittore, innanzitutto devi saper scrivere e secondo devi incontrare il favore del pubblico, tra l'altro in gran parte quello italiano che praticamente non legge. Se fai lo scrittore produci pil, se fai il parlamentare fai il parassita. Lo scrittore paga, insieme agli altri italiani che lavorano (sempre meno ormai), gli emolumenti del politico. Insomma, di che stiamo parlando?

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 11/06/2017 - 09:01

Può sembrare strano, ma evidentemente a lui sta bene così. Amen.