Il garante della privacy attacca Gentiloni

Il garante della privacy, Antonello Soro, ha scritto al premier Paolo Gentiloni per chiedere che siano prese misure immediate per la tutela dei dati personali dopo l'incidente causato dallo spesometro sulla piattaforma telematica per l'invio delle fatture, gestita da Sogei, che ha reso consultabili da ogni utente tutti i dati immessi in rete. «È inderogabile una forte iniziativa da parte delle diverse istituzioni coinvolte nei processi decisionali relativi all'innovazione tecnologica», ha scritto Soro sottolineando che «in un tempo caratterizzato dalla ineludibile necessità di ricorrere sempre più allo scambio telematico e all'interconnessione delle banche dati pubbliche, mancano spesso un'adeguata consapevolezza e competenze idonee a far fronte all'incremento dei rischi per i diritti e le libertà delle persone coinvolte».