Gilet gialli, l'Ue difende Macron e "bastona" Di Maio

La polemica sulle dichiarazioni di Luigi Di Maio sui gilet gialli prosegue e sta per diventare un vero e proprio caso diplomatico

La polemica sulle dichiarazioni di Luigi Di Maio sui gilet gialli prosegue e sta per diventare un vero e proprio caso diplomatico. Di fatto il vicepremier grillino ha messo il cappello sul movimento che sta mettendo a ferro e fuoco tutta la Francia.

Di Maio ha parlato di un sostegno aperto ai gilet gialli mettendo a disposizione anche la piattaforma Rousseau per i "ribelli" d'oltralpe. Ma dalla Francia sono arrivate le prime proteste per l'ingerenza italia su Parigi: "Ho già reagito ieri: ho sentito molte volte il governo italiano chiedere rispetto per il modo in cui governa l'Italia. Credo che questo rispetto sia dovuto a qualsiasi Paese, soprattutto ad un Paese vicino, alleato e amico", ha affermato Nathalie Loiseau, ministro degli Affari Europei francese. A questo però adesso si aggiunge la presa di posizione dell'Unione Europea con le parole della portavoce di Bruxelles, Margaritis Schinas: "Non facciamo commenti su altri commenti, soprattutto quando provengono da commentatori professionisti", ha affermato. E ancora: " La Commissione Ue il presidente Macron e le autorità francesi hanno la nostra piena fiducia per mettere in campo il programma per cui il presidente è stato eletto dal popolo francese". Insomma lo scontro tra Italia e Francia sul caso gilet gialli adesso si sposta a Bruxelles.