La giudice che assolse Berlusconi in appello insultata dai colleghi

Scrisse le motivazioni della sentenza del luglio scorso nel processo Ruby. Contro di lei scattò un "tiro al piccione" da parte di Md

I giudici Puccinelli, Tranfa e Locurto

Concetta Locurto è la giudice che l'estate scorsa scrisse le motivazioni della sentenza di assoluzione di Berlusconi, in appello, nel processo Ruby. Da allora è sempre rimasta in silenzio sulla vicenda e anche dopo la parola fine, scritta dalla Cassazione, ha scelto di mantenere fede alla propria scelta di riservatezza. Il Corriere della sera oggi evidenzia che la Locurto è stata oggetto di un vero e proprio "tiro al piccione" da parte della corrente di Magistratura democratica. Proprio lei, che si è sempre professata progressista, è finita al centro delle polemiche - e delle accuse - perché aveva assolto il leader di Forza Italia.

La polemica era divampata a livelli tali da indurre la giudice a rispondere, via email, alle accuse di alcuni magistrati che accreditavano la tesi della "torsione del diritto" avvenuta per aiutare Berlusconi. Tesi che, peraltro, avrebbero spinto il giudice Enrico Tranfa, presidente del collegio, a dimettersi dalla magistratura in modo plateale, la mattina stessa del deposito delle motivazioni, con una frase che lasciò sbalorditi: "Non me la sento domani di fiudicare un marocchino in modo diverso da quanto fatto oggi per Berlusconi". Nella sua risposta la Loturco metteva in guardia i colleghi dal rischio di una "malevola dietrologia faziosa", dal "pregiudizio" e dai "pensieri in libertà da chiacchiera al bar". In più puntava il dito contro i magistrati che volevano giudicare senza conoscere le carte, finendo col portare avanti un "tiro al piccione senza alcun rispetto per l'Istituzione e le persone".

Ovviamente il "piccione" era lei, presa di mira anche (o soprattutto) perché, in passato, era stata coordinatrice milanese di "Area", cartello tra le correnti di sinistra di Md e Movimento per la giustizia. La Locurto aveva risposto con fermezza invitando i colleghi a rileggersi i provvedimenti da lei redatti in tutta la sua carriera, piccoli o grandi che fossero, per avere certezza "dell'identità di metro di valutazione utilizzato indifferentemente per extracomunitari e potenti". In altre parole, voleva dire la giudice, "non guardo né ho mai guardato in faccia a nessuno". Era una piccata risposta alle insinuazioni di quegli anonimi pm milanesi (citati da un quotidiano con tanto di virgolettati) che avevano definito l'assoluzione uno dei (tanti) frutti del Patto del Nazareno. Ma l'amarezza della Locurto non nasceva tanto dalle accuse ricevute, quanto dal silenzio - per lei ancor più pesante - di chi avrebbe potuto (e forse dovuto) difenderla, non tanto come persona ma come istituzione. E citava uno dei massimi filofosi del diritto, Luigi Ferrajoli, e le nove massime di deontologia giudiziaria, in cui, tra le altre cose, si evidenzia il rifiuto, nella maniera più assoluta, di ogni rischio di strumentalizzazioni politiche della giurisdizione.

Commenti

giovanni PERINCIOLO

Gio, 12/03/2015 - 12:34

MD, magistratura democratica, oppure.....

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Gio, 12/03/2015 - 12:38

Nun ce vonno sta'. Je rode che non si trovino ragioni per condannare Berlusconi. Sekhmet.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Gio, 12/03/2015 - 12:41

Altra testimonianza del COMPLOTTO e del COLPO DI STATO nello Stato. Piano piano stanno uscendo fuori certe verità NASCOSTE agli ITALIANI da una certa Magistratura opportunista, falsa ed ipocrita. E già.....è proprio vero: non è l'abito che fa il Monaco!!

Rossana Rossi

Gio, 12/03/2015 - 12:43

Ma l'anomalia è a monte, parlando di giudici non dovrebbe nemmeno entrare la parola 'corrente', una magistratura sana non dovrebbe appartenere a nulla ben ultime le correnti politiche. Questa vergogna esiste solo in Italia e se ne vedono tristemente i risultati......

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Gio, 12/03/2015 - 12:46

Alla luce della sentenza della Cassazione, tutti quelli che hanno insultato questo giudice, dovrebbero innanzitutto presentare le scuse, secondariamente considerato la loro manifesta incapacità dell'esercizio della giustizia, dovrebbero dimettersi.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 12/03/2015 - 12:47

Magistratura democratica è un movimento eversivo e andrebbe sciolto, a norma di Costituzione, e i suoi militanti dovrebbero essere licenziati, prima di processarli per falso ideologico, interessi privati in atti d'ufficio e concussione.

Ritratto di dante57

dante57

Gio, 12/03/2015 - 12:48

" Era una piccata risposta alle insinuazioni di quegli anonimi pm milanesi (citati da un quotidiano con tanto di virgolettati) che avevano definito l'assoluzione uno dei (tanti) frutti del Patto del Nazareno." Per farla breve hanno confessato che la magistratura prende ordini dai compagni

kayak65

Gio, 12/03/2015 - 12:48

md magistratura di...m...a

Ritratto di Civis

Civis

Gio, 12/03/2015 - 12:50

Onore alla serietà del Magistrato Concetta Locurto.

maubol@libero.it

Gio, 12/03/2015 - 12:50

Dovrebbe esibire le mail, per madare a casa tanti "bravi" colleghi

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 12/03/2015 - 12:58

L'indipendenza della magistratura si intende all'interno del processo. Invece per i rapporti col Governo e col Parlamento la Magistratura deve essere solo obbediente, sottolineo obbediente, e non "indipendente", altrimenti avremmo a che fare con dei pazzi scatenati. Infatti alcuni di essi lo sono, o almeno così sembra. Per esempio all'ILVA di Taranto i magistrati hanno fatto solo disastri. Non basta mettersi tutti in ghingheri e darsi le arie da imprenditori... Anche i farabutti si travestono e simulano competenze che non hanno mai avuto.

zeuss

Gio, 12/03/2015 - 12:58

Sono quelli del sei politico, del 1968, amici del grande lavoratore con vitalizio Capanna, ecc.ecc.ecc.

unosolo

Gio, 12/03/2015 - 13:05

quando parlavano zittivano dicendo che le sentenze andavano rispettate, ma se avverse al loro movimento allora non si rispettano , è komunismo Non devi pensare devi solo agire contro il ricco , però mangiano e prendono stipendi dai ricchi , stipendi che se dovessero pagare solo quei pochi operai e imprenditori , quelli del PIL , mai arriverebbero a dargli .colpa nostra che eleggiamo certi personaggi a rappresentarci.

angelovf

Gio, 12/03/2015 - 13:06

Mi auguro che i giudici amministrano solo la giustizia e non la politica,chi lo fa dovrebbe vergognarsi,e non pronunciare:in nonome del popolo italiano.

florio

Gio, 12/03/2015 - 13:14

Non ho mai capito tutta questa acredine, nei confronti dell'uomo Berlusconi, neanche Hitler era così odiato. La Magistratura politicizzata ha esaudito il desiderio della sinistra più becera per distruggere il nemico politico, non potendolo fare con il voto l'hanno perseguitato e messo alla gogna per sxxxxxxxe morali di cui i benpensanti ne sono consapevoli essendo loro stessi manipolatori di verità. Le porcate perpetrate dai rossi sono sempre state messe a tacere con la complicità dei magistrati. I casi Unipol Fassino D'Alema? Penati sistema Sesto, l'integerrimo sinistro non doveva usufruire della prescrizione e invece guarda caso ha subito approfittato di quella leggina fatta da S.B! M.P.S qualcuno ha saputo più niente? Le Coop rosse, scandalo clandestini, pagamenti in nero, tasse mai pagate, se vogliamo andare avanti,l'olezzo di questi signori è diventato insopportabile. E la storia continua...!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 12/03/2015 - 13:16

Il vedere il 90% dei vostri articoli frutto di un copia incolla da altre testate, la dice lunga...

Tuthankamon

Gio, 12/03/2015 - 13:17

Esistono magistrati seri, ma il sistema ha perso troppa credibilita' per continuare in questo modo.

Ritratto di manasse

manasse

Gio, 12/03/2015 - 13:23

ecco spiegata l'ammissione del magistrato D'Angelo sulle toghe rosse,se qualcuno esce dal seminato dell'ideologia comunista dimostrando di compiere il proprio dovere usando la testa e no il diktat del partito viene messo all'indice e vituperato dal marciume dei comunisti in toga

pastello

Gio, 12/03/2015 - 13:47

Non ho capito, le sentenze si discutono o no?

glasnost

Gio, 12/03/2015 - 13:48

Quella dei PM non ha niente a che vedere con la GIUSTIZIA è una guerra contro un avversario, che adesso è Berlusconi. A questo ha portato l'ideologizzazione dei Magistrati. Ricordate che Togliatti volle due ministeri dalla DC :Magistratura e scuola. Il vero problema che rende invisa a metà, almeno, degli Italiani la Magistratura è il fatto che il CSM, che dovrebbe controllare questa giustizia, non fa nulla o è connivente!

maurizio50

Gio, 12/03/2015 - 14:01

@Gianfranco Robe..Perfettamente d'accordo!!!!

narteco

Gio, 12/03/2015 - 14:10

In questi ultimi decenni le torsioni del diritto o violazioni di molti codici procedurali sono stati violati impunemente a senso unico e sono avvenute per aiutare la Sx e compagni affiliati non certo X il centrodestra e meno ke meno Berlusconi che ha subito dalle toghe rosse attacchi feroci e processi basati sul nulla come Ruby.I tanti fatti giudicati penalmente irrilevanti come quello su Fassino e abbiam una banca con condanna folle X Berlusconi,o le tante scandalose archiviazioni o prescrizioni X i vari fini,penati,dalema,travaglio, debenedetti ecc o intercettazioni bruciate sul patto stato mafia su napolitano e mancino o peggio quelle su coop rosse e Mpsiena e monti con Imu regalatogli aggiunti agli scandali dei governatori rossi come vendola,marrazzo,bresso,errani burlando la dicon tutta sull’impunità a Sinistra e complicità di Md e miliziani togati ke han delegittimato e umiliato la giustizia italiana X sempre osando fare pure le vittime,il caso Berlusca è l’esempio Max.

gyxo

Gio, 12/03/2015 - 14:27

Presidente Mattarella Vi chiedo se è giusto che esista una magistratura dichiaratamente di parte come la becera e demenziale magistratura democratica che democratica non è in quanto sfacciatamente di parte.Mi aspetto che prendiate provvedimenti verso questi magistrati razzisti verso le idee politiche altrui.Mi aspetto da voi un intervento drastico affinchè si torni a sperare in una giustizia giusta anzichè una giustizia ad personam pilotata politicamente.Bonjour Tristesse.

Klotz1960

Gio, 12/03/2015 - 14:31

Semplicemente, andrebbero messe fuori legge tutte le "correnti" della magistratura.

Ritratto di sailor61

sailor61

Gio, 12/03/2015 - 14:38

vorrei sapere come sia possibile che esista una corrente o meglio ormai una parte maggioritaria della Magistratura che ha scritto nel proprio statuto di voler perseguire un fine politico! Ma come si può accettare a livello di Costituzione che I magistrate si dividano in buoni o cattivi in funzione dell'appartenenza o meno ad un sindacato? perchè per esempio per I m ilitari è fatto espresso divieto di iscrizione ad un partito e per I magistrate no? Basterebbe il rispetto di queste semplici norme per riportare la magistratura in linea con il dettato costituzionale.

luna serra

Gio, 12/03/2015 - 14:43

Nelle motivazioni d’appello, i giudici scrivono che è “acquisita prova certa dell’esercizio di attività prostitutiva ad Arcore in occasione delle serate in cui partecipò Karima El Mahroug”, ma non la prova che l’allora presidente del Consiglio fosse a conoscenza della sua minore età. E lo stesso legale di Berlusconi, Franco Coppi, nell’udienza in Cassazione ha chiarito che questo è un fatto che la difesa “non contesta” quindi la prostituzione c'è stata eccome E RICORDATEVI quando altre PERSONE NORMALI saranno assolti saremo pronti a scendere in piazza indignati

gian paolo cardelli

Gio, 12/03/2015 - 15:06

luna serra, come stanno i trans con cui andava Marrazzo, dipinto dai "media indipendenti ed obiettivi" come un "povero cristo bisognoso d'affetto"? Un saluto dal MPS, di cui, guarda caso, non si sa più nulla...

MarcoE

Gio, 12/03/2015 - 15:17

La mia più sentita solidarietà alla Dr.ssa Locurto! Veramente un giudice bravissimo e scrupoloso anche al netto dell'assoluzione di B.

tersicore

Gio, 12/03/2015 - 15:22

MUTATIS MUTANDIS, ci sono analogie profonde e inquietanti con il periodo che precede l'avvento del fascismo. Per fare un altro esempio: qui, in una regione rossa un leghista mio amico, dopo avere sputtanato il comune, si è trovato la finanza in casa per 'controlli di routine'...E questo qualche anno fa...ora è molto peggio! E qui bisogna stare attenti anche a dire certe cose al bar.....o al ristorante. Ci sono spie dappertutto. Democrazia addio.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Gio, 12/03/2015 - 15:27

@Civis: CONCORDO e mi unisco!

buri

Gio, 12/03/2015 - 15:37

MD significa Magistratura Democratica, però insultare chi non la pensa come te è poco democratico, e poi non credo che MD detenga il monopolio della verità e l'infaibilità, invece di insultare si facciano l'esame di coscienza

vince50_19

Gio, 12/03/2015 - 15:37

Se quanto scritto nel pezzo corrispondesse al vero, questo denota. caso mai si ravvisasse la necessità di una ulteriore conferma, che c'è una "claque" che pratica militanza politica. Il che sicuramente non depone a favore di una giustizia rappresentata come fosse una dea bendata. Qualcuno di lor signori guarda "sott'occhio".. Eccome!!!

buri

Gio, 12/03/2015 - 15:45

Magistratura Democratica, poco democratica se sostiene il pensiero unico con divieto di dissenso pena insulti, mi sa che siano sostenitori dei tribunali speciali per gli avversari politici

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Gio, 12/03/2015 - 16:08

Processo inventato e senza prove dall'inizio. Solo veleno che scorre al posto del sangue nel corpo degli accusatori sinistroidi invidiosi. Processo costruito sul non può non sapere, non può non istigare alla prostituzione, non può non conoscere l'età dei suoi ospiti, non può non scop..re, non può ... non può ... ecc. ecc. Nessuna denuncia, nessuna accusa da eventuali parti lese, nessuna prova sulle accuse del gip, nessuna testimonianza se non forzata da ricatto da parte dei testimoni citati dall'accusa, solo invenzioni sul non può non esser così. Ma in che razza di paese viviamo. Boh..

gian paolo cardelli

Gio, 12/03/2015 - 16:50

Buri, anche i comunisti sovietici si definivano "democratici": MD ha solo copiato lo stile, viste che l'ispirazione politica è la stessa... ma chi crede di poter prendere in giro?

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Gio, 12/03/2015 - 17:37

Non si rendono conto, i signori magistrati, che adombrando il piegarsi della giustizia al patto del nazareno, legittimano tutte le teorie che adombrano il piegarsi della giustizia alla lotta politica.

raffaele64

Gio, 12/03/2015 - 17:57

Purtroppo l'errore è a monte. Il pensiero della sinistra ha occupato quello che l'intelligenza può manipolare, cioè il mondo della scuola, dalle medie all'università. Per fare la rivoluzione non servono più le armi, basta forgiare le menti a scuola. Diciamocelo, senza falsa ipocrisia, la maggior parte degli intellettuali è di sinistra. Ora la verità può essere doppia: o hanno ragione (gli intellettuali) è quindi è la sinistra la cosa migliore, oppure attraverso il controllo della scuola hanno potuto influenzare le menti e far apparire giusta una cosa che non lo è (come io penso).