Gentiloni: "Non abbiamo bisogno di lacerazioni, bisogna ricucire"

Il presidente del Consiglio parla dopo il referendum di domenica in Lombardia e veneto: "Qui si discute di come far funzionare meglio l'Italia, non si discute dell'Italia e della sua unità"

Il capo del governo, Paolo Gentiloni, interviene sui referendum per le autonomie tenutisi domenica scorsa in Veneto e Lombardia. "Non abbiamo bisogno di ulteriori lacerazioni, ma bisogna ricucire le lacerazioni che la crisi ha provocato". Il premier parla a Venezia, nel corso di una visita alla raffineria Eni di Porto Marghera. E ribadisce la disponibilità del governo "a discutere entro i confini delle leggi e della Costituzione" dopo la consultazione nelle due regioni settentrionali. "Si discute - ha aggiunto - di come far funzionare meglio l’Italia e non dell’Italia e della sua Costituzione".

"Il governo è pronto al confronto", ribadisce Gentiloni. "Lo dico qui a Venezia, la capitale del Veneto come piace chiamarla al sindaco Brugnaro: guardo con interesse, rispetto e disponibilità alla discussione che si è aperta dopo i referendum sull'autonomia. Il governo è aperto al confronto nel merito con le Regioni per discutere su alcune funzioni, se delegandole alle Regioni ci potrà essere maggiore efficienza. Vedremo quali funzioni e a che condizioni - ha sottolineato il premier - Certo, non nascondo che sarà una discussione complessa, ma siamo pronti a farla ovviamente nei limiti fissati dalle nostre leggi e dalla nostra Costituzione". E su questo aspetto puntualizza: "Qui si discute di come far funzionare meglio l'Italia, non si discute dell'Italia e della sua unità".

Intanto si accende la polemica dopo che il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha ufficialmente chiesto la modifica della Costituzione per riconoscere lo statuto speciale anche alla propria Regione. "Quella di Zaia è una proposta che va contro l’unità e l’indivisibilità del Paese e quindi è contro la Costituzione", ha detto a Radio Anch’io il sottosegretario agli Affari regionali, Gianclaudio Bressa. "È la Costituzione che ci indica la via e prevede una procedura particolare. La Corte Costituzionale, proprio valutando una legge del Veneto che poi ha dato origine al quesito del referendum, ha detto chiaramente che le regioni a statuto speciale sono le attuali cinque, e che le altre regioni possono avere maggiore autonomie secondo il percorso" della Costituzione.

Commenti

Massimo25

Mar, 24/10/2017 - 12:18

Cosa ci viene a fare a casa nostra questa feccia..

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Mar, 24/10/2017 - 12:23

No, devi rispettare la volontà popolare. "ricucire" per chi non lo avesse capito significa "ignorare" "fare lo gnorri"

GioZ

Mar, 24/10/2017 - 12:26

L'arte di parlare senza dire niente.

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Mar, 24/10/2017 - 12:27

ora dovete ricucire? no! no! no!, ora dovete andarvene!

VittorioMar

Mar, 24/10/2017 - 12:38

...ABBIAMO AVUTO UNA MONARCHIA CHE E' DURATA MENO DI 100 ANNI !!...ABBIAMO UNA REPUBBLICA IN VIA DI COLLASSO,NEMMENO 70 ANNI !! SAREBBE OPPORTUNO UN DIVORZIO CONSENSUALE E UNA UNIONE TRA CHI VUOLE STARE INSIEME !! NON SI PUO' CONTINUARE A LITIGARE ,I NORDICI CHE DANNO LA COLPA AL SUD ,E IL SUD A MALEDIRE IL NORD PER I CONTINUI INSULTI ..!...E' IN ATTO UNA FORZA CENTRIFUGA DIFFICILE DA FERMARE...SI DEVE PRENDERE ATTO !!

Massimo25

Mar, 24/10/2017 - 12:54

Il Signore della foto fa parte della banda da abbattere!!é la vergogna che accompagna questo paese..

jaguar

Mar, 24/10/2017 - 13:16

Qui non si tratta di ricucire, ma di prendere atto del voto espresso al referendum.

TruthWarrior1

Mar, 24/10/2017 - 13:22

No, Gentiloni, non avete capito 'na mazza! Non si tratta di "ricucire". Si tratta che tu e i tuoi compagnucci avete rotto oltre ogni limite e dovete andarvene...subito!

rebella123

Mar, 24/10/2017 - 13:29

Questo parolaio venditore di aria fritta DEVE FARE UNA SOLA COSA SPARIRE ASSIEME A TUTTI I SUOI DEGNI COMPARI CHE AN RIDOTTO IL BEL PESE IN UNA FOGNA PRIMA CHE SCOPPI LA RIVOLTA IL POPOLO E' STUFO DI PAROLE E PAGARE PER TUTTE LE PORCHERIE FATTE DA QUESTI NON ELETTI BASTA

hellas

Mar, 24/10/2017 - 14:19

Ricucire? No, dovete prepararvi ad aprire la borsa, lasciando un po' di quello che rapinate a chi lo produce....Imparate cha non esiste solo Roma..... Rispettate gli elettori di regione che vogliono gestirsi meglio, con le proprie risorse.... Gli elettori sistematicamente presi per il sedere da autonomisti diventano separatisti....

accanove

Mar, 24/10/2017 - 14:41

non c'è niente da ricucire, questo governo probabilmente non avrà neppure il tempo di rendersi conto di cosa sia successo, se ne vadano e lascino il posto ad un governo regolarmente eletto che dovrà affrontare la cosa anche perchè il virus del referendum si sta espandendo in molte altre regioni. Se Roma non è in grado di gestire al meglio con criteri, non dico giusti ma almeno rispettosi delle varie realtà sociali ed economiche lasci alle realtà l'onere per il quale risponderanno ai loro elettori nel territorio. Si chiede giustizia, celerità, buon senso, niente più, cose che ormai sembrano difficili da trovare nei luoghi preposti al potere.

cir

Mar, 24/10/2017 - 14:44

marcia su roma !!!

petra

Mar, 24/10/2017 - 15:11

Il Veneto regala allo Stato centrale 18 miliardi l'anno (saldo attivo). Poi, quando ci sono alluvioni o altre calamità, spesso non riceve nulla o quasi in termini di aiuti dallo stato centrale. Molti imprenditori in difficoltà, durante la crisi economica, si sono suicidati, senza che lo stato abbia mosso un dito per aiutarli. Pure la regione non era in grado di farlo, non disponendo di fondi necessari. E voi trovate giusto che le cose continuino così. VERGOGNA.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 24/10/2017 - 15:22

-----le politiche di sperequazione sociale ed economica che hanno visto da sempre fronteggiarsi nordisti e sudisti d'italia hanno portato ad un fenomeno incontrovertibile-- flussi e spostamenti di immense quantità di popolazione da zone più depresse a zone più ricche all'internno dello stivale---dopo anni ed anni di questi sommovimenti quello che i "patani" ignorano è la percentuale di meridionali di seconda e terza generazione che popolano i circa 12 milioni di cittadini del nord est--Tempo 20-30 anni e non esisteranno più settentrionali- e saranno stati loro stessi a spararsi- o meglio: quei settentrionali che hanno votato politiche e diffuso il pregiudizio anti-meridionali avranno suicidato tutto il settentrione d’italia- loro i colpevoli-

carpa1

Mar, 24/10/2017 - 16:54

... flussi e spostamenti di immense quantità di popolazione da zone più fancazziste a zone più laboriose ... grazie a concorsi truffaldini che hanno e tutt'ora privilegiano i residenti del sud assegnando punteggi superiori per via delle zone di provenienza per essere immessi a frotte nella PA, salvo poi, con particolare riferimento al settore dell'istruzione, dove dobbiamo sopportare continui cambiamenti di insegnanti per il fatto che i residenti del sud, più prima che poi, ottengono un trasferimento e, qualora non lo ottengano come in qualche caso, si pappano lunghi periodi di malattia con l'ausilio di medici compiacenti data la totale mancanza di controlli e sanzioni.

ginobernard

Mar, 24/10/2017 - 17:10

ma se le create voi le lacerazioni

ginobernard

Mar, 24/10/2017 - 17:14

"quello che i "patani" ignorano è la percentuale di meridionali di seconda e terza generazione che popolano i circa 12 milioni di cittadini del nord est" e che caso mai hanno votato per la riduzione del residuo fiscale. Quelli hanno adottato la cultura del lavoro.

citano39

Mar, 24/10/2017 - 17:35

Zaia ha vinto e mi sta bene. Non mi è piaciuta però la sua richiesta di regione a statuto speciale. Sta lavorando con due facce. Con la prima con sorrisetti e buone maniere ha chiesto l'autonomia con la seconda chiede lo statuto di regione speciale. Poi chiederà l'indipendenza è ovvio. A Noi del "94" queste furbate non ci piacciono. Torni subito indiatro o vedrà calare rapidamente il numero dei consensi. Si accontenti dell'autonomia come prevede la costituzione e faccia patti chiari con Roma. Li lo seguiremo.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 24/10/2017 - 17:40

--gino --quando hai tempo e voglia--guardati come sono lievitate le spese sanitarie in tutte le regioni d'italia--da quando sono le regioni a gestire la materia--la sanità incide per oltre la metà di un bilancio regionale

citano39

Mar, 24/10/2017 - 17:41

Ma cosa vuole ricucire Gentiloni. Nessuno ha strappato niente. Applichi la costituzione e dia al popolo veneto e lombardo quello chw a loro spetta per legge. nessuno deve parlare di conflitti fra nord e sud. Anche le regioni di centro e del sud chiederanno l'autonomia. e basta così altrimenti ritornermo al Regno delle due Sicilie, granducato di Toscana, Repubblica veneta ecc. ecc.

igiulp

Mar, 24/10/2017 - 18:14

Ricucire che cosa? Intanto, quatto quatto se la stava intendendo con Mister Bonaccini per fare concessioni "ad regionem", senza uno straccio di intervento popolare alla faccia, questo sì, di chi si stava muovendo secondo certi crismi. Perchè non è stato proposto per tempo anche agli altri quel che andava a proporre al suo socio di partito? Voleva fargli fare il figurone?

Pippo3

Mar, 24/10/2017 - 18:39

Elkid fai il bravo limita le canne altrimenti fai brutta figura. I meridionali di terza e quarta generazione votano Lega, è questo che non riesci a capire. Fai unos forzo, concentrati, da chi pensi arrivino i voti alla Lega? Tutti dai settentrionali?

VittorioMar

Mar, 24/10/2017 - 18:44

...DA SUDISTA CONVINTO ,LA PROSPETTIVA DI TORNARE AL REGNO DELLE DUE SICILIE NON MI DISPIACEREBBE!!...ANCHE PERCHE' SI DOVREBBERO RESTITUIRE I 445 MILIONI DI LIRE IN ORO, IN DEPOSITO NELLE CASSE DELLO STATO BORBONICO, RIVALUTATI DAL 1861 AD OGGI !!!..CHE PACCHIA !!

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 24/10/2017 - 18:46

Cucire nulla semmai scucire le mani dai nostri soldi. Che tanto li usano per pagarsi abiti sartoriali, orologi e gioielli, donne e parenti. Tanto vale che i soldi lombardi siano sciupati a Milano invece che a Roma.

Beaufou

Mar, 24/10/2017 - 19:14

elkid, sarà anche come dice lei in merito alla percentuale di immigrati del sud in Veneto. Ma stando al risultato del referendum, questi si sono altamente e pacificamente "venetizzati", mi pare... Ahahah. Quanto al "ricucire" di Gentiloni, non fateci caso, quello parla tanto per dir qualcosa, senza che questo qualcosa debba necessariamente significare alcunché: lo conosciamo. "Noblesse oblige". Ri-ahahah.

DIAPASON

Mar, 24/10/2017 - 19:37

non c'è niente da ricucire perché non è avvenuto nessun strappo, rimane solo di seguire la volontà popolare, questo per il premier abusivo e per i suoi seguaci è veramente difficile da capire

Ritratto di comunistialmuro

comunistialmuro

Mar, 24/10/2017 - 19:48

Proprio lui vuole ricucire?Fra qualche mese sgombera,probabilmente per sempre e parla ancora? Sara' la Lega a "ricucire" quando sara' al governo e sara' il prezzo da pagare per chiunque voglia fare UN governo. Scacco matto.

mb87

Mar, 24/10/2017 - 22:20

Io non capisco ne Gentiloni ne Bressa. Non sto dicendo che condivido la decisione del governo del Veneto sia chiaro. Non capisco però perchè dovrebbe essere una minaccia all'unità nazionale l'aggiunta tramite una legge di riforma costituzionale della Regione Veneto alle regioni a statuto speciale. Sarà difficile da realizzare, ne sono certo, ma non vedo come questo sia una minaccia all'unità nazionale. Forse Gentiloni pensa di essere Rajoy e che Zaia sia Pudgemont ma Zaia, a differenza del succitato governatore della Generalitat catalana, ha proposto un percorso sicuramente lungo e difficile ma pur sempre nell'alveo di quanto prevede la legge inclusa quella costituzionale ( che come noto anche se certi sinistri non sarebbero d'accordo può essere riformata )