Eseguita la sentenza di Renzi

Abbandonato da Alfano e compagni di tradimento, Lupi ha vissuto quasi una sorta di nemesi per la frattura con Forza Italia, con il partito dei voltagabbana che finisce per mangiare se stesso, dopo aver disintegrato la destra

La fine era nota. Lupi si dimette, ubbidendo all'ordine del vero segretario di Ncd, Renzi. Abbandonato da Alfano e compagni di tradimento, Lupi ha vissuto quasi una sorta di nemesi per la frattura con Forza Italia, con il partito dei voltagabbana che finisce per mangiare se stesso, dopo aver disintegrato la destra. Davvero un finale triste e solitario. Sprofondato nel fango di un'inchiesta che al momento lo vede soltanto come comparsa, senza accuse, senza avvisi di garanzia. Eppure il suo nome viene sommerso da ordinanze, intercettazioni, carte, rilievi e commenti. Responsabilità politica, si dice. Ma subito messo al muro con neanche un cane nel governo e nel suo partito che si prenda la briga di difenderlo. Scaricato subito. Cosa che non è certo accaduta per il ministro Poletti, toccato dagli affari di Buzzi, o per le disavventure paterne della Boschi.

Segui i soldi. Questo è il vecchio consiglio per incastrare i malfattori. E qui c'è anche uno dei punti deboli dell'inchiesta sulle Grandi Opere, quella di Firenze, quella per cui Lupi ha perso la poltrona di ministro senza neppure essere indagato. In questa storia se segui i soldi rischi di non arrivare a nulla. Al mega burocrate Ercolino Incalza non viene infatti contestato un euro al di fuori delle sue prestazioni professionali. È tutto registrato da fatture e dichiarazioni dei redditi. Strano. In effetti non si è mai visto un caso di corruzione dove il corrotto prende denaro emettendo fatture e pagando l'Irpef. Come qualcosa non torna in un'inchiesta che gli stessi pm battezzano con il nome «Sistema», una ragnatela di tangenti che passa di cantiere in cantiere, da Nord a Sud, isole comprese, e poi non viene contestata l'accusa più ovvia per un sistema del genere. Non c'è l'associazione a delinquere. Strano. Magari questa inchiesta che parte dalla città di Machiavelli per Renzi è quasi benedetta. Opportuna.

E allora viene quasi da pensare: e se fosse un favore al premier?

Matteo in fondo con queste carte nel ventilatore ha fatto un bel filotto. In un colpo solo si è liberato di Lupi che non ha mai amato. Dal primo giorno non lo voleva nel governo. Il ministro di Comunione e Liberazione è l'unico nel Ncd che l'abbia davvero contrastato. Si veda anche sulla nomina quirinalizia di Mattarella: Lupi fino all'ultimo non voleva votarlo. Renzi poi ha liberato e riconquistato un ministero importante come quello delle Infrastrutture e Trasporti, che gli ha sempre fatto gola, e dove Lupi finora aveva alzato barricate. Non solo. Matteo ha fatto prigioniero definitivamente Alfano e quello che resta del Ncd, tappezzeria di governo intorno a poltrone sempre più traballanti. È il burattinaio che fa ballare i residui della maggioranza. A questo punto come può Alfano in Campania non appoggiare il candidato del Pd? Non serve neppure chiederlo. Si fa. E pazienza se su De Luca pesa l'anomalia della legge Severino. Tanto poi c'è sempre un magistrato, ieri Cantone, domani Gratteri, chissà, pronto da sbattere in faccia a chi mette in dubbio l'onorabilità del governo. E chissene se l'Italia diventa una Repubblica di magistrati. E, se non bastasse, Renzi può sempre rivendicare, cogliendo l'attimo di questa inchiesta, di aver sbloccato corruzione, prescrizione e falso in bilancio.

Renzi sarà pure aiutato dalla fortuna. Il suo ottimismo apre chiavi e risolve problemi quando serve, ma, alla fine di tutto questo, un pensiero, un dubbio resta. E se fosse un favore a Renzi? A pensar male...Salvatore Tramontano

Commenti
Ritratto di Chichi

Chichi

Ven, 20/03/2015 - 10:06

Non c'è ombra di dubbio: col bullo i suoi portatori di borracce, non meno dei suoi compagni di partito, possono stare tranquilli.

Démos_Cràtos

Ven, 20/03/2015 - 10:12

Mi sentirei comunque di tranquillizzare Lupi. Si sa, le vie di CL sono infinite. Forza!

aitanhouse

Ven, 20/03/2015 - 10:18

a ciascuno il suo....cosa pensavano quelli dell' ncd? un partito di destra che va ad allearsi con gli ex compagni fa la fine del topo che vuole scherzare col gatto.......bene,bene,bene ed ora? ma arcore è lontana........

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Ven, 20/03/2015 - 10:22

Dunque, silvio vent'anni fà scende in campo e si schiera con il cdx, oggi la destra non esiste pìù e la colpa è di Alfano, è proprio vero, la destra è stata distrutta e con lei l'intelligenza e l'onestà etica dei giornali che la componevano di scrivere la verità. De profundis.

Ritratto di unpaesemigliore

unpaesemigliore

Ven, 20/03/2015 - 10:28

Caro Lupi, hai voluto convivere con i LUPI FAMELICI del PD ... come si dice in questi casi chi è causa del suo male pianga se stesso.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Ven, 20/03/2015 - 10:30

E' e resterà l'unica cosa positiva dell' "okkupazione Renzi": la scomparsa di quella banda di poltronai, traditori, nemici dell'Italia di NCD. Sono quasi certo (siamo in Italia....) che qualcuno di questi indegni predatori di seggi/voti altrui riuscirà a riciclarsi e magari rientrare in Parlamento solo perché è stato così furbo da tenersi defilato e lontano da giornalisti e telecamere e quindi poco "ricordabile" da quei 4 gatti che ancora vanno a votare e che decidono anche per quella marea di "furbissimi" che non lo fanno, ma nella realtà penso che tutti questi campioni dell'italica filosofia di vita mercenaria resteranno aggrappati con le unghie e con i denti a poltrona-benefit-pensioni-potere fino all'ultimo secondo perché sanno che verranno cacciati con infamia alle prime elezioni... quando e se ci concederanno di farle!

ego

Ven, 20/03/2015 - 10:31

I ministri di NCD non potranno avere destino diverso da quello di Lupi. La loro posizione innaturale, persone sedicenti di destra dentro un governo di sinistra, li manterrà sempre in una posizione di precario equilibrio e di umiliante subalternità nei confronti del "padrone di casa, Renzi". Azzerata la loro credibilità verso gli elettori di centrodestra, per mangiare qualche briciola oggi hanno bruciato il loro futuro politico. Berlusconi non deve fare l'errore di riaccoglierli

vince50_19

Ven, 20/03/2015 - 10:32

L'NDC (Nuova Democrazia Cristiana) sprofonda sempre più nell'ipocrisia, nell'ignominia e nella vergogna più palese ma tant'è, oramai a certa puzza ci hanno fatto il "callo". "Cadrega uber alles"..

cgf

Ven, 20/03/2015 - 10:33

Più che l'NCD se MAGNA all'Expo, amici di Renzie fatevi sotto, c'è pappa per tutti.

Ritratto di mirosky

mirosky

Ven, 20/03/2015 - 10:36

tranquilli,non andrà a morire di fame

giorgiandr

Ven, 20/03/2015 - 10:44

comunque quale appoggio si voleva aspettare Lupi dai suoi ? un partito che ha nel DNA il tradimento e l'opportunismo non rischia certo la poltrona per difendere uno di loro... Ha ottenuto esattamente quello che lui stesso ha dato.

Felice48

Ven, 20/03/2015 - 10:46

Non è che Lupi mi fosse simpatico ma devo dire che ci sono garantisti a senso unico. La sinistra se si tratta dei loro figliocci mette subito in campo soccorso rosso e tutto si tacita. Ma se capita, come in questo caso, di uno che non ha nemmeno avuto un avviso di garanzia e tutto si basa su questioni secondarie essa si scatena appoggiata da saccenti che hanno già giudicato e fanno i moralisti del cavolo (vedi m5s).

Giorgio1952

Ven, 20/03/2015 - 10:46

Tramontano usa come sempre l'obiettività a modo suo, certo a pensar male ..... ma quale sentenza Renzi, il premier come ha detto lo stesso Lupi, non gli ha chiesto le dimissioni gli ha solo detto che non voleva dirgli quello che doveva fare, ma quello che lui avrebbe fatto : si sarebbe dimesso e si sarebbe difeso da uomo libero. Chapeau a Lupi!!

frateindovino

Ven, 20/03/2015 - 10:48

Abbandonato da Alfano e compagni di tradimento Lupi........avevate forse qualche dubbio? solo qualche giorno scorso il lupi rassicurava più che altro se stesso incalzato dai media, dicendo che nessuno aveva chiesto le sue dimissioni , il partito era con lui e così anche il premier......qualche proverbio ad hoc....parenti serpenti....chi di spada ferisce di spada perisce.... e viaaaaaaaa avanti il prossimo, renzi occhio....le ferie non si toccano...

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Ven, 20/03/2015 - 10:48

Quando scaccia i suoi collusi con "mafia capitale"? Quando se stesso?

tormalinaner

Ven, 20/03/2015 - 10:48

Se Lupi stava con Berlusconi era salvo, ha voluto tradire e andare con quell'ominicchio di Alfano e adesso ne paga le conseguenze, ai giardinetti con Fini!

Alessio2012

Ven, 20/03/2015 - 10:51

Poveracci quelli del NCD! Sperano ancora di salvarsi dagli attacchi della magistratura leccando i piedi e ubbidendo ciecamente al PD.

Ritratto di perigo

perigo

Ven, 20/03/2015 - 10:55

Personalmente di Lupi non me ne può fregar di meno, avendo tradito, così come tutto il NCD, il mandato popolare ricevuto quando fu eletto sotto l'egida di "Berlusconi Presidente". Ma non si può far finta di niente, quando ci sono incongruenze politiche e mediatiche dai rivolti moralistici del piffero, come in questo caso. Insomma, indignazione per Lupi jr, ma nessuno si chiede se i rampolli dei leader PD abbiano avuto qualche aiutino. Dagli eredi dei presidenti tra cui Napolitano, alle ragazze di Veltroni e D'Alema.

errericcardo

Ven, 20/03/2015 - 10:58

per un Lupi che se ne va un Quagliarella che arriva?

Ritratto di matteo844

matteo844

Ven, 20/03/2015 - 11:02

Magari dico una stupidaggine pero secondo me dietro Renzi ci sono poteri piu forti che ne so...banche,magistratura o chi lavora a tavolino per lui che mette solo la faccia un po come un prestanome. Perche Renzi non mi sembra una mente talmente eccelsa da poter mettere in pratica certi piani cosi astuti.

linoalo1

Ven, 20/03/2015 - 11:03

Finalmente l'inizio della fine dei Nuovi Comunisti Democratici(NCD)!Ed i Sinistrati godono!Lino.

paco51

Ven, 20/03/2015 - 11:10

PER SOGGETTI SIMILI NON C'è MEDICINA.! mi fa pena un ministro della repubblica(?) che telefona come uno scolaretto e che non usa nessuna attenzione a quello che dice! secondo me non ci hanno ancora detto tutto.!Altrimenti cade il governo renzi. Che bisogno ha di lavorare il figlio del ministro del Lavori pubblici? Nessuno a pranzo e cena mangia lo stesso.

antes1

Ven, 20/03/2015 - 11:30

Siamo arrivati al punto di indignarci perchè un ministro "chiacchierato" dà le dimissioni? In tutti i paesi civili ci si comporta allo stesso modo. Si lascia la carica e si è poi liberi di dare i chiarimenti necessari a dimostrare la propria innocenza. Grazie a Lupi che ha dimostrato come anche in Italia ci sia qualche politico che ha il senso dell'onore.

nonnoaldo

Ven, 20/03/2015 - 11:33

E fuori uno, vedrete, a breve toccherà al fantoccio Alfano. Renzi, come tutti i detentori del potere, usa i traditori, ma poi se ne libera, non si sa mai... Prima però aspetta che il suddetto gli faccia conquistare la Campania, poi qualche magistrato tirerà fuori il dossier che per ora giace nel suo cassetto e via alle danze.

Ritratto di illuso

illuso

Ven, 20/03/2015 - 11:35

Il ministro del lavoro Giuliano Poletti fotografato a cena con la banda delle coop romane e amico di Buzzi al buon Matteo va benissimo. Lupi no. Viva l'italieta.

Pigi

Ven, 20/03/2015 - 11:36

Ormai la dazione in danaro è diventata troppo rischiosa, e si è tornati al caro vecchio baratto: io ti dò una cosa a te e tu mi dai una cosa a me. La fantasia può sbizzarrirsi, ma possiamo fare diversi esempi. 1) Ti rendo edificabile un terreno e tu mi vendi l'attico a metà prezzo. 2) Ti rendo edificabile un terreno e tu assegni la direzione dei lavori a mio parente, pagandolo molto bene. 3) La tua concessionaria non avrà ispezioni e tu mi vendi le auto con il massimo dello sconto. E' evidente che questi scambi di favori sono praticamente impossibili da sanzionare, perché sono le leggi che generano la corruzione. Ma i politici e i burocrati non vogliono cambiare le leggi che tolgono loro il potere di tenere in pugno la gente, anzi, sfruttano i singoli casi per chiedere pene più severe, distogliendo l'attenzione sulle vere cause della corruzione.

nonnoaldo

Ven, 20/03/2015 - 11:40

Infrastrutture e trasporti in mano definitivamente al PD, ragazzi che mangiata!!! Altro che orologi al figlio, il PD lavora su base miliardi, al minimo centinaia di milioni. Sesto (Penati), MPS e Banca Etruria docent, per citarne solo alcuni finiti nel dimenticatoio.

Ritratto di illuso

illuso

Ven, 20/03/2015 - 11:42

@ilsaturato: egregio, la leggo sempre con interesse. Noto in lei un grande amore per questa nazione e una grande speranza che possa cambiare in meglio. Credo che questo stato con una costituzione idiota e con istituzioni da terzo mondo non potrà cambiare. Forse abbiamo una democrazia che non ci meritiamo, una democrazia che premia le caste, tutte, e che se ne frega dei principi morali per i quali centinaia di migliaia di giovani hanno dato la vita nel secolo scorso. Cordialità.

beale

Ven, 20/03/2015 - 11:56

si fanno tagliare .....la testa passivamente; Renzi usa gli stessi metodi dell'isis: seda le vittime. può darsi che si tratti per queste ultime di assenza di attributi ( a forza di definirsi "moderati", si sono castrati). da una parte abbiamo un discorso telefonico intercettato, dall'altra fotografie, Mussari e il MPS, la banca dell'etruria ecc.. cosa si aspetta a rovesciare i tavoli? la stampa tutta asservita?

nonnoaldo

Ven, 20/03/2015 - 11:59

Caro Renzi, e i quattro sottosegretari indagati (tre PD ed uno NCD) che fanno? si dimettono? no? perchè???

Masci gina

Ven, 20/03/2015 - 11:59

Caro Tramontana c'e'poco da difendere, Lupi e' indifendibile anche se non indagato. Non facciamo accostamenti ridicoli con Poletti che partecipava ad una cena. Poletti non mi risulta che abbia abusato del suo potere per raccomandare suo figlio o per salvaguardare una struttura del suo Ministero, pena la caduta del Governo.La storia di Lupi la dice lunga su quella setta di CL altro che Coop. rosse che avete sempre criticato. In CL e' prassi comune e nota a tutti dei favoritismi, raccomandazioni e prebende facili da dispensare ai figli e famigli dei loro adepti. Un MInistro della Repubblica, che fino a ieri difendeva a piu' non posso il Cav.con la bava alla bocca, quando si e' accorto che il Berlusca si stava avviando verso il tramonto politico, da buon opportunista, carrierista e voltagabbana qual e', Lupi, al pari di Scilipoti e Razzi, e' uscito da Forza Italia per puro potere personale. Quindi, ha fatto bene a togliere il disturbo da una poltrona pericolosa per chi viene da CL.

marioperugia

Ven, 20/03/2015 - 13:09

Come al solito un articolo fatto solo di insinuazioni, dietrologie e ricostruzioni fantasiose spacciate per fatti. Me se in un altro articolo di questo stesso giornale, un altro giornalista, Massimo Malpica, parla di "affari, regali, favori, cene di finanziamento, voti, voli, convention", a Lei, Tramontano, e a Suoi lettori non passa per la mente che le dimissioni di Lupi (che io peraltro stimo) erano opportune per correttezza istituzionale, e anzi doverose?

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 20/03/2015 - 19:00

A quanto pare, come tanti hanno subito osservato, dopo l'addio di Lupi, Renzi vuole l'interim fino all'avvio di Expo. Poi metterà un alle infrastrutture un “suo” ministro. Io sono fermo a Montesquieu: quindi tripartizione dei poteri e senza svolazzi dall'uno all'altro potere. Se qualcuno già comincia a parlare di violazione della democrazia non ha tutti i torti, dato che lui non è stato eletto da nessuno.

Happy1937

Sab, 21/03/2015 - 08:30

Che bel vestitino hanno cucito addosso al povero Lupi. Solo degli sciocchi possono pensare che un Ministro si venda in cambio di un vestito, un rolex d'acciaio ed uno stipendiuccio da 2000€/mese. A me NCD non piace e Angelino ha dimostrato anche in questa occasione la sua pochezza.