Gentilini: "Salvini a torso nudo? Anche Mussolini lo fece"

L'ex sindaco di Treviso difende le sue politiche sull'immigrazione. E su CasaPound: "Bene se porta ordine, disciplina e rispetto delle leggi"

Il candidato sindaco di Treviso della Lega Nord Giancarlo Gentilini

"Il vangelo secondo Gentilini era ordine, disciplina e rispetto delle leggi. Se uno entra a casa mia a rubare, io lo buco. Qui invece abbiamo aperture per i mendicanti, per gli zingari, per i suonatori da strada". Questo è solo l'esordio di una breve intervista che l'ex sindaco leghista di Treviso, Giancarlo Gentilini, ha rilasciato al programma Piazza pulita nel corso della puntata di ieri dedicata al tema dell'immigrazione.

Conosciuto anche come il sindaco "sceriffo" per le sue politiche, Gentilini ha ricordato che sotto la sua amministrazione aveva chiuso i campi rom perché erano "occupazioni abusive, nessuno controllava e quindi c'erano personaggi al di fuori della legalità". "Alle volte - ha spiegato l'esponente leghista - una mela marcia mi fa marcire anche le altre e quindi quando ho eliminato i campi nomadi ho eliminato un punto di riferimento per etnie malavitose". Per lui i rom "devono mettersi in regola con le leggi dello Stato" e quando il giornalista gli fa notare che pure lui spesso è andato contro la legge, essendo finito più a processo per "istigazione all'odio razziale", Gentilini racconta: "Mi hanno paragonato al figlio di Hitler perché ho fatto rinascere le legge razziali naziste" ma "Io volevo che ogni migrante che entrava nello Stato italiano avesse prima di tutto una scheda sanitaria, una scheda legale, un lavoro e una casa dove abitare. Nessuno entra se non è in regola con le leggi dello Stato". Nemmeno i profughi che sono clandestini come gli altri, anzi per certi versi pure peggio: "È gente che - spiega - anziché venire qua doveva difendere i propri territori nei confronti degli invasori e invece vengono qua".

Gentilini, poi, si sofferma sulle beghe interne alla Lega veneta dando il suo pieno sostegno all'attuale segretario e al governatore uscente: "Salvini deve dire: io sono quello che deve far risorgere la Lega, ridare certezza ai miei cittadini" e "chi non vota Zaia va fuori dalla Lega". Difende Salvini anche dalla critica di essersi concesso troppo ai media, anche facendosi fotografare a petto nudo da un giornale di gossip e azzarda un paragone un po' politicamente scorretto: "Anche Mussolini, nella battaglia del grano era a torso nudo sopra quella che batteva il grano". Quindi nessun problema nei confronti dei nuovi alleati: "Anche Casa Pound porta l’ordine, la disciplina e il rispetto delle leggi. Ricordati che nell’Io di quella associazione c’è prima di tutto lo Stato". E poco male se si rifanno al vecchio regime: "Il fascismo avrà fatto degli errori ma ha fatto anche tante cose che erano andate bene. Quindi un ritorno all’ordine io lo ritengo necessario".

Commenti

vince50

Mar, 10/03/2015 - 10:56

Molto bene e ce ne fossero,anche perchè ne abbiamo assoluta necessità.Il problema è che parlare di ordine e correttezza disturba i sinistrati,quindi il sig.Gentilini sarà visto come un disturbatore del "disordine pubblico".Mussolini ha fatto qualche errore?senza dubbio,però per calcolare quelli fatti dopo di lui non basta una comune calcolatrice,Viva il DUCE

linoalo1

Mar, 10/03/2015 - 11:05

Io sono di Treviso ed effettivamente,quando c'era il Sindaco od il ViceSindaco Gentilini,si stava più tranquilli!Forse perché erano altri anni?Potrebbe anche essere!Però,una cosa è certa:da quando abbiamo un Sindaco Comunista,Manildo,la Città di Treviso è diventata quasi invivibile!Lino.

paràpadano

Mar, 10/03/2015 - 11:07

In perfetta sintonia con Gentilini ,disciplina ordine rispetto delle leggi, e saremmo tutti più sicuri.

Ritratto di Lupry

Lupry

Mar, 10/03/2015 - 11:14

Onore al DUCE!

glasnost

Mar, 10/03/2015 - 11:40

Sono proprio d'accordo con Gentilini. Non è accettabile che sopratutto anziani e donne non possano uscire di casa senza avere paura. Non è accettabile che uno debba vivere in casa barricato per la paura dei delinquenti lasciati liberi da una magistratura di sinistri invasati. E se l'ordine e la disciplina sono solo le parole di Gentilini e CasaPound allora dico W Gentilini e Casa Pound!

maurizio50

Mar, 10/03/2015 - 11:44

Nella situazione attuale quanto di sbagliato commesso da Mussolini figura ben poca cosa rispetto alle porcherie a getto continuo commesse dagli incomparabili incapaci cronici della SINISTRA,che hanno reso l'Italia l'immondezzaio delle nazioni civili. Viviamo oberati dalle tasse, manteniamo migliaia di nullafacenti, apriamo le porte a tutti i delinquenti del mondo, abbiamo giudici che invece di tutelare i cittadini difendono i farabutti di ogni razza, lingua e religione che entrano in casa nostra! Dovremmo essere contenti? Qualcuno lo è, per es.. i macachi che a getto continuo votano per il P(artito) D(elinquenti)!!!

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mar, 10/03/2015 - 11:45

Ho sempre ammirato il Sig. Gentilini ha fatto tanto bene per Treviso. Sono con Lui! Averne di Sig. Gentilini ma abbiamo tanti quaquaraqua!!

Ritratto di anti_italiani

anti_italiani

Mer, 11/03/2015 - 15:36

Da Treviso confermo che in questi due anni di pd si è abbattuta una coltre di tristezza e soffocante cattocomunismo su questa un tempo ridente città. Il lassismo è la costante; sta tornando la sporcizia per le strade complice la nefasta cessione della raccolta differenziata alla Contarina. Gentilini, ritorna.

Roberto Casnati

Lun, 23/03/2015 - 08:38

Assolutamente d'accordo con Gentilini!