Il governo finisce a carte bollate. Ira Centinaio: "Querelo i grillini"

Lo scontro Lega-M5S si allarga dall'eolico al biogas. "Fonti" grilline puntano il dito contro Centinaio. Il ministro: "Pronto a querelare"

Gian Marco Centinaio non ci sta. E così la lite tra Lega e M5S ora rischia di finire a carte bollate. Mentre il Movimento chiede a gran voce le dimissioni di Armando Siri, indagato per corruzione nell'ambito dell'inchiesta sul mini-eolico, il fronte si allarga anche ad altri esponenti del Carroccio. A mettere nel mirino Centinaio sono "fonti M5S" che hanno lavorato al contratto di governo e che lo accusano di aver fatto pressioni, assieme proprio a Siri, per trovare spazio al biometano nel contratto di governo. "Sono allibito", reagisce il diretto interessato che si dice pronto a "querelare gli ignoti 5 Stelle".

Che in queste ore non corra buon sangue tra i due alleati di governo non è certo una novità. Oggi in Cdm è previsto l'approdo del decreto Crescita con l'incognita "Salva Roma". La Lega non vuole firmare la norma che prevede la chiusura dal 2021 della gestione commissariale del maxi debito pregresso da 12 miliardi della Capitale. Il M5S preme per la sua approvazione. Sullo sfondo resta il caso Siri: i grillini chiedono un passo indietro del sottosegretario leghista, evocando addiruttura la crisi di governo in caso contrario. Salvini non fa passi indietro e difende il suo consigliere economico: "È innocente fino a terzo grado di giudizio", ripete da giorni. Sul blog delle Stelle, però, il Movimento getta benzina sul fuoco con 4 domande ai colleghi di esecutivo: il M5S vuole sapere quali sono i rapporti "tra Siri, la Lega e Paolo Arata (considerato dai pm il collegamento tra il sottosegretario e Vito Nicastri, interessato agli incentivi per l'eolico); e soprattutto per quale motivo il "figlio di Arata è stato assunto da Giorgetti presso il Dipartimento programmazione economica".

Ma non solo. Dopo aver sparato a pallettoni (politici, s'intende) contro Siri e Giorgetti, "fonti M5S" si sono scagliate anche contro Centinaio. Al centro della disputa il biometano, questione finita nel contratto di governo. Secondo la Dia di Trapani, come riporta Repubblica, sarebbe stato sempre Arata a condizionare l'accordo tra Lega e M5S. "Il punto sul biometano è stato voluto dalla Lega nel contratto", hanno rivelato all'Adnkronos. "Lo ricordiamo perfettamente, erano Siri e Centinaio a proporlo con insistenza. Noi accettammo - proseguono le stesse fonti - perché in piccoli impianti e ben canalizzati può andare, ma non sappiamo quali fossero i loro reali fini".

Centinaio però reagisce d'impeto e si prepara a adire le vie legali. "Sono allibito da quel che leggo, mi aspetto che i colleghi 5 Stelle abbiano il coraggio di metterci la faccia - attacca il ministro dell'Agricoltura - soprattutto se mettono in dubbio che io abbia chiesto il biometano all'interno del contratto di governo per motivi non leciti. Ho chiesto di inserirlo in quel contratto perché credo che, con il biogas, rappresentino le due forme energetiche del futuro, di un futuro pulito, e che permettano anche gli agricoltori di attuare una diversificazione del reddito, ma non ho mai, mai, avuto secondi fini". Centinaio pretende le scuse o una smentita. "Quel che dicono è molto grave - incalza il leghista - già ho mandato le dichiarazioni al mio avvocato per chiedere se sussistono le condizioni per sporgere una querela contro 'ignoti 5 stelle'. Io devo tutelare il mio onore non da ministro, ma da cittadino italiano. E querelerò anche il Fatto Quotidiano, che oggi mi sbatte in prima pagina dandomi dell'indagato: spieghino in un Tribunale dove e con quali accuse. Io ci metto la faccia, a differenza degli ignoti 5 Stelle, come faccio dal primo giorno in cui sono entrato in politica".

Commenti

Teobaldo

Mar, 23/04/2019 - 18:29

..allora il bibitaro voleva "l'impiccimente" (simme e Napule) verso Mattarella poi invece no, ha esultato come un invasato dal balcone perché era passata una manovra in deficit, poi ha fatto visita ai gilletteggialle, poi vaccini sì e poi no...poi ha detto "noi 5 stelle abbiamo fatto già molte cose mentre la lega ha fatto solo la quota 100 criticata da tutta Europa"; TAV no ma TAP sì. Il reddito te lo do ma sei vai a UNIEURO te lo tolgo. Questo tizio apre lo sfintere orale e quello che esce esce…ma che gente è mai questa?

INGVDI

Mar, 23/04/2019 - 18:36

Centinaio, che ci fai con i 5s? Esci dal governo, se hai un minimo di dignità. Lascia anche la Lega se continua l'alleanza con i comunisti stellati.

antoniopochesci

Mar, 23/04/2019 - 18:45

Siamo ormai all'Inquisizione. I grillini, ormai alla frutta, ormai disperati con l'incubo del 26 maggio, le stanno provando tutte con la regia dei loro mentori giustizialisti: dossieraggio, accuse lanciate con la mano nascosta,intercettazioni, videoregistrazioni,spiate dal buco della serratura ed altre turpitudini di un tempo che fu, proprie di regimi alla fine del loro sfacelo. Nessuna sorpresa, però: è il modus operandi di chi ha nell'odio, nel giustizialismo, nel giacobinismo, nel talebanismo la sua ragione sociale. Però la colpa è degli esponenti della Lega che hanno allevato queste serpi che adesso gli sputano fiumi di veleno addosso.

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Mar, 23/04/2019 - 18:49

Non capisco….. non erano i grillini quelli per l'ENERGIA PULITA? Idioti sempre. Da autentici truffatori, non essendo capaci di produrre qualcosa di buono, accusano gli "alleati" nella speranza di raccattare qualche voto ed evitare la DEBACLE. Ma sarà molto più che una debacle… il 26 maggio, cari 5stronzi, prenderete una batosta come Dio comanda.

Ritratto di abutere

abutere

Mar, 23/04/2019 - 18:54

Il biogas è di necessità nel contratto di governo (??) in quanto sottoprodotto inevitabile del materiale giallo verdognolo che ci governa

Duka

Mar, 23/04/2019 - 19:15

Governo o carrozzone dei pagliacci che non fanno ridere? Se pensiamo che questi buffoni di mestiere intascano EURO 20.000 mese dei nostri soldi , la frittata è pronta.

Chanel

Mar, 23/04/2019 - 19:33

Se vogliamo far passare tutto questo per scaramucce elettorali non ci sto, una non reazione da parte della Lega è connivenza con questi pazzi scatenati dei 5 stelle . Come si può governare a dossieraggi e proclami. Quel buffone di Di Maio afferma che se tutto quello di cui Siri viene accusato fosse provato sarebbe molto grave.....appunto se fosse provato e nell’attesa hanno chiesto le dimissioni è ritirato le deleghe in 15 minuti. Questi sono talmente invasati che non capiscono neanche quello che dicono loro stessi. Ho pensato a tutt’oggi che fossero degli incapaci, ondivaghi su tanti temi, oggi li considero davvero pericolosi

carlottacharlie

Mar, 23/04/2019 - 22:25

Centinaio! Li quereli dal primo all'ultimo e li mandi a quel paese 'chè sono stolti stolti, ignoranti e farabutti.

Popi46

Mer, 24/04/2019 - 07:05

@carlottacharlie: per come funziona la Giustizia in Italia, la querela darebbe i suoi frutti fra 20 anni,se va bene