Expo, appello del Papa ai big: "Ricordatevi di chi ha fame"

Il video intervento di papa Francesco: "È un’occasione per globalizzare la solidarietà. Cerchiamo di non sprecarla"

"L'Expo è un’occasione propizia per globalizzare la solidarietà. Cerchiamo di non sprecarla". In un intervento in diretta durante la cerimonia inaugurale dell’Expo 2015, papa Francesco ha lanciato un appello netto a tutti i politici, gli imprenditori e i big riuniti a Milano. "Esiste - ha detto il Santo Padre - la voce di tanti poveri che fanno parte di questo mondo e cercano di guadagnarsi con dignitrà di che vivere. Vorrei farmi voce di questi fratelli, che Dio ama come figli. Dio Ci ha insegnato a chiedere a Dio Padre 'dacci oggi nostro pane quotidiano'".

La mattinata dell'inaugurazione dell'Esposizione Universale è stata segnata anche dall'intervento di Bergoglio che, pur non participando di persona, ci ha tenuto a benedetire la manifestazione e chiedere ai presenti di pensare a chi ogni giorno lotta per avere un po' di cibo. "Sono grato di unire la mia voce" all’Expo. E la mia è "la voce dei pellegrini nel mondo intero, è la voce di tanti poveri che fanno parte di questo popolo e con dignità cercano di guadagnarsi il pane col sudore della fronte". E "vorrei farmi portavoce di tanti fratelli e sorelle, cristiani e non, che Dio ha amato e per il quale ci ha insegnato" a "chiedere il pane quotidiano". L’Expo 2015, ha aggiunto il Pontefice, è "occasione propizia per globalizzare la solidarietà".

Il "paradosso dell’abbondanza", espressione usata da san Giovanni Paolo II parlando alla Fao, persiste ancora, malgrado gli sforzi fatti e alcuni buoni risultati. Anche la Expo, per certi aspetti, fa parte di questo "paradosso dell’abbondanza", se obbedisce alla cultura dello spreco, dello scarto e "non contribuisce ad un modello di sviluppo equo e sostenibile". "Facciamo in modo che questa Expo sia occasione di un cambiamento di mentalità, per smettere di pensare che le nostre azioni quotidiane, ad ogni grado di responsabilità, non abbiano un impatto sulla vita di chi, vicino o lontano, soffre la fame", ha concludeo papa Francesco pensando a "tanti uomini e donne che patiscono la fame" e "specialmente alla moltitudine di bambini che muoiono di fame nel mondo".

Commenti

corto lirazza

Ven, 01/05/2015 - 13:22

Caro papone con il pancione da oliver e la faccia da stanlio, perche' non svendicchia qualche tesoruccio del vaticano e si prende a carico tutta l'africa? Le servirebbe come dieta dimagrante.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 01/05/2015 - 13:30

Certo che si ricordano. Stanno scatenando guerre in mezzo mondo, quei pochi che restano avranno cibo a volontà.

Tarantasio.1111

Ven, 01/05/2015 - 13:32

Quello che non capisco di questi uomini della chiesa...si comportano come se Dio fosse di loro proprietà, non producono un cxxxo di niente, raccolgono denaro in nero e, non pagano le tasse...che gentaglia.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Ven, 01/05/2015 - 13:57

Di Francesco si può dire tutto il male che si vuole, però bisogna riconoscere che indossa un bellissimo vestito e un altrettanto bel cappellino ....... non per niente è la guida spirituale dell'umanità.

istituto

Ven, 01/05/2015 - 14:29

Si. Tra quelli che hanno fame ci sono soprattutto gli italiani che hanno perso il posto di lavoro e che chiedono il pacco viveri come in tempo di guerra. Opero nella Sa Vincenzo della mia Parrocchia a Milano e da tantissimi anni ormai è aumentato il numero degli italiani che chiedono il pacco viveri perché hanno perso il posto di lavoro grazie ad un regime che produce solo TASSE. Le "risorse" degli extracomunitari invece si fanno mantenere assillando gli italiani con l'elemosina quotidiana.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Ven, 01/05/2015 - 14:33

Il papa ci ha ricordato chi ha fame,non fate commenti sarcastici per favore !!! Questa volta,in merito,ha preso seri e definitivi provvedimenti ordinando ai parroci di suonare con le campane il mezzogiorno, ora del pranzo, appena viene sentita la lamentela...HO FAME

vince50

Ven, 01/05/2015 - 14:35

Ricordatevi(di chi ha fame),non sarebbe più corretto e dignitoso dire ricordiamoci?.Ci sono persone che si alzano al mattino per andare a lavorare per quattro soldi,e altre che hanno un solo onore,sparare cxxxxxe.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 01/05/2015 - 14:39

Io avrei aggiunto :ricordatevi di lavorare e di guadagnarvi i pasti,senza vivere sulle spalle dei lavoratori.

moshe

Ven, 01/05/2015 - 14:42

E tu ricordati dei miliardi che ha la chiesa, senza contare dei milioni di proprietà in tutto il mondo. Siete solo incantatori di serpenti e di babbei a due gambe.

Tuvok

Ven, 01/05/2015 - 14:44

Io lancerei piuttosto un appello ai futuri "profughi" italiani ridotti in miseria a causa dell'invasione dei finti poveri. Questo e' il mio appello: ricordiamoci di chi ci ha RIDOTTO ALLA FAME!

Anonimo (non verificato)

pastello

Ven, 01/05/2015 - 14:53

Caro Totò Riina, non sei il peggiore, anzi.

SanSilvioDaArcore

Ven, 01/05/2015 - 16:50

Perchè, il vaticano non è tra i big? Sono buono anch'io a predicare carità con i soldi degli altri, e non sono papa, non sono prete e, men che meno, santo... Come mai non vedo tendopoli in vaticano? In quel palazzo così grande quanti immigrati ci possono stare? Come mai la non entrano? Al Vaticano mancano soldi per sfamarli? E i cxxxxxxi giù a dare offerte in chiesa...

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Ven, 01/05/2015 - 18:18

Non ancora santo padre(beh anche sul padre ci sarebbe da discutete) il popolo ha fame!!!come ho già ordinato al pretismo, con le campane andategli a suonare il mezzogiorno ora del pranzo,non va bene mangiare fuori orario.