Fitto rientra nei ranghi: appello all'unità in Puglia

L'ex governatore cerca una tregua dell'ultimo minuto, ma Berlusconi avverte: Poli Bortone rimane la nostra candidata. Bocciato il ricorso dei ribelli sul simbolo di Fi

«Ne abbiamo lette di “gufate” in questi giorni» racconta uno dei 18 firmatari della lettera che chiedeva di continuare la collaborazione con Matteo Renzi sulle riforme. «In molti ci hanno identificato come i vessilliferi del soccorso azzurro. Ma un conto è dire: teniamo aperto un dibattito; altra cosa è staccarci dal partito. La lealtà non è mai venuta meno e questo vale per l'80-90% dei firmatari. Lo stesso Verdini non ci ha mai chiesto di votare diversamente dalle indicazioni del partito, tanto più che già in passato avevamo espresso perplessità sui contenuti dell'Italicum».

Nelle stesse ore in cui il gruppo alla Camera resiste alle sirene renziane, dalla Puglia arriva un segnale inatteso: un appello lanciato da Raffaele Fitto ad abbassare le armi e unire le forze. Una retromarcia accompagnata da una postilla: «Tutti siano pronti a rinunciare a qualcosa con senso di responsabilità». Passano poche ore e il Tribunale di Roma dichiara inammissibile il ricorso presentato dal senatore Vincenzo D'Anna, fittiano, contro la legittimità della nomina e del ruolo ricoperto nel partito dalla senatrice Mariarosaria Rossi (che ieri ha presieduto un ufficio di presidenza al quale non è intervenuto Berlusconi) e sulla titolarità del simbolo. Una decisione che spazza via l'incognita sulla presentazione delle liste e spegne le speranze dei fittiani di poter fare proprio il simbolo di Fi in Puglia. Un punto importante a favore del partito di Piazza San Lorenzo in Lucina nelle querelle interna, tanto che la decisione viene accolta con giubilo nelle stanze del partito azzurro.

Resta da vedere se la sortita pro-unità di Fitto potrà portare a risultati concreti. Molti dentro Forza Italia la leggono come un ballon d'essai , una mossa di marketing per non apparire come quello che rema contro la ricomposizione del centrodestra. Indubbiamente il comunicato di martedì sera di Fitto ha colto di sorpresa Forza Italia. Inizialmente i massimi dirigenti locali - Francesco Paolo Sisto e Luigi Vitali in quel momento erano alle prese con la chiusura delle liste e avevano appena dato il via libera ai candidati pugliesi per la stampa dei manifesti elettorali - liquidano la mossa come pura azione di disturbo. Poi dopo un colloquio telefonico con Berlusconi - in cui l'ex premier ribadisce che l'alleanza con la Lega non si tocca - decidono di tenere aperta la porta e andare a vedere le carte fittiane. L'idea di Fitto - che prima del comunicato ha parlato con Giorgia Meloni - sarebbe quella di non riaprire la questione liste: Forza Italia si fa le sue, Fitto procede con la sua civica «Oltre» con i candidati politici al suo interno. I nodi vengono sul candidato presidente. Ufficialmente i fittiani vorrebbero procedere con Francesco Schittulli. Condizione assolutamente inaccettabile per Forza Italia, come chiarisce il segretario pugliese, Luigi Vitali, dopo aver incontrato il presidente del partito ad Arcore. «Berlusconi conferma che la candidata di Forza Italia è Adriana Poli Bortone. In ogni caso dopodomani si consegnano le liste». Un nodo su cui cercano di ragionare i segretari regionali dei vari partiti del centrodestra in una riunione serale a Bari. Ma anche l'ufficio di presidenza di Forza Italia in serata ratifica la scelta della Poli Bortone, chiudendo ogni spiraglio in merito a un possibile cambio di candidato.

L'unica soluzione potrebbe essere il ticket Poli Bortone-Schittulli (in questo ordine), soluzione a cui Forza Italia direbbe di sì. Pare che la mossa di Fitto - che ha escluso una sua discesa in campo perché «non ci sono le condizioni» - sia dovuta ai dubbi che circolano nel suo gruppo in merito al divorzio politico da Berlusconi. Il distacco dalla casa madre non è ben visto da molte «colombe». Inoltre c'è anche chi sostiene che il proliferare delle liste del centrodestra in Puglia insieme al fattore preferenze potrebbe riaprire una partita data già per persa, visto che il distacco da Michele Emiliano è ampio ma non abissale. Inoltre nel contatto con il territorio i fittiani (così come i forzisti) si stanno rendendo conto che lo sdoppiamento del candidato è penalizzante. Una somma di incognite che ha convinto Fitto a tirare il freno a mano e a ricercare una difficile pace dell'ultimo minuto.

Commenti
Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 30/04/2015 - 08:23

uomini, ominicchi e quaquaraqua

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 30/04/2015 - 09:23

Fitto, una cosa giusta stavi facendo, ma sul più bello hai mollato...

apostata

Gio, 30/04/2015 - 09:52

Fitto non può essere perdonato deve essere espulso, ha fatto la grazia di mostrare nuovamente la sua vera indole, non si possono fare gli stessi errori commessi con fini, casini, ecc. Per quello che posso osservare molti dei sostenitori del centrodestra sono perplessi, non accettano la rottura del patto del nazzareno, la sconfessione di quanto costruito per rendere il paese governabile con un vincitore certo alle elezioni senza dover subire il ricatto dei cespugli. Occorre che berlusconi prenda decisioni coerenti per riguadagnare la sintonia col suo elettorato, corregga gli orientamenti e i toni di brunetta e dia un segnale forte della sua leadership contro persone come fitto sempre in attesa di tradire per incerti vantaggi personali.

demoral

Gio, 30/04/2015 - 10:46

Chicchiricchì..........il galletto s'è reso conto d'essere senza cresta.

Ritratto di Civis

Civis

Gio, 30/04/2015 - 11:30

Mai sentita una proposta da Fitto sui temi più caldi: disoccupazione e sviluppo, povertà e casa, reddito minimo a tutti che comporti lavoro per la Comunità, blocco dell'immigrazione clandestina e corridoi umanitari europei, scuola e lavoro. Forse il ragazzo le idee le ha, ma non sa comunicare? Ma allora, che politico è?

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Gio, 30/04/2015 - 12:11

Purtroppo Fitto non ha le palle per andare... foura di ball!

VittorioMar

Gio, 30/04/2015 - 12:53

Il danno fatto è irreparabile e ancora molto confuso.Magari dopo le elezioni regionali ci potrebbe essere più chiarezza!!

Ritratto di Mike0

Mike0

Gio, 30/04/2015 - 13:02

Fini, Casini, Alfano, Bondi....il nulla! Non se ne può più di traditori che con i voti del Popolo delle Libertà o Forza Italia poi "emigrano" illegittimamente in altre sponde. Se non vi sta bene il ruolo che avete assunto da chi vi ha votato, l'unica alternativa onesta è di andare a casa!!!! Non in schieramenti diversi!!!! Fitto, vai a casa!!!! (Almeno per un quinquennio).

puntoebasta

Gio, 30/04/2015 - 13:15

Smettiamola !Con le liti e le divisioni non si va da nessuna parte.Fitto è tra i migliori di F.I. ed è anche leale con Berlusconi a differenza dei lecchini che poi gli hanno girato le spalle.La lealtà è una virtù. L'umiltà di ritornare sui propri passi è una virtù.Dobbiamo essere pragmatici non tifosi viscerali.Per il bene di tutti, dell'Italia e del cdx.

Ritratto di drazen

drazen

Gio, 30/04/2015 - 13:32

Pagliaccio!

angelomaria

Gio, 30/04/2015 - 13:34

quando si vuole tutto!!!buongiorno e buontutto a voi cari lettori e direzione!

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 30/04/2015 - 13:45

Gli italiani sono sempre pronti a salire sul carro del vincitore. Adesso, che per SILVIO BERLUSCONI IL FEDERATORE si prospetta una strepitosa vittoria alle regionali (il 6 a 1 è in tasca, e, forse, forse, anche in Toscana.....), i Fitto (ma ce ne saranno molti altri) corrono in soccorso del vincitore. Moralmente non è bella cosa, ma alle prossime elezioni quello che conta è vincere con largo margine per mandare a casa renzi. E allora: ben tornato a casa Fitto!