Il giallo della spesa pubblica fuori controllo

Soltanto la metà delle uscite dello Stato è individuabile. Così aumentano costi e sprechi

Pubblica amministrazione e sperpero, purtroppo, fanno rima. Da ieri ve ne è una prova in più in più poiché Consip, la piattaforma centralizzata del Tesoro per l'acquisto di beni e servizi da parte della pa, ha pubblicato online i dati aggregati delle transazioni effettuate tramite l'interfaccia Internet ministeriale dal 2014 fino allo scorso agosto. Sebbene la legge di Stabilità 2015 obblighi le amministrazioni a passare da Consip per acquistare le forniture, i dati resi noti ieri indicano che dai 5,5 miliardi intermediati su Internet nel 2014 si è addirittura scesi a 3,9 miliardi l'anno scorso, mentre nei primi 8 mesi di quest'anno il valore complessivo è stato di 3,3 miliardi, una cifra che fa ben sperare in un aumento rispetto al 2015.

I dati complessivi, inoltre, evidenziano una sostanziale resistenza ad aderire al sistema Consip. Ogni anno l'intermediato della pa per beni e servizi si aggira attorno ai 90 miliardi di euro. Se solo il 6% viene gestito attraverso la piattaforma Internet comune e un altro 35-40% attraverso il sistema delle convenzioni, questo significa che più della metà della spesa pubblica è fuori controllo e, dunque, si paga di più quello che potrebbe costare meno. È chiaro che la scelta di pubblicare i dati alla vigile di una difficilissima sessione di bilancio rappresenti una sorta di monito agli enti locali a mettersi in regola. I risparmi attesi nel 2017 dalla centralizzazione degli acquisti dovrebbero attestarsi a 1,5-2 miliardi, ma probabilmente si cercherà di cifrare qualcosa in più per recuperare margini di spesa.

I dati del report evidenziano che nei primi otto mesi del 2016 le principali aree merceologiche interessate dagli acquisti sono state alimenti e ristorazione (906 milioni, 27,3%), i servizi informatici (537 milioni, 16,2%), beni e servizi per la sanità (482 milioni, 14,5%) e beni e servizi per gli immobili pubblici (422 milioni, 12,7%). Quest'ultimo comparto è stato sia nel 2014 che nel 2015 la maggiore voce di spesa con 1,3 e 1,2 miliardi rispettivamente. Se il cumulato ad agosto 2016 è ben lontano da quei valori significa che affitti e manutenzioni vengono acquisiti altrimenti. La discrezionalità negli acquisti concessa a dirigenti ministeriali, Regioni e Comuni produce queste distorsioni. Padoan e Renzi se ne stanno accorgendo in ritardo.

Commenti

Iacobellig

Dom, 02/10/2016 - 09:31

...QUANDO LA POLTRONA E I BENEFIT CONTANO PIÙ DELLA DIGNITÀ PERSONALE E PROFESSIONALE.

Giulio42

Dom, 02/10/2016 - 10:02

Il problema di Renzi potrebbe essere che è un accentratore. Gli piace passare da un problema all'altro come un drone e poi via senza mai andare a fondo del problema. Non è una critica ma una valutazione concreta di quanto ha fatto questo terzo Governo non eletto. L'economia a picco tutto il resto alle stelle, disoccupati, criminalità, tasse, immigrati, tempi di attesa nella sanità e privilegi intoccabili per la casta.

Ritratto di giorgio51

giorgio51

Dom, 02/10/2016 - 10:22

Ma non doveva diminuire del 4000% perché loro sono capaci? Mi sembrerebbe di ko, uso il condizionale, oppure abbiamo capito male, basta stupidaggini abbiamo bisogno di persone serie e questi non lo sono

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 02/10/2016 - 10:32

Pensavo che il governo golpista monti fosse il peggiore della storia, ma mi sbagliavo, il clown fiorentino sta per batterlo. Economia a picco, disoccupazione, spesa pubblica, tasse e debiti alle stelle, invasione di feccia nullafacente, insicurezza, violenza, itaglia con considerazione estera nulla. No, in effetti qualcosa che va bene c'e', i privilegi della casta e degli amici degli amici e le coop che stanno spolpando a piu' non posso.

Vigar

Dom, 02/10/2016 - 10:52

Questo è uno dei tanti regali che ci ha fatto re giorgio.....e speriamo che sia l'ultimo.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 02/10/2016 - 11:04

come dice Giobbe Covatta, "basta poco che ce vo'?" Quindi diminuire gli stipendi faraonici, licenziare e ridurre gli impiegati di tutti i Comuni Province e Regioni, poi un grosso sforzo di eliminare quegli Enti inutili che continuano ad esistere.

unosolo

Dom, 02/10/2016 - 11:11

ed è per questo che hanno messo in atto il piano "B" cioè cercare soldi, e questo tramite : aumenti a raffica e IRI ; APE ; iva ecc ecc , soldi contanti e subito da incassare per tamponare e nascondere le perdite. peccato solo che nelle PA saranno molti che ne fruiranno visto i stipendi ma nel privato si svuoteranno quei forzieri che servivano per avere credito dalle banche o accendere prestiti per lavorare meglio . questo governo mai un momento ha pensato alla crescita industriale che sia azienda di famiglia o impresa grande , come mai agevolazioni ad esercenti di negozi nelle città , come se fossero accordi a distruggere quella piccola ma grande economia dei lavoratori artigianali , peccato , tutto finisce meno che i ,,,,,,

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 02/10/2016 - 12:21

quando c'era berlusconi al governo, le spese o rimanevano stabili o scendevano! ora che ci siete voi, idioti di sinistra, le spese sono aumentate: come mai? :-) non vediamo nemmeno uno che sappia ammettere che noi abbiamo ragione! pontalti dove sei? non ammetti? :-)

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 02/10/2016 - 12:29

A guardare l' espressione di Padoan, si legge nel suo pensiero: "Non si è creato un buco, ma una voragine; ora chi lo dice a Renzi, ma soprattutto agli italiani, che abbiamo, lui (Renzi) bleffato e io (pollo) sbagliato." E i soliti polli pagheranno, pure gli interessi.

filgio49

Dom, 02/10/2016 - 15:46

Ai comunisti va bene cosi'...loro pagano tutto quello che c'e' da pagare, senza battere ciglio! La cosa importante, per loro, che non ci sia piu' il Cav. era la loro ossessione! L'Italia senza di lui. va finalmente a gonfie vele!!!! Lo dice renzi e quindi loro ci credono!

swiller

Dom, 02/10/2016 - 17:32

Questi non sono costi ma furti perpetrati da politici e dirigenti e tempo di cominciare a fare giustizia con qualsiasi mezzo.

Ritratto di pinox

pinox

Dom, 02/10/2016 - 18:45

e dov'è il problema? con la spesa pubblica si creano Pil e posti di lavoro lo sanno tutti i comunisti del mondo.

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 02/10/2016 - 19:33

Che dire, lo sanno ma non provvedono.

canaletto

Dom, 02/10/2016 - 20:28

DITELO ALLE MANI BUCATE DI RENZI CHE NOMINA AMICI DAPPERTUTTO E LI STRAPAGA FACENDOLI PASSARE PER GENTE COMPETENTE E SONO UNA MANICA DI IGNORANTI, VEDASI IL DIRETTORE DELLA RAI CMPO DALL'ORTO CHE BECCA 600000 EURO ALL'ANNO PER SCALDARE LA POLTRONA DI RENZI, SE GLI DESSERO 100000 EURO ALL'ANNO SAREBBE GIA TROPPO PERCHE E' UN EMERITO INCAPACE, NON PARLIAMO DELLE STRAPAGHE DI DIRIGENTI PIDIOTI ALL'ENI, ENEL, POSTE ITALIANE INPS, VARIDIRIGENT INUTILI AI MINISTERO PER 243000 EURO ALL'ANNO CHE POI TRADOTTI IN LIRE SONO 480 MILIONI SPESI MALE PER GENTE IGNORANTE MA PIDIOTA CHE DEVONO FARE CASSA DANDO L'ASSALTO ALLA DILIGENZA. E GLI ITALIANI MUOIONO DI FAME. BASTARDO RENZI & SOCI MAFIOSI LADRI PIDIOTI