Forza Italia torna in pista: con la Lega, non succubi

Berlusconi convinto del ruolo decisivo del partito E progetta un rilancio di peso con le liste civiche

A Merano, dove Silvio Berlusconi si concede qualche giorno di riposo fino a domani, arrivano le frasi di Carlo Calenda che, lanciando il Fronte Repubblicano, parla di elettori di Forza Italia più vicini al Pd che alla Lega e a M5S e aggiunge che Fi «sta messa parecchio peggio del Pd». Il Cavaliere stima l'ex ministro dem, ma queste dichiarazioni non le apprezza. Non si capisce proprio, confida ai suoi, cosa sarà il Pd.

Quelle di Calenda sembrano al leader azzurro provocazioni, forzature. Il suo partito, ragiona, è forza determinante nel centrodestra unito e vincente, l'hanno confermato le amministrative, mentre i dem sono gli sconfitti. «Calenda sbaglia diagnosi- commenta il deputato azzurro Luca Squeri-: Fi è parte integrante della coalizione che ha vinto il 4 marzo e che continua a vincere negli enti locali, attirando consenso e fiducia degli elettori».

Berlusconi sa che il rilancio e la riorganizzazione del partito non si possono più rinviare e se Calenda parla di andare «oltre» il Pd, lui ha già indicato un «oltre» Fi nella forza dispersa e frantumata delle liste civiche, che tanto hanno pesato alle amministrative per l'affermazione della coalizione. Sa anche, il Cav, che nella base c'è un grande dibattito sulle prospettive future e malumori che vanno affrontati. Subito dopo i ballottaggi, ha dedicato un altolà a Giovanni Toti, che cerca riconoscimenti personali, chiede maggiore collegialità e insiste sul partito unico. E il presidente della Regione Liguria corregge un po' il tiro. «Nessuno ha mai messo in discussione, tanto meno io, il ruolo del fondatore Berlusconi, ma questo non vuole dire non mettere in discussione il ruolo di tutti noi. Tanti sono intervenuti, da Gelmini a Carfagna a Tajani, e mi auguro che questo dibattito costruttivo possa continuare nelle sedi appropriate e attraverso gli strumenti del consenso che vigono in tutte le democrazie e all'interno del nostro partito. Per competere con la Lega, con gli amici della coalizione, senza esserne succubi».

Non farsi dettare la linea dal Carroccio al governo, ma fare opposizione con messaggi diversi e rimarcare la propria identità è la raccomandazione del presidente azzurro del Parlamento Europeo, Antonio Tajani. L'ha detto agli azzurri alla Camera, l'ha ripetuto alla Festa dell'Avvenire a Matera. Fa appello all'unità del centrodestra, ma cita il successo di Viterbo, unico capoluogo del Lazio al voto, dove ha vinto il candidato di Fi, sostenuto da tutta la coalizione, Giovanni Arena. «Senza Fi - assicura- il centrodestra non vince. Dobbiamo lavorare uniti e con il rinnovamento di Berlusconi Fi sarà competitiva».

A Montecitorio gli azzurri presentano la proposta di legge per e un ministero del Made in Italy. «Crediamo nel brand Italia,che vogliamo far conoscere sempre di più nel mondo», spiega la prima firmataria Benedetta Fiorini. «Puntiamo sulle quattro A del Made in Italy: Abbigliamento, Arredo, Alimentari e Automazione», dice il portavoce azzurro Giorgio Mulè. E Catia Polidori, vicecapogruppo alla Camera, chiede al governo gialloverde di «sottoscrivere presto la proposta, per far ripartire il nostro Paese».

Commenti

rise

Mer, 27/06/2018 - 09:19

Berlusconi non vuol comprendere che FI era nata come movimento della classe media, che in ventiquattro anni l' economia e le classi sociali sono mutate, resta ancorato al pensiero del "mattone che fa muovere l economia". L' Italia "era" un paese di produzione beni da materie prime importate e successivamente di terziario...non resta quasi nulla, solo trattorie e paninoteche con ambizioni di cucine da chef! Per il resto traffici e soldi di rendita delle classi alte.

mcm3

Mer, 27/06/2018 - 09:23

Come si fa a parlare di ruolo decisivo di un partito che non arriva al 10% dei consensi, ma M5S e Lega che dovrebbero dire ?? Anche il PD di oggi, ha un peso notevolmente superiore

cangurino

Mer, 27/06/2018 - 09:51

Calenda, 5 minuti dopo l'iscrizione al PD, ha incominciato a dettare la linea politica del partito, senza aver mai fatto una campagna elettorale ed essersi sporcato la mani nella raccolta dei consensi popolari. Tipico rappresentante dei leaders del PD. Quando però dice che FI ha fatto peggio del PD, ritengo faccia riferimento alla debacle elettorale in termini di perdita di consensi sia in percentuale che in valore assoluto, che è un dato oggettivo. E' vero, il PD ha perso poco più di metà dei consensi in 3 anni, dal 41 al 18% (-21% di elettori sono circa 9 milioni), ma FI è passata dal 37% all'8% (-29% sono 13 milioni circa). Purtroppo né in FI né nel PD ho sentito analisi realistiche sul motivo del tracollo, quindi oltre ad un grigio presente, vedo un nero futuro.

abocca55

Mer, 27/06/2018 - 09:53

Torna in pista perdendo consensi? Ora è all'8%, al 7% andranno via tutti. Rimarranno solo Brunetta, Romani, Gelmini, e pochi altri. Siamo in una nuova era. e il Cavaliere è tra i pochi che non se ne è accorto.

abocca55

Mer, 27/06/2018 - 09:55

Salvini, Di Maio e il PD, vareranno una nuova legge elettorale con quorum al 10%, e FI sarà solo un debole ricordo.

peter46

Mer, 27/06/2018 - 09:57

Un ministero del Made in Italy?Ma se non c'è angolo del mondo che non conosce sto Made in Italy di che ca...volo stanno a parlà?Il Made in Italy sono gl'Italiani nel Mondo,Papuasia compresa...non c'è continente che non ci vede 'presenti',imitati,copiati,plagiati ,parodiati(che è sempre made in italy),sput...... financo negli anni d'oro di 'competenza di lui' ma che pur sempre è 'made in italy' e ri-facciamo un ministero a 'scoppiazzo' dei 'ministeri regionali' che già si occupano della materia pur se 'sparpagliati e non vincoli'?Mulè...il nuovo che avanza.NB:4 A...l'unica A che serve proprio no,vero?

un_infiltrato

Mer, 27/06/2018 - 10:04

Beh... lassòm pèrder...

Ritratto di deep purple

deep purple

Mer, 27/06/2018 - 10:11

La gloria di Salvini finirà il giorno in cui la gente si inizierà a porre domande sul perchè è ancora senza lavoro, perchè ancora non arriva a fine mese, perchè ancora operano alla gamba sbagliata, perchè non ci sono ancora le infrastrutture, perchè le strade hanno ancora le buche ecc. Quella volta se mettono Cattaneo segretario, forza Italia ha una grossa opportunità.

un_infiltrato

Mer, 27/06/2018 - 10:11

Bernini, Gelmini e Carfagnini... sono ormai tre vetuste cariatidi che danno segni di evidente stanchezza. Non riescono più a reggere un architrave datato, anacronistico, fuori del tempo.

Ritratto di elio2

elio2

Mer, 27/06/2018 - 10:11

Ciò che Berlusconi non vuol capire, che la scarsa attenzione, (per essere buoni), dell'elettorato moderato, verso F.I. è il risultato delle sue inefficaci e per niente incisive prese di posizione verso l'immigrazione selvaggia, unite alla sua continua sudditanza a questa europa che oramai non ha più niente degli intenti dei padri fondatori, come se è ben visto e capito anche dal suo discorso a Sofia di un mese fa, e il suo occhiolino continuo al PD. Se non cambierà rotta e seguirà il volere della gente, la vera e unica democrazia popolare, che continua a chiamare populismo, il suo partito arriverà a numeri da prefisso telefonico, mentre la lega che lo ha già superato di almeno tre volte continuerà a veleggiare con il vento in poppa.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 27/06/2018 - 10:19

Berlusconi é in discesa, lo si é visto in occasione delle ultime elezioni, dove per altro ha sì incassato un 15% inferiore alle aspettativa, ma comunque da non sottovalutare. L'ho votato in passato, ma ultimamente ho votato Meloni: pochi ma buoni. Devono continuare in tre, perché nessuno si monti la testa, come é accaduto in passato, quando si é cercato addirittura l'accordo con Renzi, motivo per cui ho preferito guardare verso Meloni: pochi, ma buoni e senza cattive tentazioni.

roberto zanella

Mer, 27/06/2018 - 10:25

FANTASY.....SE FI SONO I DISCORSI DI TAJANI , COMI E DEL PPE ....NON ANDRETE DA NESSUNA PARTE...VIVRETE FINO A QUANDO I SIMPATIZZANTI DI BERLUSCONI E NON DI FI , NON SI STUFERANNO ....NON CI SONO PIU' IDEE , SONO VECCHIE E STANTIE

tonipier

Mer, 27/06/2018 - 10:33

" SE IL PESCE PUZZA..BISOGNA INIZIARE A PULIRLO DALLA TESTA CON TANTA VOLONTA'" Bisogna intraprendere una strada nuova, con dei nuovi comunicatori, in ITALIA abbiamo giovani capaci di proseguire la strada fatta dal berlusconismo questo non è poco.... ma sicuro.

morello

Mer, 27/06/2018 - 10:36

Alleanza piu' stretta di F.I. con la Lega, addirittura c'è chi propone una fusione . Ma che " c'azzecca " un partito liberale e liberista con le proposte e le politiche di mussoliniana memoria di Salvini? Protezionismo ,sovranismo,schedature razziste,volontarietà dei vaccini ,libera circolazione della moneta ( bel contrasto al lavoro nero in netto contrasto con la flat tax ) etc Per citare le ultime perle di Salvini . Piuttosto aderisco al Manifesto Repubblicano di Calenda

emigrante

Mer, 27/06/2018 - 10:38

Più che istituire un ulteriore inutile carrozzone come il "ministero del Made in Italy" è indispensabile ricreare le condizioni perché il Made in Italy riconquisti i mercati esteri. Togliere le autolesionistiche "sanzioni" a Paesi che sono stati nostri Clienti, e che potrebbero tornare ad esserlo!

vottorio

Mer, 27/06/2018 - 10:55

"Ma 'ndo vai, se la banana non ce l'hai"?

peter46

Mer, 27/06/2018 - 11:05

Prima o poi si comprenderà che qualora ci fosse stata la 'possibilità' del cdx,cosiddetto certo,al governo,mai,'MAI','MAI-MAI' ci sarebbe stata 'Chiusura' dei porti alle ONG e fine di sbarchi a go-gò e 'ricatti' all'europa merkellian-macroniana.E chi di dovere si 'adoperi' di conseguenza a far finire st'alleanza solo 'poltronara' con fi.

buri

Mer, 27/06/2018 - 11:10

Calenda esprime le sue idee o forse è meglio chiamarli desideri, vedremo se il tempo gli darà ragione, non lo credo, secondo me il PD sta ancora pagando la segreteria di Renzi, il quale con la sua arroganza si è reso antipatico a molti

acam

Mer, 27/06/2018 - 11:17

rise Mer, 27/06/2018 - 09:19 nel momento delle costruzioni in legno il mattone non é piu portante ma la trave in legno é il pilastro sucui si regge l'economia, quindi sempre l'edilizia resta un perno importante dell'architetura dello stato

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 27/06/2018 - 11:21

deep purple per il momento Salvini sta cercando di fare qualcosa di buono,certo se FI vuol fare l'opposizione consapevole come prima,vedrà la percentuale dei suoi votanti.Ma le altre forze(debolezze) politiche cos'hanno fatto coi loro governi non eletti e tenuti in piedi da quella opposizione consapevole???? A due settimane dal nuovo governo si pretende che faccia tutto????

ex d.c.

Mer, 27/06/2018 - 11:26

Salvini è la solita 'vampata' degli elettori italiani e l'alleanza con il M5S finirà velocemente. Torneranno i partiti più solidi e moderati. FI e la parte Renziana del PD devono organizzarsi velocemente per riprendere la guida del Paese.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mer, 27/06/2018 - 11:41

Spiacenti Berlusca time out. Ha fatto una cretinata pazzesca, ha spostato i voti del CDX a favore del PD. Gli italiani sono si dei fessi ma li freghi una volta sola. Ora dopo anni passati a boicottare il CDX a criticare aspramente Salvini, raccoglie i risultati. E' in tutto e per tutto associato alle sinistre spazzate via come quando si tira lo sciacquone. E più insiste a criticare Salvini più perderà consensi. Strano che uno sveglio come lui non lo capisca.

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 27/06/2018 - 11:55

Berlusconi farebbe meglio a ritirarsi dalla vita politica in buon ordine e dirigersi verso la sua villa ai Caraibi. Il suo "game is over".

Darbula

Mer, 27/06/2018 - 12:01

Accipichia, un ministero del Made in Italy! Idee nuove per gente nuova! Continuate così! L'importante è non mettete in discussione il ruolo dell'affondatore.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 27/06/2018 - 12:47

Forza Italia e Fratelli d'Italia sono movimenti affratellati alla Lega dalla coalizione di Centrodestra. Le coalizioni le inventava il bischero capo di gabinetto della sospirata e sudata legge elettorale, che in un lustro di sforzi doveva dargli la supremazia per omnia saecula saecolorum.

rise

Mer, 27/06/2018 - 19:34

deep purple Mer, 27/06/2018 - 10:11 Cattaneo chi, quello di UDcosa assessore giunta Formigoni, "lo stipendio di 10.000 €/mese mi spetta di diritto non lo mollo", ripescato da Fontana, Lega il nuovo che avanza? Non ho capito il commento? Lasciamo perdere!