Esce di strada con il «quad» Muore a Kos 19enne pisana

PisaQuel viaggio doveva essere il premio per la maturità, in attesa che l'autunno portasse con sé l'iscrizione alla facoltà di Medicina. Ma per Lavinia Mazzanti, studentessa pisana 19enne, tutti i progetti di una vita si sono interrotti all'improvviso lungo una strada sull'isola di Kos, in Grecia. La ragazza, in vacanza insieme a un gruppo di amici, è rimasta vittima di un incidente con il quad, affittato per esplorare l'isoletta. Era l'una di notte quando il veicolo si è ribaltato: a bordo con lei c'era un ragazzo, ferito in maniera non grave. I soccorsi sono arrivati presto, ma per Lavinia c'era ben poco da fare. Nel giro di poco tempo sono stati avvisati i genitori: il padre, anestesista all'ospedale Cisanello, è stato avvertito con una telefonata nel cuore della notte. Non è chiara la dinamica dell'incidente né chi fosse alla guida del mezzo. La comitiva era formata da altri sette amici – Valentina, Gianmarco, due Lorenzo, Raffaele, Ginevra e Matilde – tutti compagni di scuola presso l'Istituto superiore “Dini” e la scuola arcivescovile Santa Caterina, dove Lavinia era rappresentante studentesca: l'ultima foto che li ritrae insieme, spensierati, è stata postata su Instagram il giorno prima della tragedia. Dalla città della torre quattro genitori sono partiti per la Grecia per confortare i figli che hanno visto morire Lavinia. Gli amici, increduli, la descrivono come una ragazza bella, solare, studiosa: si era appena diplomata con 88, il secondo miglior voto della sua classe. Ora per i suoi parenti inizia la fase straziante del recupero del corpo: della vicenda sono stati informati ministero degli Esteri, prefettura e 46esima Brigata Aerea di Pisa. La salma è stata già trasferita ad Atene, da dove partirà presto alla volta dell'Italia.