Fine delle larghe intese: saltano i presidenti di commissione di Forza Italia

Il Partito Democratico fa saltare i presidenti delle commissioni parlamentari di Forza Italia e del M5s

Il Pd fa saltare tutti i presidenti delle commissioni parlamentari di Forza Italia. La fine delle larghe intese passa anche attraverso il rinnovo della guida delle 14 commissioni della Camera, rinnovo che arriva sempre a metà della legislatura. Le previsioni della vigilia delle votazioni sono tutte confermate e sanciscono la scelta del Partito Democratico di far fuori Forza Italia.

Ma la maggioranza si blinda anche "facendo fuori" i vicepresidenti targati Movimento 5 Stelle con una sola eccezione, quella di Alfonso Bonafede, l’unico riconfermato nel ruolo di vicepresidente della commissione Giustizia di Montecitorio. Non sono stati eletti, invece, tutti gli altri vicepresidenti a 5 stelle: Alessandro Di Battista agli Esteri, Carla Ruocco alle Finanze, Giorgio Sorial al Bilancio, Danilo Toninelli agli Affari Costituzionali, Davide Crippa alle Attività produttive. Confermati, invece, gli ex M5s come Massimo Artini, Walter Rizzetto e Adriano Zaccagnini.

I nuovi presidenti delle commissioni della Camera sono il capogruppo di Scelta Civica, Andrea Mazziotti di Celso, sostituisce l’azzurro Francesco Sisto alla guida della commissione Affari Costituzionali. Sostituito anche Elio Vito (FI) da presidente della commissione Difesa dal deputato Pd, Francesco Saverio Garofani. Alla commissione Finanze, il presidente di Forza Italia (almeno in origine, perchè ormai fittiano) Daniele Capezzone è stato sostituito da Maurizio Bernardo, deputato di Ap. La Dem Flavia Piccoli Nardelli, già vicepresidente della commissione Cultura, subentra come presidente al posto di Giancarlo Galan.

Alla guida della commissione Affari Sociali, invece, è stato eletto Mauro Marazziti deputato "Per l’Italia-Centro Democratico" che sostituisce Pierpaolo Vargiu (Scelta Civica). Confermati poi tutti gli altri presidenti: Donatella Ferranti (Pd) alla Giustizia; Francesco Boccia (Pd) al Bilancio; Fabrizio Cicchitto (Ap) agli Esteri; Ermete Realacci (Pd) all’Ambiente; Cesare Damiano (Pd) al Lavoro; Luca Sani (Pd) all’Agricoltura; Guglielmo Epifani (Pd) alle Attività produttive; Michele Meta ai Trasporti e Michele Bordo (Pd) alle Politiche Europee.

Commenti

Rossana Rossi

Mar, 21/07/2015 - 16:02

la dittatura abusiva e invadente si sta piano piano completando........

amedeov

Mar, 21/07/2015 - 16:10

Se questa non è dittatura democraticizzata, allora io sono babbo natale

epc

Mar, 21/07/2015 - 16:41

Si chiama "spoil system". E' quello che mi auguro applicherà la Lega, che vincerà a man bassa le prossime elezioni...

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 21/07/2015 - 16:43

Ma pensa che strano! E chi poteva mai immaginare una cosa simile da dei sinceri democratici come loro?

rosa52

Mar, 21/07/2015 - 16:43

c' e' un proverbio che dice:chi troppo vuole nulla stringe!

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 21/07/2015 - 16:47

W la scadentissima dittatura del proletariato di marca PD!

linoalo1

Mar, 21/07/2015 - 16:58

Ma chi ha mai creduto alle Larghe Intese????E' stato il Cavallo di Txxxa dei Comunisti,per conquistare l'Italia!!!!Alcuni Ingenui,tipo Berlusconi e Forza Italia,ci hanno creduto!!E cosa è successo??E' sotto gli occhi di tutti!!!!

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Mar, 21/07/2015 - 16:59

Bravo Renzi, continua così! Ora butta fuori dal parlamento i parlamentari dell'opposizione e sostituiscili con i tuoi. Tanto il tuo partito si chiama "democratico" e questo basta a garantirci.

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Mar, 21/07/2015 - 17:18

Quanto tempo ancora saremo liberi di esprimere il nostro pensiero ?

Ritratto di ohm

ohm

Mar, 21/07/2015 - 17:23

Strano, molto strano.....la fine delle democrazia l'inizio della dittatur , o no? Spiegatemi quale differenza c'è , grazie!

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 21/07/2015 - 17:33

Per Capezzone non me ne dispiace per niente. Di VOLTAGABBANA come lui ce ne sono pochi. Saludos dal Leghista Monzese in Nicaragua.

unosolo

Mar, 21/07/2015 - 17:37

siamo veramente in dittatura sarà il caso di uscire tutti dalle due camere e da tutte le commissioni , non esiste dialogo , neanche prima , ma con questa conferma di tutte le presidenze è ora di staccare la spina , spreco di soldi e tempo meglio provocare subito elezioni.

unosolo

Mar, 21/07/2015 - 17:39

se una mossa del genere fosse stata fatta nei governi Berlusconi ci sarebbe stata una guerra civile nel vero senso della parola , mentre oggi tutti i parlamentari tacciono ?

kallen1

Mar, 21/07/2015 - 17:40

Tutto è cominciato qualche anno fa con Napolitano (il peggior presidente della Repubblica che l'Italia abbia mai avuto) e quasi nessuno ci ha fatto molto caso.....

montenotte

Mar, 21/07/2015 - 18:07

Stanno facendo dell'Italia la Bulgaria dell'Europa e il Centro Destra non ha un sussulto, un alito di vento. Sono già in vacanza a 15 mila € al mese. E dei propri elettori: ma chi se ne frega.

Blueray

Mar, 21/07/2015 - 18:43

Fate, fate pure, tanto resterete col cerino in mano a breve!

Ritratto di iovotosalvini

iovotosalvini

Mar, 21/07/2015 - 19:02

Fino a quando ci sarà Renzi al governo saremo in una morsa di ricatti. Andiamo a votare nessuno li ha mai voluti e nessuno li vuole. Avete messo le pedine in ordine cosi che vi ritrovate nei tribunali, nelle coop rosse, nelle scuole...nelle presidenze di stato...? quando toccherà alla LEGA cambierete cognome!!!

sailor61

Mar, 21/07/2015 - 19:09

quando furono vinte le elezioni dalla destra urlarono al colpo di stato e pretesero I presidenti di commissioni, la presidenza del senato perchè ci volevano I contrappesi istituzionali... ora invece tutto passato la torta non si divide e si mangi atuttoPUR NON AVENDO PASSATO NESSUN ESAME DEL POPOLO!! Presidente della Repubblica ci sei o stai dormendo?

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Mar, 21/07/2015 - 19:26

Benissimo. Certi personaggi erano lì solo perchè cani da guardia dell'evasore n. 1 in Italia.

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 21/07/2015 - 20:27

oramai siamo al tentativo di promuovere una vera e propria dittatura: è una vera e propria vergogna!