Expo, battuti i «gufi» Ma ora che ne sarà?

Un inizio al rallentatore, poi la ripresa, infine una marcia trionfale. Visitatori entusiasti. Rebus sul futuro dell'area

L e ultime sette ore di coda al padiglione del Giappone, ora per chi non ce l'ha fatta resta il volo per Tokyo, di poco più lungo. Da sicuro fallimento (con annesso immancabile cotè di inchieste giudiziarie) a evento da non perdere neppure a costo di file disumane, a successo made in Italy su cui mettere il cappello, l'Expo chiude dopo 184 giorni tra le corse per mettersi in scia e il dubbio: che cosa sarà dell'enorme area? Il premier Matteo Renzi, non presente alla cerimonia di chiusura (l'aveva inaugurato il 1° maggio), telefona al commissario di Expo Giuseppe Sala per fargli i complimenti e forse rilanciare l'offerta di correre a Milano per il Pd. Su Twitter il premier usa l' hashtag «OrgoglioExpo» («È stato bello crederci, grazie a tutti. Viva l'Italia»), mentre Maria Elena Boschi intesta all'esecutivo il coraggio di aver messo la faccia su Expo, «molti ci suggerirono di non farlo perché sarebbe stato un fallimento - racconta il ministro -, questo governo ha invece creduto fortemente in Expo e oggi possiamo dire che è stato un successo di cui siamo orgogliosi». I numeri finali li annuncia Sala: 21,5 milioni di ingressi totali, più del previsto, 5 milioni solo a ottobre, il mese del grande assalto al Decumano. Dopo gli inni e la consegna della bandiera dell'Esposizione ai rappresentanti di Astana, la capitale del Kazakistan che ospiterà Expo 2017, evento ponte verso l'Expo 2020 a Dubai, tocca tirare le fila di sei mesi dell'Expo milanese, e il mood generale - davanti a migliaia di invitati nell'Open Air Theatre coloratissimo - è quello della vittoria. È il grande giorno di Beppe Sala, già candidato a tutto, che si commuove quando il presidente della Repubbblica lo ringrazia pubblicamente per il lavoro fatto. «I numeri non dicono tutto, ma raccontano che abbiamo fatto un buon lavoro - dice il commissario di Expo -. È la prova che l'Italia quando lavora con organizzazione e con creatività sa stupire il mondo, lo abbiamo conquistato con una prova di civiltà che è la più grande eredità di Expo».

In attesa di un bilancio più dettagliato anche sull'indotto per l'export creato dall'evento, Diana Bracco, vicepresidente di Confindustria e commissario del Padiglione Italia, parla di «un grande rilancio d'immagine del Paese e un enorme contributo al turismo, all'export e economia italiana» grazie all'Expo e al suo simbolo, l'Albero della vita, «icona mondiale del nostro orgoglio ritrovato». Toni trionfanti anche dal sindaco Giuiliano Pisapia («Milano saluta il mondo mostrando di cosa è capace l'Italia») e dal governatore lombardo Roberto Maroni («Un successo pieno, oltre ogni apsettativa. Abbiamo dimostrato di saper pensare in grande»). «Successo» è la parola che si ripete negli interventi sul palco, dal segretario generale del Bureau des Expositions Internationales, Vicente Loscertales, al ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina («Missione compiuta»). Nessuno cita i «gufi» che per sei mesi hanno tifato per un flop, ma il riferimento non è nemmeno troppo subliminale. Il capo dello Stato Sergio Mattarella mette il timbro di cera lacca: «La sfida è stata vinta da un'Italia che, quando si unisce in un impegno comune sa esprimere grandi doti e mostrare al mondo le sue originali qualità». Si chiude l'Expo, sulle note di «Nel blu dipinto di blu» cantate da un coro di bambini, e un tripudio di fuochi d'artificio, euforia da trionfo in mondovisione. Sei mesi fa nessuno ci avrebbe scommesso un euro.

Commenti

Frusta1

Dom, 01/11/2015 - 08:21

Il successo di Expo ha origini lontane.Chi ha voluto fortemente Expo Milano 2015 ed ha creduto malgrado i gufi di allora,ha un nome su tutti:l'ex Sindaco di Milano Letizia Moratti.Che ora pinocchietto ,che ai tempi pensava di più alle giovani marmotte e pisapirla che mai si è mostrato convinto dell'opera ( troppo preso a parteggiare per i contestatori espressione della sua corrente politica )mi fa sorridere.Il successo si costruisce prima, pianificandolo,credendoci, non tradendo gli ideali.Che poi l'ottimo Sala abbia gestito egregiamente l'evento è vero,ed altrettanto vero che chi ha lavorato in questi 6 mesi ,magari come volontario, ha decretato il successo FINALE. Ma ancora un grazie enorme a chi si è battuto perché Milano e non Smirne fosse scelta come sede di Expo 2015.

swiller

Dom, 01/11/2015 - 09:05

Ho visto l'expo una cagata atomica.

marcothai

Dom, 01/11/2015 - 09:06

ALLOGGI GRATIS PER TUTTI I CLANDESTINI

VittorioMar

Dom, 01/11/2015 - 09:37

..visto il successo dell'Evento, come dicono in molti,perché non lasciare ancora aperti alcuni padiglioni sino all'inizio del Giubileo?...

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Dom, 01/11/2015 - 09:43

"Chi volete che vada a Rho?" - diceva Grillo sei o sette mesi fa. Adesso dovrebbe avere la decenza di dichiarare di aver sbagliato previsione anziché sguinzagliare i suoi accoliti, con in testa Il Fatto Quotidiano, che non sanno più cosa inventarsi pe dimostrare l'indimostrabile flop.

123214

Dom, 01/11/2015 - 09:45

mi spiace contraddire i felici...ma l'obiettivo era un dato incasso legato ai biglietti. quando i biglietti era pensati ad un certo prezzo non alla svendita avvenuta pur di fare numero.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Dom, 01/11/2015 - 09:55

Divisi equamente tra centri sociali,clandestini,rom,con vasta area adibita a convegni,tavole rotonde multietniche, multiculturali,psicopedagoghiche,sociopolitiche,insomma tutto quello che serve al mondo comunistoide per cucirsi un vestito di etica, di moralità, intellettualoide dove nella verità più vera interessa solo il potere (meglio se assoluto)e il ciclopico giro di soldi che gli ruota attorno.

alfa553

Dom, 01/11/2015 - 10:05

Voglio solo ricordare un dato,perché fare di sconfitte vittorie....... l' EXPO di Siviglia del 1992, ebbe 41 milioni di visitanti.E poi se qualcuno mi spiega che cavolo hanno fatto dentro a quei capannoni,sarebbe cosa grata,per altro pecca di tutti...... tanti aggettivi e sostantivi nessuno.Non ho mai capito cosa cavolo si faceva li dentro.Ma visto che in italia tutto serve per rubare e fare soldi e pitturarsi politicamente la faccia....ebbene......

Dordolio

Dom, 01/11/2015 - 10:08

Per l'Expo avevo addirittura i biglietti omaggio. Ma mi sono rifiutato di andarci dopo aver appreso da chi ci era stato di prezzi assurdi per cibo scadente. E di un vero "carnaio". Da buon patriota dovrei essere contento del suo successo - se è vero quanto dichiarato - ma vorrei che NON fosse stato conseguito con furbeschi mezzucci. Meglio, molto meglio certe "fiere campionarie" della mia infanzia, splendide e memorabili nella loro semplicità.

Gibulca

Dom, 01/11/2015 - 10:23

L'expo è stato voluto da un sindaco di centrodestra, con un governatore regionale di centrodestra e con un governo di centrodesra. Loro hanno costruito l'Expo, mentre il centrosinistra si opponeva. Oggi i sinistri si fanno belli con l'Expo, mentre il centrodestra cavallerescamente rimane quieto. Lo stesso discorso vale per la M4 e la M5 di Milano.I sinistri sono senza vergogna e sono inadatti a governare persino un condominio di periferia con 4 appartamenti vuoti.

Nonlisopporto

Dom, 01/11/2015 - 10:31

ooohhh finaomente ha chiuso!!!

linoalo1

Dom, 01/11/2015 - 10:34

Dove sono finiti tutti i Sinistrati che gufavano Expo e che si sono messi di traverso per ostacolarla????Scommetto che,da Ipocriti quali sono,sono saliti sul carro dei vincitori,per non farsi riconoscere!!!!EXPOisti,ora,però,dovete stare attenti alle vendette!!!!

Ritratto di rodolfo47

rodolfo47

Dom, 01/11/2015 - 10:36

Ho cercato invano di sapere quanto è costato EXPO a chi paga le tasse e quanto è stato incassato visti i trionfali proclami del nostro premier ma non ci sono riuscito sé qualcuno può darmi delle indicazioni lo ringrazio .

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 01/11/2015 - 10:51

Di sicuro comincera' il caos. Il rischio che se restano le zecche rosse al potere diventi un bivacco di rom e clandestini e' alto, molto alto, vedi le strutture dello olimpiadi a Torino.

vince50

Dom, 01/11/2015 - 11:02

Non ci sarei andato neppure se mi avessero pagato,manifestazioni inutili ma proficue per alcuni.

moichiodi

Dom, 01/11/2015 - 11:05

Ma ORA che ne sarà dell'area? Il giornale si chiede questo. Se lo doveva chiedere quando si chiese la candidatura. Normale che ORA bisogna cercare di non disperdere sul patrimonio. E che non sarà facile.

moichiodi

Dom, 01/11/2015 - 11:07

Come sempre il giornale ci propina uno dei suoi ORA, quotidiani. Per farci giocare.

antonioball73

Dom, 01/11/2015 - 11:14

l'expo e' la prova provata che il terrorismo in italia non esiste ed e' usato come spauracchio x il controllo delle masse. infatti expo e' il tionfo della corruzione,delle mazzette,del capitalismo marcio. tra imrenditori,commissari vari e politici corrotti,abbiamo assistito alla sfilata dei piu'grandi ladri del mondo,che addirittura da affamatori di popoli(quali sono) riescono addirittura a passare x filantropi che risolvono il suddetto problema.se fosse rimasta l'ombra di un terrorista in italia non si sarebbe fatto sfuggire una simile occasione. ora arriva il giubileo,avete cacciato marino e cosi' potrete esportare il modello expo senza essere disturbati. viva renzi,berlusconi,buzzi,carminati,dell'utri,gelli..avete vinto voi

rokko

Dom, 01/11/2015 - 11:19

Parlare di "successo" mi sembra eccessivo. Innanzitutto, per pareggiare i conti la società Expo aveva caclcolato che servissero 24 milioni di ingressi, ne sono arrivati 21.5, con i biglietti regalati pur di fare presenza. Secondo, fino a tutto agosto c'era pochissima gente, il pienone si è visto solo a settembre e ottobre, grazie appunto ai biglietti omaggio e scontati. Detto ciò, è andata comunque bene, ma non ne parlerei con tanto trionfalismo.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Dom, 01/11/2015 - 11:26

21,5 milioni dite? Sarà vero? Io dei dati italici non mi fido!!a fronte di questi circaforseprobabilmente 21,5 milioni di visitatori quanti biglietti VERI E PAGANTI sono stati staccati? Insomma biglietti netti tolte le tare di quelli omaggio in generale e sopratutto omaggio degli amici,amici degli amici,amici degli amici degli amici dato che la regola aurea italica e da sempre che solo i fessi pagano.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di r.peddis

r.peddis

Dom, 01/11/2015 - 12:03

un successo ??? 21 milioni di visitatori, un terzo stranieri ,un terzo scolari in gita scolastica forzata non è di certo un successo , ma un traguardo raggiunto a stento con probabili perdite economiche sui costi delle opere .P.S. se un merito ci dovesse essere va a Letizia Morati e al Centro Destra che allora volle fortemente EXPO a Milano