Finmeccanica, Orsi e Spagnolini assolti dall'accusa di corruzione internazionale

Per i giudici non ci sono prove di corruzione internazionale. I due sono stati invece condannati (con pena sospesa) a due anni per false fatturazioni

Tanto rumore nulla. L'ex presidente e amministratore delegato di Finmeccanica, Giuseppe Orsi, e l’ex Ad di Agusta Westland, sono stati assolti dall'accusa di corruzione internazionale in merito a presunte tangenti per l'aggiudicazione di una commessa per la fornitura 12 elicotteri al governo indiano. I due sono stati invece condannati dal tribunale di Busto Arsizio a due anni (con pena sospesa) per false fatturazioni (relativa al 2009 e al 2010). La procura, con il pm Eugenio Fusco, aveva chiesto per Orsi, ex presidente e ad di Finmeccanica ed ex ad di Agusta Westland, una condanna a sei anni di reclusione e per Spagnolini, successore di Orsi alla guida di Aw, a cinque anni.

"Non mi aspettavo niente di diverso, perché non ho commesso il fatto. Finisce un incubo. È vero che i magistrati si dovrebbero occupare dei reati e non delle loro conseguenze, ma in alcuni casi i pm ci dovrebbero pensare un attimo", ha affermato l’ex presidente di Finmeccanica, Giuseppe Orsi, in aula a Busto Arsizio (Varese) dopo la sua assoluzione dall’accusa di corruzione internazionale per le presunte tangenti pagate per la vendita di elicotteri Agusta Westland all’India. Arrestato nel febbraio 2013, Orsi ha trascorso un’ottantina di giorni in carcere. Spagnolini era finito invece ai domiciliari. "Le vittime di questa vicenda siamo io e la mia famiglia - si è sfogato Orsi al termine dell’udienza - ma ha preso uno schiaffo anche Agusta, perché la concorrenza ci ha marciato".

"La tesi accusatoria è crollata di fronte alla mancanza di elementi idonei a rappresentare fatti di corruzione. Abbiamo sempre saputo che non c’era corruzione. Lo schiaffo oltre a me e alla mia famiglia lo ha preso anche Agusta e non se lo meritava. Adesso Agusta può tornare nel mondo e dire che i nostri manager non hanno compiuto nulla di illecito. È stata una decisione molto equilibrata che ha evidenziato l’assoluta mancanza di prove di corruzione internazionale. Il risultato è di grande rilievo, finalmente un giudice mette fine a questa vicenda dolorosa. Non ci sono prove di pagamento al maresciallo indiano (Sasha Tiagy, ndr.), non c’è prova di un atto che sia stato capace di interferire sulla gara da parte del maresciallo, non ci sono iniziative importanti per far sì che si interferisca nell’assegnazione della gara", ha spiegato il difensore di Giuseppe Orsi, l’avvocato Ennio Amodio. Che poi ha aggiunto: "Per quanto riguarda la condanna a due anni per false fatturazioni, Amodio ha detto che i giudici hanno ridotto l’arco penale, una parte di quelle fatture è legata a operazioni inesistenti. Riteniamo che possa cadere in appello".

Commenti
Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Gio, 09/10/2014 - 13:41

Negli altri stati industrializzati chi procura commesse( in qualsiasi modo) viene premiato, in Italia ... condannato da certi giudici che sembra non abbiano nient'altro da fare che fare le pulci a dirigenti che cercano di dare lavoro!

maleo

Gio, 09/10/2014 - 14:01

Ma bene!che bravi i nostri giudici!Intanto i Francesi si sono pappati la commessa e non certamente gratis!e poi,lo sanno anche i sassi che se non si unge non si ottiene nulla,soprattutto in certi paesi,ma da noi la Magistratura è giustiziera e politici poveri pirla incompetenti e iposcriti.Del resto a cosa serve Finmeccanica?meglio chiudere anche questo filone e andare tutti a fanc.......Non vorrete mica pensare di lasciare un po'di lavoro agli Italiani???Tutti in cassaintergrazione o disoccupazione,marsh!

moichiodi

Gio, 09/10/2014 - 14:16

xangelo poli. cioè secondo lei la corruzione è un valore?

Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Gio, 09/10/2014 - 14:16

caro angelo , non ti meravigliare , abbiamo magistrati talmente ignoranti da fare schifo . secondo loro una commessa si ottiene cantando fratelli d'italia . evidentemente non hanno mai lavorato e mai lavorano , tanto lo stipendio a fine mese lo prendono ugualmente .

gian carlo galli

Gio, 09/10/2014 - 14:18

LETTERA AI DIRIGENTI : RIFIUTATE LE OFFERTE DI LAVORO DA PARTE DELLO STATO ITALIANO ! LO STATO, PER LE SUE IMPRESE, NON HA BISOGNO DI MANAGERS CAPACI DI FARE GLI INTERESSI DEL PAESE, MA DI SUORE DI CARITA' CHE INVECE DI CONCORRERE PER 'GUADAGNARE' LAVORO, SIANO DISPONIBILI A DIVIDERE LE TORTE CON LE AZIENDE DEGLI STATI CONCORRENTI !!

moichiodi

Gio, 09/10/2014 - 14:24

tangenti pari a 51 milioni. e se solo 1 è tornato indietro nelle tasche dei corruttori? come si fa a teorizzare la corruzione! l'italia è già un disastro. ci manca solo di istituzionalizzare la corruzione. anche un imprenditore che corrompe un dirigente del comune di napoli, di milano o di bologna fa lavorare poi i suoi dipendenti. vent'anni di siffatti ragionamenti ci hanno fatto precipitare tra i paesi con la maggiore corruzione e con la maggiore evasione. e perseveriamo. nel nome di santo silvio, il predicatore di simili oscenità(incluso quello di essere tutti belli ricchi o sposare un suo figlio o una sua figlia per superare la miseria e non lavorare di buzzo buono come i nostri padri e i nostri nonni)

Ritratto di aldolibero

aldolibero

Gio, 09/10/2014 - 14:34

Lavoro, crescita,sviluppo,investmenti,competitivita'.Ci pigliano per il culo tutti i momenti. Mandare loro in galera no? Non potremo votare piu'x mandarli dove sappiamo.E' una puntata del film per affossare il paese in fretta.Grazie mille europa e abbronzato.

Mr Blonde

Gio, 09/10/2014 - 14:37

ANGELO POLI negli altri paesi chi fa fondi neri per pagare tangenti (e per arrotondamenti personali) si fa 20 anni di galera. A meno che per altri paesi non parla di burundi burkina faso ecc

claudio63

Gio, 09/10/2014 - 14:57

iO A PENSAR MALE FARO' PECCATO, ma vogliamo scommettere che adesso anche l'altro maro' torna a casa con una scusa qualsiasi? e nel frattempo il governo Indiano , CHE NON HA APERTO ALCUNA INDAGINE PER CORRUZIONE per i suoi dirigenti, aspetta che la finmeccanica riscarcisca ' congruamente' lo stesso governo per una commessa che ha rifiutato dopo averla sancita con contratti ufficialmente formalizzati... e la nostra magistratura si fa avanti con una bella crociata sulla moralizzazione globale. Non rerisco veramente a capire cosa frulla per la testa ai nostri magistrati.

Ritratto di pietrom

pietrom

Gio, 09/10/2014 - 15:17

Chi verra' messo in cassa integrazione o licenziato, invece di andare a protestare sotto l'azienda, vada a urlare sotto casa del pm Eugenio Fusco e dei giudici che hanno emesso questa sentenza! Devono essere ben chiare le responsabilita'.

Ritratto di pietrom

pietrom

Gio, 09/10/2014 - 15:23

@claudio63: "Non riesco veramente a capire cosa frulla per la testa ai nostri magistrati." - Da ex sessantottini sfascia vetrine, stanno cercando di far andare l'Italia nel club chiamato "terzo mondo". E ci stanno riuscendo.

gisto

Gio, 09/10/2014 - 15:34

Quando uno onesto ha a che fare con un disonesto,quello che ci rimette è l'onesto.Lapalissiano? Dal momento che gli Stati sono "TUTTI" disonesti,cosa ci va a fare l'Italia a contrattare in un mercato di farabutti? Non è pane per lei se si pone con queste virtù dove le regole del gioco sono diverse.Vogliamo andare a dire a Hollande,a Obama,Putin ecc. che non è questo un comportamento. Noi italiani siamo furbi solo a rubare una mela,ma poi moriamo di fame. Per quanto riguarda i Magistrati,lasciamo perdere...hanno perfino condannato chi non ha saputo prevedere i terremoti.(perchè non li mandiamo a vendere gli elicotteri che so io anche le barre di acciaio dell'ILVA,con la provvigione,a meno che non sembri un pizzo) Comunque ai cassaintegrati di Finmeccanica (in Internet si trova tutto) possiamo tranquilizzarli che lavorano in una azienda corretta.Se non avranno più lavoro,pazienza,è il destino.

magnum357

Gio, 09/10/2014 - 15:53

CHIEDANO IL RISARCIMENTO DEI DANNI E LA TESTA DEI GIUDICI !!

Giorgio1952

Gio, 09/10/2014 - 16:20

Un plauso a chi ha il coraggio di affrontare i processi, il 20/08/2014 su questa testata veniva invece scritto a proposito di Galan, in carcere da "malato e incensurato", anche se molte accuse erano cadute, preparava la sua battaglia mentre i suoi presunti corruttori erano in libertà. Chissà come mai ora patteggia e vuole pagare?

glasnost

Gio, 09/10/2014 - 16:51

Intanto la commessa indiana, mi sembra, è stata persa. E se è così qualche lavoratore di Finmeccanica andrà a spasso. Tutto questo perché i nostri magistrati sono irresponsabili di nome e di fatto!!!!

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 09/10/2014 - 17:27

E intanto le commesse sono andate a puttan....adesso sarebbe da stangare il magistrato che ha messo in piedi questa porcata.

Aristofane etneo

Gio, 09/10/2014 - 17:28

Spero solo che i nostri Magistrati, stipendiati con i soldi delle nostre tasse non siano usati, come lo è la Marina Militare Italiana, per distruggere quel che rimane dell'apparato industriale italiano a beneficio della concorrenza.

Ritratto di Fuchida

Fuchida

Gio, 09/10/2014 - 18:37

Ha fatto una requisitoria di 9 ore con il nulla in mano. Certa gente dovrebbe solo zappare la terra, invece di mandare in vacca le aziende. E come al solito non paga, ma ci rimettono persone e aziende.

Villanaccio

Gio, 09/10/2014 - 19:24

Orsi e Spagnolini assolti dall'accusa di corruzione internazionale... e intanto questi giudici del CEPU ci hanno svergognato davanti all'india e fatto perdere una bella commessa di elicotteri.....Chi paga ? La magistratura fa schifo, tutti a casa !

igiulp

Gio, 09/10/2014 - 19:48

Anche la storia dei 1O milioni che sarebbero andati alla Lega Nord, è finita con un bel nulla di fatto. E' stato veramente un capolavoro d'immaginazione quello messo in atto da PM in cerca d'autore e sui quali certa stampa ci ha marciato. Ridicoli.

claudio63

Gio, 09/10/2014 - 21:24

e' troopo semplicistico pensare che TUTTI i magistrati siano figli di un ideologia proveniente dal 68... qui gatta ci cova, comincio seriamnete a pensare che ci sia un disegno preciso per azzoppare uno dei colossi industriali che ha sempre dato molto fastidio ai paritetici francesi. la agusta westland, poi e' sempre stata sul gozzo ad aerospatiale... magari faccio solo della dietrologia e non ho le prove di quello che dico, ci mancherebbe, pero' un indagine piu' appropriata su COME e PERCHE certe indagini saltano fuori in certi momenti sarebbe magari anche opportuno.

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 10/10/2014 - 07:29

E ora, chi ripaga i danni che magistrati ignoranti hanno causato a Finmeccanica?

glasnost

Ven, 10/10/2014 - 08:22

I magistrati del nostro paese, salvaguardati dall'immunità, sui loro errori sono liberissimi di agire in base alle disposizioni che ricevono dall'america (ASPEN,Trilaterale e Bilderberg).

paco51

Ven, 10/10/2014 - 08:52

"A pensare amle si fa peccato, ma (spesso) ci si indovina" Giulio A. All'estero non vendi neanche un chiodo e non fai un buco manco nel giardino se non ti comporti secondo le regole "loci" ABOLIRE SUBITO L'OBBLIGATORIETA' DELL'AZIONE PENALE , CAMBIARE LA COSTITUZIONE! E' URGENTE! ALTRIMENTI SAREMO SEMPRE FUORI!

Rossana Rossi

Ven, 10/10/2014 - 09:25

I nostri furbi e impuniti magistrati sono come quel marito che se lo taglia per far dispetto alla moglie.........che pirla......

Boxster65

Ven, 10/10/2014 - 09:39

Mi permetto di segnalare che, a mio avviso, il Paese delle Banane è ormai giunto alla fine. La morale è totalmente defunta in Ita(g)lia. L'ex AD di Finmeccanica è entusuasta perchè nessuno è riuscito a trovare prove certe che sia stata commessa corruzione internazionale. Nulla dice sul fatto che Finmeccanica abbia commesso il reato di false fatturazioni (una quisquillia...). Siccome Orsi non ne fa menzione.... ci può spiegare per quale motivo una società quotata quale è Finmeccanica commette un reato atto a cumulare "fondi neri" all'estero?? Penso che gli azionisti di Finmeccanica abbiano titolo di avere precise risposte da questo manigoldo.

Aristofane etneo

Sab, 11/10/2014 - 12:20

Spesso mi chiedo perché solo in Italia (frescone d'un "Boxster65 Ven, 10/10/2014 - 09:39": ITALIA NON ITA(G)LIA") ci siano moralisti e Magistrati che volenti o nolenti fanno da spalla a quei marpioni concorrenti del nostro apparato industriale e, peggio, invidiosi ndei nostri successi in campo internazionale? L'affair delle mine antiuomo che l'Italia costruiva meglio degli altri e che i concorrenti francesi hanno denunciato come azione immorale adesso le compriamo dagli altri; lo stesso per la produzione dell'energia atomica che non abbiamo più, che compriamo dai nostri vicini, amici ed alleati, regalando loro anche i tecnici nucleari tra i più preparati della Terra; e l'ILVA, e ... vaffan... a quanti stanno saccheggiando la nostra identità, la nostra cultura e il nostro apparato industriale e a quanti storpiano il bel nome della mia Patria "sì bella e perduta"!