La violenza piomba sul Meeting multietnico. Parolin sferza i cattolici

Nella città romagnola il caso di cronaca si mischia al dibattito sull'integrazione

nostro inviato a Rimini

Ieri per uno scherzo dell'impaginazione, il sito di Repubblica riportava le due notizie vicine. Sopra «Rimini, violentata in spiaggia da quattro uomini davanti al marito». Sotto «Vaticano: Violenza inaccettabile». Passaggio chiave dell'intervento del segretario di stato della Santa Sede Pietro Parolin al Meeting di Rimini. La violenza non è quella terribile e disperata del Bagno 130, ma quella di piazza Indipendenza a Roma dove si erano accampati gli ex occupanti di un palazzo sgombrato, dispersi dalla polizia. Ieri, diversi giornalisti sono piombati al Meeting solo per strappare una dichiarazione segretario di Stato vaticano contro la polizia. La Chiesa cerca di smarcarsi dalla lotta politica italiana e di ricordare che il suo messaggio è per il dialogo, investe tutto il pianeta e non è spendibile nelle beghe politiche domestiche. Sfida difficile.

Ma ieri era difficile anche fare passare anche il messaggio di fratellanza verso gli immigrati a Rimini. Proprio mentre i media locali riportavano la notizia dello stupro di gruppo, il segretario di stato metteva in guardia i cattolici. Giusto mettere l'accento sulla sicurezza. «Una parte del dibattito politico si è concentrata su come difenderci dal migranti. Per il potere politico è doveroso mettere a punto schermi alternativi a una immigrazione massiccia e incontrollata». Allo stesso modo è «doveroso» evitare «disordini e infiltrazioni di violenti e disagi per chi accoglie».

In ogni caso «anche noi cristiani continuiamo a ragionare secondo una visione che è antropologicamente e teologicamente drammatica, che passa da un loro, come non noi e un noi come non loro». Ma «non dimentichiamo che queste donne e questi bambini sono in questo istante nostri fratelli». L'unica «divisione netta» per la Chiesa è tra chi riconosce questo principio e chi no. Sfida impegnativa per i cattolici e, ancora di più per quelli di Rimini. Cittadina civile e accogliente, che negli ultimi tempi si trova a fare i conti con una nuova criminalità, sempre più violenta e sfacciata.

Il tema dell'immigrazione è stato il leit motiv del Meeting 2017. Numerose le iniziative per fare passare l'idea di una fede multietnica. L'integrazione e anche il dialogo con le altre religioni. Scelta del vertice Cl che il popolo del Meeting ha accettato a metà. Fortemente critici verso lo ius soli, ad esempio. Meglio se «temperato», oppure cittadinanza solo a chi conclude un ciclo di studi in Italia, era l'opinione prevalente. Nessuna tolleranza, invece, verso chi viola le regole. Su questo sono tutti d'accordo. Ma questo non basta, nemmeno al popolo del Meeting più multietnico di sempre.

Commenti

DRAGONI

Dom, 27/08/2017 - 08:54

UN COLPO ALLA BOTTE ED UN ALTRO AL CERCHIO!! LA BOTTE SE NON SI E' GIA' ROTTA STA PER ROMPERSI.

paolonardi

Dom, 27/08/2017 - 08:59

Parolin fa onore al suo nome non prendendo una posizione netta ma mettendo tutto insieme, mescolando vigorosamente, con un risultato finale che accontenta tutti con una leggera prevalanza per i buonisti. Anche in Vaticano cominciano ad accorgersi che fra gli immigrati ci sono "violenti", cosa che era evidente ai normodotati fin dall'inizio, ma sottostimando il fenomeno e questo e' grave perche' cerca di eludere una soluzione al problema in toto con la solita brodaglia del dialogo - integrazione.

honhil

Dom, 27/08/2017 - 09:01

Il cardinal Parolin “i migranti sono nostri fratelli”. Però dimentica di dire che a questi “nostri fratelli”, che rispondono alla chiamata delle forze dell’ordine comandate lì a svolgere un servizio a cui non si sono potuti sottrarre, con bombole e altri oggetti micidiali, le istituzioni avevano offerto altre sistemazioni abitative e che sono state sdegnosamente rifiutate. Una dimenticanza? Forse. Tuttavia è indubbio, pur se cristianamente vissuta, che, questa sua partecipazione senza se e senza ma a favore di chi accoglie le forze dell’ordine con le più cattive intenzioni possibili, è un fatto davvero molto inquietante dato che ha fatto la sua scelta di campo ed ha emesso la sentenza indossando contemporaneamente e la toga di accusatore e quella di giudice. Altra dimenticanza? Forse. Eppure, questo battagliero cardinale, mai si è sentito quando ad essere sfrattati sono state le famiglie italiane. Non sono forse anche loro “ nostri fratelli”. O no?

Happy1937

Dom, 27/08/2017 - 09:26

Povero Segretario di Stato. Non è certo facile per lui districarsi con un Papa come quello che si ritrova fra i piedi.

guardiano

Dom, 27/08/2017 - 09:33

parolin sferza i cattolici, chiaramente provvedere ai migranti con i loro soldi e le loro proprieta, parolin ma sei cosi sicuro che di cattolici ne siano rimasti ancora tanti?

Tarantasio

Dom, 27/08/2017 - 10:12

al meeting in realtà sono contenti dell' escalation di violenza perché mette alla prova la nostra capacità di sottomissione e proclama ufficialmente il diritto allo stupro che s'accompagna a ogni invasione

edo1969

Dom, 27/08/2017 - 10:18

La Chiesa Cattolica è il peggior nemico dello Stato Italiano. Combattiamoli.

carpa1

Dom, 27/08/2017 - 10:31

Invece di parlare ai cattolici, questo dovrebbe prima di tutto imparare a non farli scappare. D'altra parte questo papa si è comportato esattamente come la sx italiana, esautorando coloro che avevano un minimo di buon senso con coloro che pretendono di imporre un mondo senza confini. Semplicemente ridicolo; quasi che vivessimo in un mondo utopistico. Non sanno vedere neppure l'evidenza dal momento che, senza l'applicazione ed il rispetto delle regole, cosa che ovunque (e soprattutto ormai anche in Italia) non può consentire una vita civilmente condivisa ma crea solo anarchia e criminalità.

fifaus

Dom, 27/08/2017 - 10:35

edo1969: e lo è da 2000 anni. BASTA!

lawless

Dom, 27/08/2017 - 10:39

la società è bella dispari, tre già son troppi. La conferma ci viene dallo stato confusionale in cui si trova l'italia, paese di bla bla bla (politicamente parlando, di voci bianche e di governati d'assalto senza arte ne parte, fautori di una società anarchica e violenta.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 27/08/2017 - 10:59

@Dragoni - anche il cerchio è tutto deformato, come le loro teste rosse.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 27/08/2017 - 11:01

Parolin, complimenti vivissimi. Così ora abbiamo la certezza che i tuoi fratelli che hanno stuprato una giovane, sono forse peggio di un clero, falso e pedofilo. Ma vai a nasconderti insieme a franceschiello, fratello pure lui. Vergognatevi.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Dom, 27/08/2017 - 11:09

questi ecclesiastici hanno perso completamente il contatto col mondo reale. i cattolici sono al 90% stufi di loro e nemmeno li considerano. per i ciellini, quello che conta è il fatturato..... sono anime morte

tonipier

Dom, 27/08/2017 - 11:52

" BISOGNA FARSI AIUTARE DAL PAPA SOLO LUI CI PUO' PROTEGGERE DA QUESTO ASSALTO DELLA NUOVA CIVILTA'"

agosvac

Dom, 27/08/2017 - 12:45

"fede multietnica", ma che vuol dire??? Il Cristianesimo è indubbiamente multietnico visto che sono Cristiani gente di ogni colore e di ogni razza. Anche l'Islam è multietnico per la stessa ragione. Eppure mentre i cristiani possono convivere con gli islamici, al contrario ovunque regni l'Islam i Cristiani vengono messi a morte!!! Il problema non è la "multietnia" il problema è di quale fede si parla!!!

Fossil

Dom, 27/08/2017 - 13:49

Per colpa dell'incoraggiamento sconsiderato che il Vaticano ha fatto finora, beh magari si accorgono che forse qualcosa non và. Dovete tornare a predicare la Parola di Dio invece di fare comizi a destra e manca! Le chiese si stanno svuotando, l'8 per 1000 scarseggia (compreso il mio da quando c'è questo papa) e ora ci si mette pure il mitico Parolin a dar man forte non solo ad un governo abusivo, ma a coloro che da ieri stanno ufficializzando l'illegalità rispetto agli sgomberi. Aprite i vostri conventi e proprietà vuoti,invece di berciare a gratis!

fifaus

Dom, 27/08/2017 - 13:51

tonipier; ma ci sei o ci fai?

routier

Dom, 27/08/2017 - 15:24

Monsignor Parolin afferma che la violenza è sempre inaccettabile. Accomunare la violenza degli extracomunitari (al limite dell'eversione) e quella di chi deve garantire l'ordine pubblico, è una idiozia! Per il bene della sua reputazione spero smentisca le sue affermazioni che saranno pure politicamente corrette ma anche intellettualmente assai discutibili.

jeanlage

Dom, 27/08/2017 - 16:01

Se Parolin avesse letto più Paolo e meno Popper, saprebbe che i crstiani sono figli di Dio e fratelli in Cristo, mentre gli altri sono creature. Altrimenti il battesimo sarebbe inutile. Così dice la Bibbia,che non ho scritto io. Se al Monsignore non piace, può sempre cambiare mestiere.

Ritratto di Vizegraf

Vizegraf

Dom, 27/08/2017 - 16:24

Anche Caino era fratello di Abele.

Ritratto di glucatnt73

glucatnt73

Dom, 27/08/2017 - 16:34

Quindi secondo la chiesa se questi ci vogliono fottere noi dobbiamo calare le braghe e chinarci? Diventerò cristiano ortodosso. Adieu froncois!

Dordolio

Dom, 27/08/2017 - 16:51

Parolin parla chiaramente. E illustra una Nuova Chiesa "migrazionista", tanto gradita a Bergoglio. Si tratta di una necessità, cerchiamo di capirlo. I fedeli fuggono da una chiesa ormai mercantile, dove il Sacro è assente (basta andare a Messa per rendersene conto) e la spiritualità è ormai dimenticata. Gli scandali del clero sono ormai così tanti da essere divenuti norma e c'è bisogno di nuovi fedeli. Proviamo quindi con le Nuove Risorse. Alle quali non promettiamo il paradiso, ma una sistemazione. Verranno. E come se non verranno (anche se queste greggi non le chiama il pastore, ma il traghettatore....)

DIAPASON

Dom, 27/08/2017 - 17:13

con lambrusco e piadina sarebbe una perfetta festa dell'unità

steacanessa

Dom, 27/08/2017 - 17:30

Parolin, hai rotto il ...in.

RolfSteiner

Dom, 27/08/2017 - 22:17

Il mio 8xmille non lo cuccherete mai piu'.

clapas

Lun, 28/08/2017 - 00:36

Ma quali nostri fratelli, suoi casomai visto che ci tiene, i nostri fratelli sono italiani, quelli di cui la Chiesa se ne è sempre strafregata perché non portavano a corredo i soldi dello stato ( nostri)

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Lun, 28/08/2017 - 08:04

Ma quale integrazione? Andate in Brasile a vederla, l'integrazione !!!! L' Italia discarica di rifiuti umani, sarà il prossimo disastro razziale stile Brasile.