Ecco come "controlliamo" i sospetti terroristi

I nomi tenuti d'occhio, intercettati e pedinati. Monitorati siti e social. Però la spending review chiude 251 presidi di polizia

Attenzionati, ma come? Dopo gli attentati parigini, il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha spiegato che, anche se non vi sono elementi concreti che indichino nell'Italia un obiettivo degli integralisti, l'allerta è comunque al massimo. Tutti i soggetti a rischio, dai foreign fighters ai «reclutatori» fino ai semplici sospettati di «contiguità terroristica» inoltre sarebbero monitorati. Ma in che modo vengono «seguiti» i potenziali jihadisti dalle autorità? Proprio mentre il governo annuncia un giro di vite sulla sicurezza, con norme più stringenti, l'individuazione di obiettivi sensibili da proteggere e un difficile lavoro di prevenzione da portare avanti, i sindacati di polizia si dicono perplessi da annunci che a loro dire mal si conciliano con le politiche di lacrime e sangue imposte dalla spending review . Politiche che, per dirne una, porteranno il prossimo 31 gennaio alla chiusura di 251 presidi di polizia in tutto il Paese.

Di certo, la macchina dell'antiterrorismo è in moto a prescindere dalle polemiche. E a prescindere, almeno in parte, da quanto accaduto a Parigi. «Se dovessimo metterci al lavoro da oggi, avremmo già fallito il nostro compito», spiega un carabiniere esperto nel contrasto alla minaccia del terrorismo internazionale. «Il nostro è un lavoro di grande programmazione, coordinamento e cooperazione tra forze di polizia e intelligence, oltre che di continuo scambio di informazioni con le polizie degli altri stati». La sicurezza nazionale è affidata a loro, e al network di fonti e informatori che permette a intelligence, polizia e carabinieri di individuare i soggetti potenzialmente a rischio. Comunità, luoghi di culto, internet, centri di accoglienza per immigrati. Niente viene trascurato. I nomi già noti alle forze dell'ordine vengono tenuti d'occhio e, se interessati da inchieste, intercettati e pedinati. L'antiterrorismo utilizza metodologie create negli ultimi anni finalizzate a valutare i cosiddetti «comportamenti spia», che permettono di individuare una persona invece di un'altra su cui concentrare le attività. L'altro fronte caldissimo è quello del web. Internet è ormai il luogo dove i jihadisti del nuovo «terrorismo molecolare» trovano il materiale per radicalizzarsi, ed è anche la fonte di informazione per costruire armi e ordigni, oltre che il mezzo di comunicazione d'elezione per mettere in contatto gli aspiranti jihadisti tra loro e con le filiere internazionali. Il monitoraggio di siti, forum e social network dunque è costante, anche se per accedere a chat chiuse e siti riservati serve comunque l'autorizzazione della magistratura, e il fronte informatico dev'essere affidato a personale esperto non solo nell'antiterrorismo ma anche nelle lingue.

Se la battaglia è dura, però, come detto, qualcuno ritiene che l'annunciato «giro di vite» sulla sicurezza sia nulla più di un mero annuncio. «Altro che rafforzare, qui stiamo smantellando l'apparato della sicurezza», spiega il segretario nazionale del Sap, Gianni Tonelli. «Vogliono proteggere gli obiettivi sensibili, ma in nome della spending review chiuderanno 251 presidi di polizia. Vogliono aumentare il monitoraggio del web, ma chiudono 70 uffici della polizia postale. Servono forze qualificate professionalmente, ma non si fanno corsi di formazione». Quanto all'immigrazione, Tonelli denuncia che la nostra «rete di protezione non è un colabrodo, ma proprio una porta aperta». E la sicurezza? «I miei colleghi sono animati dalle migliori intenzioni, ma mancano mezzi, uomini, norme e anche sostegno morale. Alfano - conclude Tonelli - mi dica chi ha messo in campo, in questa lotta al rischio terrorismo».

Commenti
Ritratto di elio2

elio2

Dom, 11/01/2015 - 11:13

Dopo aver depenalizzato 103 reati tra cui molti di veramente odiosi, i vergognosi comunisti che si sono istallati a Roma senza che nessuno li abbia eletti, chiudono anche 251 posti di polizia e rimandano in caserma 1250 militari deputati a sorvegliare la nostra sicurezza, il perché è logico, non vorrei mai che in un fatto analogo come quello avvenuto in Francia un addetto alla sicurezza si trovi nei paraggi pronto a impedire e magari anche far del male ai loro amici terroristi.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 11/01/2015 - 11:42

Renzi chiude 250 presidi di polizia? Non ha i soldi, gli servono per continuare a pagare i parrucchieri delle due camere ed il personale di un senato dichiarato inutile che lui vuol far sopravvivere a se stesso.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 11/01/2015 - 11:44

Mi sembra che il controllo dei terroristi arabi sia solo uno dei problemi del governo del disastro imminente. Da quanto si sente dire, ma che i giornali tacciono, prende corpo la preoccupazione di chi controlli Renzi. Dopo la storiella dell’appartamento in uso gratuito per generosa concessione di un imprenditore amico, di cui si era avuta notizia in seguito all’interessamento della magistratura, nei giorni scorsi sono state rivelate con pubbliche dichiarazioni i magheggi dell’azienda di famiglia per non pagare debiti per alcune centinaia di migliaia di € grazie al favorevole intervento dello Stato. Questa è certamente “democrazia”: l’intervento statale a sostegno delle economie deboli. Siamo proprio un grande paese!

gigetto50

Dom, 11/01/2015 - 21:28

....i governi comunisti non eletti sono li' perché qualcuno li ha imposti....

Ritratto di aldolibero

aldolibero

Dom, 11/01/2015 - 21:42

A quando l'allarme per milano e per il duomo? Aspettiamo SERENI......GRAZIE MILLE

Ritratto di Ignazio.Picardi

Ignazio.Picardi

Lun, 12/01/2015 - 00:20

SE DOVESSE - Malauguratamente - succedere un morto per colpa di un solo terrorista ( per me radical-islamisti ) ALFANO SI DOVREBBE DIMETTERE - Solo i servizi segreti Americani,Inglesi e Israeliani sono sinceri nel dire agli Italiani quanto di corretto! Lui invece dice che tutto è sotto controllo! E' PAZZESCO se poi leggiamo quanto scritto:Quanto all'immigrazione, Tonelli denuncia che la nostra «rete di protezione non è un colabrodo, ma proprio una porta aperta». E la sicurezza? «I miei colleghi sono animati dalle migliori intenzioni, ma mancano mezzi, uomini, norme e anche sostegno morale. Alfano - conclude Tonelli - mi dica chi ha messo in campo, in questa lotta al rischio terrorismo».

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Lun, 12/01/2015 - 07:31

@02121940 - E quel "corpo di ballo" chiamato pomposamente "Corazzieri", al servizio del comunista, quello, resta?