Forza Italia calamita per il M5s: "Altri in fuga come Dall'Osso"

Carfagna rivela: "Non facciamo scouting ma per molti pentastellati quel movimento è diventato una gabbia"

«Per molti ragazzi appassionati M5s è diventato una gabbia, una prigione e come conseguenza guardano alle nostre battaglie per la libertà e contro le discriminazioni con interesse». L'impegno di Mara Carfagna, Forza Italia, in difesa dei diritti dei più deboli è stato uno dei motivi che hanno spinto Matteo Dall'Osso a lasciare il Movimento e abbracciare Forza Italia, nella convinzione che nella casa azzurra troverà più ascolto sul fronte della tutela dei disabili. E la Carfagna conferma che il malessere tra i Cinquestelle sta montando.

«Sia chiaro che noi non facciamo scouting - dice il vicepresidente di Montecitorio - ma siamo uno spazio politico aperto per chi può condividere le nostre battaglie. Non ci facciamo carico di scontenti in cerca di un approdo sicuro per il futuro ma le nostre porte sono aperte a chi coltiva i nostri stessi valori per avviare progetti condivisi».

Il caso Dall'Osso è emblematico in questo senso. La Carfagna racconta di essere stata molto colpita dal suo intervento in Commissione per sostenere gli emendamenti che puntavano a potenziare il fondo per l'accessibilità e quello per il diritto al lavoro dei disabili. «Il suo appello accorato mi ha colpito. Quando l'ho incontrato mi ha spiegato di aver apprezzato il mio lavoro alle Pari Opportunità e poi l'incontro con il presidente Silvio Berlusconi è stato determinante - racconta ancora la Carfagna -. In Forza Italia possono trovare una casa i tanti ragazzi in gamba appassionati e sinceri che sono a disagio nei Cinquestelle dove non ci sono soltanto la Castelli e Di Maio». Tutte le battaglie per l'uguaglianza e contro la discriminazione sono state lasciate indietro dai pentastellati, osserva la Carfagna, «non siamo qui a caccia di persone in certa di un posto comodo ma siamo aperti a chi non ha paura di mettersi in gioco perché in Fi può trovare spazio per le sue battaglie».

Quello dei Cinquestelle è un mondo ampio e complesso dove ci sono tanti «sicuramente più vicini alla sinistra» ma pure, ribadisce l'ex ministro alle Pari Opportunità, «tanti che si sentono vicini a un mondo moderato e liberale ed è interessante che guardino a noi».

Nel mirino delle critiche dell'opposizione ma anche di chi pur essendo dentro il Movimento non ci si riconosce più, le scelte del governo gialloverde. «Io mi chiedo come si sentano le donne e gli uomini di M5s che sono entrati in politica con la promessa di non lasciare indietro i più deboli di fronte alla bocciatura del mio emendamento a favore degli orfani di femminicidio - dice la Carfagna - Un fondo di 10 milioni di euro per sostenere gli affidatari degli orfani, ovvero bambini e adolescenti traumatizzati che hanno visto il padre uccidere la madre e poi suicidarsi oppure finire in carcere. Occorre denaro per seguirli e assisterli in un percorso di recupero. Ma Lega e Cinquestelle hanno votato no. Mi domando quanti fra i deputati M5s si siano sentiti a proprio agio nel votare no».

In manovra ad esempio non c'è niente neppure per incentivare l' occupazione femminile eppure se soltanto una donna su due lavora la questione non può essere ignorata. «Più donne che lavorano significa crescita del Pil ma anche più equità», insiste il vicepresidente della Camera.

E la Carfagna non può fare a meno di chiedersi come sia possibile «trovare 70 milioni di euro per detassare le sigarette elettroniche, 14 milioni per il taglio delle accise sulla birra e non 10 milioni per sostenere la disabilità o gli orfani di femminicidio».

Commenti
Ritratto di ...kuFu'

...kuFu'

Dom, 09/12/2018 - 09:13

TRAGI TAGLIA calamita? più che calamita una DISCARICA

Ritratto di gianluca61

gianluca61

Dom, 09/12/2018 - 09:31

Che i 5stelline fosssero una accozzaglia di teste vanesie dedite all'empirismo assoluto lo si nota ogni giorno di più. Ma che dal Partito degli Errori si voglia trovare rifugio nel Partito del Nulla Assoluto è prorpio tutta da ridere. Eredi di Silvio, sveglia.. è finita..tutti insieme non valete una mezza unghia di Silvio, e la mezza unghia di Silvio ha fatto la sua storia. Non facciamoci altro male con altri anni persi a rincorrere farfalle

peter46

Dom, 09/12/2018 - 09:35

Oh! ca...volo,ma gli avete anche promesso che li avreste mandati a seguire i corsi scolastici serali dopo aver detto per mesi che erano tutti analfabeti ed incompetenti?E gli avete anche promesso 'introiti' e commercialisti giacchè non sono competenti a compilare 740 non avendo mai lavorato in vita loro?Occhio comunque a non 'lavitolalizzarli' che i 'marescià' son sempre in ascolto e non si può aggiungere processo a processo con i precedenti ancora da 'concludere'.E complimenti x st'incarico alla Mara :la 'carne e debole' e chi può resistere,però... non lasciate la Giammanco fuori da st'incarico che sicuramente sarebbe 'convincente' alla pari della Carfagna.

kobler

Dom, 09/12/2018 - 10:31

Non possono dirsi pentastellati e poi scappare proprio in FI! Quelli sono infiltrati messi nel m5s per boicottare e spiare!!! E ce ne sono altri messi là da altre forze per lo stesso motivo...

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 09/12/2018 - 11:34

Il grande entusiasmo elettorale è stato dato tutto a Silvio il Grande. Come pure il più velenoso odio della vile invidiosa canaglia togata e politica. Al confronto, gli amorazzi degli ultimi anni sono sporcaccionate che non figliano. Presto il grande elettorato si accorgerà dello smarrimento che lo ha pervaso e si ricrederà sugli errori commessi, consegnando le sorti del futuro nelle giuste mani dell'azzurrissimo centrodestra. Silvio non morirà mai, anche dopo morto. Se non ci sarà nessun'altro a farne la storia, ci penserò io, o qualcun'altro come me (ma non proprio bravo come me). 11,34 - 9.12.2018

Cheyenne

Dom, 09/12/2018 - 11:36

I GRULLONI PENO GRILLI CERCANO DI CONVERBARE LO SCRANNO

maurizio-macold

Dom, 09/12/2018 - 12:17

Se fossi il segretario di FI mi guarderei bene dall'ospitare profughi del M5S.

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 09/12/2018 - 13:17

Fino a prova contraria è la Lega la calamita per FI e il M5s. FI è semmai una calamità non una calamita.

ex d.c.

Dom, 09/12/2018 - 15:48

Come può un grillino rivoluzionario convertirsi alla moderazione,alle regole,alla democrazia vera

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 09/12/2018 - 17:05

Bella idea, complimenti! Così otterrete l'unico di far radicalizzare i grillini, spostandoli ulteriormente a sinistra. Senza bilanciamenti interni, torneranno in auge i vari fico, toninelli e dibba e sarà silurato Di Maio, l'unico con cui si ragiona. Bella festa, veramente! La conseguenza più probabile sarà un nuovo asse, non più con la Lega, ma col pd e i vari gruppuscoli di sinistra. radicali e verdastri, per formare un governo tutto di sinistra, che sicuramente avrà la paterna benedizione dell'uomo del colle, ben contento di non andare a nuove elezioni.

CALISESI MAURO

Dom, 09/12/2018 - 17:22

Poveretti se cosi fosse da un mo vi mento ad un titanic con al timone non schettino, ma tajani:)) da scompisciarsi dal ridere. A purpetta do sta? Saranno colleghi di partito dopo!!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Dom, 09/12/2018 - 17:23

wilegio - 17:05 Temo anche io che finirà così.

sarth

Dom, 09/12/2018 - 17:35

No scusate, ma dopo tutto quello che hanno detto contro il M5S e i suoi appartenenti adesso inglobano alcuni di loro? Ma siamo proprio alle comiche... fa bene Salvini a non fidarsi di Berlusconi, uno che dal 2011 mette continuamente il piede in più scarpe pur di stare a galla.

Darbula

Dom, 09/12/2018 - 17:36

Se poi la si unge bene la calamita...

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 09/12/2018 - 20:44

@sarth: A me sembra che stia con due piedi in una sola scarpa.

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 09/12/2018 - 20:50

@wilegio: se i grillin i vanno ancora più a sinistra cadono nelle braccia del PD, nelle braccia di Renzi, Gentiluomo, Delirio, Martina.

mcm3

Lun, 10/12/2018 - 07:10

Hanno riaperto il mercato, riparte la compravendita, s8 questo non avete rivali