Esplode il rifugio segreto, Garko salvo per miracolo

Morta l'anziana proprietaria: il disastro causato da una fuga di gas

Nadia MuratoreSulla collina di Sanremo, nel quartiere Solaro, una violenta esplosione ha distrutto una parte di Villa della Rosa, il rifugio «segreto» dove, al primo piano, da qualche giorno risiedeva Gabriel Garko in attesa di condurre il Festival della Canzone, che si svolgerà dal 9 al 13 febbraio nella Città dei fiori. L'attore è rimasto solo leggermente ferito, come una sua collaboratrice, mentre non c'è stato scampo per Maria Grazia Gugliermetti di 77 anni, madre del padrone di casa, ritrovata senza vita sotto le macerie. La donna abitava al secondo piano della villa, proprio dove sarebbe avvenuto lo scoppio: secondo il medico legale è morta carbonizzata. Il destino è stato invece ben più clemente con Gabriel Garko, salvo per miracolo: l'attore si era infatti appena alzato quando il soffitto gli è crollato, con un assordante boato, proprio sul letto. Erano le 9. Alcuni calcinacci lo hanno colpito fortunatamente senza gravi conseguenze. Portato al pronto soccorso dell'ospedale Borea l'attore è stato dimesso dopo poche ore con una prognosi di dieci giorni. Ha riportato un trauma cranico, una leggera intossicazione e alcune escoriazioni, ma le sue condizioni sono buone e il referto medico parla di «lieve trauma cranico con escoriazioni diffuse». A trovarlo in ospedale, si è recato anche il direttore artistico del Festival, Carlo Conti. Al pronto soccorso è stata visitata pure l'assistente dell'attore, che si trovava in altra ala della villetta: lei è praticamnete illesa.Gabriel Garko è per il momento confermato sul palcoscenico del Teatro Ariston, anche se le sue condizioni psicologiche, visto l'accaduto, potrebbero comprometterne la partecipazione in qualità di co-conduttore. «Per ora possiamo solo dire che sta bene, per fortuna» hanno fatto sapere da Numerochiuso Agency, l'agenzia di spettacolo romana che cura l'immagine di Garko, aggiungendo che «sulla partecipazione al Festival di Sanremo non sappiamo ancora darvi una risposta». La villa, che viene affittata tutto l'anno ai turisti o agli artisti che partecipano al Festival, è stata posta sotto sequestro, per permettere agli inquirenti capire con sicurezza cosa abbia causato l'esplosione, la cui onda d'urto ha scagliato detriti nel raggio di 50 metri. Secondo i primi rilievi, lo scoppio potrebbe essere stato innescato da un fornello difettoso della cucina, forse acceso proprio dalla vittima, arrivata la sera prima da Torino. Maria Grazia Gugliermetti, madre di Lorenzo Noveri, noto dentista sanremese ed intestatario della casa, è stata investita da una fiammata innescata dall'esplosione, che l'ha uccisa all'istante. Il suo corpo stato trovato scaraventato dietro un elettrodomestico..Da chiarire dove si trovasse esattamente quando, probabilmente un contatto elettrico, ha innescato la miscela esplosiva, dovuta ad una fuga di gas metano. L'esplosione ha parzialmente distrutto Villa delle Rose, una residenza su due livelli che dispone anche di una piscina e che ora rischia il crollo totale per i gravi danni riportati alla struttura portante. Il magistrato titolare delle indagini, ha già affidato l'incarico per una prima perizia.