Il francese, il turista, l'immigrato: identificate le 3 vittime dell'attentato

Il bilancio dell'attentato di martedì sera a Strasburgo - ancora provvisorio - è di tre vittime, due deceduti e uno in stato di morte cerebrale, e 12 feriti, di cui sei gravissimi. Due delle persone decedute sono state identificate: si tratta di un uomo di Strasburgo e di un turista thailandese. Secondo il giornale francese «Le Parisien» il primo era appena uscito da un ristorante vicino, dove aveva bevuto un aperitivo insieme alla moglie e al figlio: loro due erano andati in bagno, mentre lui aveva pagato ed era uscito in strada, dove è stato colpito dall'attentatore. Il turista thailandese, invece, aveva 45 anni ed era in vacanza a Strasburgo con la consorte, con cui avrebbe dovuto proseguire il viaggio oggi a Parigi: è stato centrato da un proiettile alla testa. La terza vittima è un uomo di origini afghane residente nella città francese, in stato di morte cerebrale. La notizia è stata data dalla moschea Eyyup Sultan di Strasburgo, frequentata dall'uomo. «Il nostro fratello Kamal è deceduto in seguito alle ferite riportate, nonostante tutti i tentativi dei medici di tenerlo in vita», si legge in una dichiarazione del centro islamico. Tra i feriti, oltre all'italiano Antonio Megalizzi in gravi condizioni, secondo gli Ospedali universitari di Strasburgo ci sarebbero anche diverse persone con ferite da coltello.