FdI, 220 nuovi amministratori locali ​passano con la Meloni

Giorgia Meloni da i numeri, quelli della sua campagna acquisti. Sono 220 gli amministratori che hanno dismesso la vecchia casacca per passare a Fratelli d’Italia

Giorgia Meloni da i numeri, quelli della sua campagna acquisti. Sono 220 gli amministratori che hanno dismesso la vecchia casacca per passare a Fratelli d’Italia. Nella lista figurano 7 consiglieri regionali di Calabria, Veneto, Piemonte, Molise, Sardegna, Friuli Venezia Giulia; 34 tra sindaci e vicesindaci; 35 assessori e ancora 3 presidenti di Consiglio comunale ed una pattuglia di ben 140 consiglieri comunali. Le adesioni annunciate oggi da Fratelli d’Italia coprono l’intero Stivale: 45 amministratori in Lombardia e 19 in Calabria, 30 in Puglia e 29 in Sicilia, 18 in Veneto e 20 in Liguria, 25 in Campania e 32 in Lazio, 8 in Abruzzo e Friuli Venezia Giulia e Trentino, 6 in Toscana e 2 in Emilia Romagna. A due passi dalla centralissima via del Babuino di Roma, questa mattina, alcuni di loro hanno partecipato all’evento “È sempre più blu”.

“La nostra ricetta è vincente”, scandisce la Meloni nel corso dell’evento. E così, dopo l’ingresso dell’imprenditore veneto Simone Furlan e dell’ex “Esercito di Silvio”, Fratelli d’Italia continua a catalizzare transfughi, provenienti soprattutto dalle fila di Forza Italia e da esperienze civiche. È il caso dell’ex capogruppo azzurro alla Regione Veneto, Massimiliano Barison, che sceglie gli eredi del Movimento Sociale per stima nei confronti della Meloni, “una donna-leader, che ha una famiglia, sa cosa vuol dire avere dei figli, conosce direttamente i problemi e ha una storia politica che parte dal basso e si esprime in modo chiaro e diretto su argomenti importanti con posizioni in cui mi riconosco da sempre”.

L’obiettivo della Meloni è quello di “rifondare il centrodestra”, ma anche di dimostrare al Carroccio di Matteo Salvini che “c’è spazio per un’altra forza di grandi dimensioni”. E a chi le domanda il perché di quello che lei stessa definisce “un vero e proprio smottamento verso Fratelli d’Italia” risponde che, il suo, “è l’unico partito che non ha mai partecipato a scappatelle, l’unico che è sempre stato in quella metà campo”.

Sembrano ormai un ricordo lontano i giorni in cui teneva banco la cosiddetta “spaccatura romana”, ossia l’addio al partito dell’ex consigliere della regione Lazio Fabrizio Santori, del responsabile nazionale dell’ufficio per la Famiglia Federico Iadicicco, di 2 consiglieri comunali e di 10 municipali. Ma a sciupare un po’ il clima, sempre questa mattina, arrivano le dimissioni di alcuni componenti dell’Assemblea Nazionale: Emiliano Corsi, Emanuele Besi, Valeria Campana, Daniele Catalano e Marco Valerio Verni.

Ma Giorgia non si guarda indietro, anzi, annuncia che quello di oggi è solo l’inizio di “un percorso che porterà nei prossimi mesi all’adesione di nuovi e autorevoli esponenti politici”.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Ven, 13/07/2018 - 18:15

I topi lasciano la nave che affonda, altro non c'è da dire. Io se fossi la Meloni sarei preoccupata, questi poltronari appena cambia il vento la mollano.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 13/07/2018 - 18:39

Ehm....cioè... in realtà si...vabbè...insomma ci siamo capiti, quando parlavamo del vincolo di mandato si schervaza.

ciruzzu

Ven, 13/07/2018 - 18:51

A forza italia restera' un drappello di irriducibili ,si sta svuotando giorno per giorno e Berlusconi si dimostra come Bossi e Fini, ha trovato l' acqua nel deserto e l' ha rovesciata.

diesonne

Ven, 13/07/2018 - 19:24

diesonne i politici i ogni casacca sono come i giocatori di calcio:passano da una società all'altra senza problemi,a condizione che l'ingaggio sia migliore-così fan tutti

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 13/07/2018 - 19:27

Dicesi voltagabbana, che non hanno problenmi a "voltare" due volte...

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Ven, 13/07/2018 - 19:37

E chiaro, alle prossime Europee, Forza Italia farà comunella coi residuati PD e la Lega un nuovo CDX con Giorgia M. Il M5S "ago della bilancia" solo se resterà ancora qualcosa da "pesare".- Niente sarà più come prima ( e detto internos, la "portavoce" Gelmini, è inadatta a mantenere i consensi a FI, figurarsi aumentarli: sembra più la maestra di un collegio di educande inglesi che una donna col carattere da "combattente" Italiana. Si lagna troppo...e quella certa puzzetta sotto il naso, da "nobildonna", non riesce proprio a nasconderla. Sostituitela, pare di plastica, come la Bernini.

Divoll

Ven, 13/07/2018 - 20:06

Forse un futuro governo che veda Salvini premier e la Meloni in qualche altra importante carica potrebbe finalmente salvare l'Italia. Un po' di buonsenso in un mare di follia (durata anche troppo).

Michele Calò

Ven, 13/07/2018 - 20:06

Al di la' delle solite sentenze dei tuttologi un tanto al chilo, e pure considerando i notevoli limiti di una gestione settaria e troppo romana di FdI, molta parte dell'area di Destra riconosce a Giorgia Meloni una apprezzabile coerenza sui Valori di Patria, Famiglia e di Identita' Sovranista molto piu' datata rispetto alla recente svolta leghista, specialmente a livello nazionale. Senza abbandonarsi a facili quanto inutili entusiasmi sta lentamente riprendendo vita quella Destra meno centrista che nulla ha a che vedere con finto liberalismo in salsa arcoriana e masson-PPE. Una Destra che appare molto piu' nazionalista ed europea di quanto la Lega di Salvini riesce a declinare. Bene cosi'.

Gianni11

Ven, 13/07/2018 - 20:32

Brava la Meloni! Lei e Salvini sono i campioni dell'Italia e del popolo italiano.

g.l

Ven, 13/07/2018 - 20:37

Passano con la Meloni per poi andare nella lega.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Ven, 13/07/2018 - 23:23

Finche` i partiti di Destra fanno "campagna acquisti" a me va benissimo, perche` vuol dire che i "topastri furboni" cercano di salire a bordo di una nave pensando che fara` un lungo viaggio, scappando invece da quella in procinto di affondare, niente di strano. Resta la bella cosa di fondo, e cioe` che ormai molti ora danno la Destra VINCENTE nonostante SINISTRA, MAGISTRATURA, EUROPA E POTERI FORTI SI IMPEGNINO AL MASSIMO PER METTERLE I BASTONI FRA LE RUOTE.

asalvadore@gmail.com

Ven, 13/07/2018 - 23:41

Su piu di 5000 comuni cosa sono 200 se non una cacchetta di mosca. Meloni piantala che non rappresenti che te stessa. Ma dai non siete una cosa seria.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 14/07/2018 - 00:41

Sentire i sinistri che parlano dei voltagabbana c'è da scoppiare da ridere. Sono così faziosi che sono senza vergogna. Eppure siete maestri nel recuperare rinnegati, di nomi ne avete presi a iosa, sempre impunemente.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 14/07/2018 - 08:41

Senza dimenticare le oltre 500 «transumanze» che vi sono state nell'ultimo governo/parlamento, record dei record. Antico vizio italico a 360° che avrà fatto piacere a qualcuino ad altri meno. A me da un gran fastidio.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 14/07/2018 - 08:41

Senza dimenticare le oltre 500 «transumanze» che vi sono state nell'ultimo governo/parlamento, record dei record. Antico vizio italico a 360° che avrà fatto piacere a qualcuno ad altri meno. A me da un gran fastidio.

Maver

Sab, 14/07/2018 - 10:17

FdI si tenga pronta, l'idillio matrimoniale Giallo-Verde volge al termine.