Il governo è salpato. Ma su fisco e lavoro deve già cambiar rotta

Si vuole evitare l'aumento dell'Iva: dual tax e reddito di cittadinanza ora si allontanano

Dal lavoro al fisco, fino all'Europa. Il governo ha ottenuto la fiducia da nemmeno tre giorni e già si registrano correzioni di rotta. Alcune esplicite, come la presa di distanze di Luigi Di Maio da Beppe Grillo sull'Ilva, le precisazioni di Paolo Savona sull'Europa.

Altre sottotraccia, in attesa di un'ufficializzazione che arriverà solo quando la coalizione gialloverde varerà il suo vero primo documento ufficiale, cioè la risoluzione di maggioranza al Def. Sarà una prova di credibilità per il nuovo governo. Un atto di indirizzo parlamentare che generalmente non ha molto peso, ma che in questo caso assumerà una valenza particolare vista l'attenzione che gli investitori internazionali stanno riservando (in negativo) all'Italia.

Per questo è certo che nel documento M5s e Lega daranno al governo l'indicazione di bloccare gli aumenti dell'Iva che deprimerebbero il Pil del 2019 per una cifra stimata intorno ai sette miliardi di euro. Spazio anche alla pace fiscale, cioè ad una rottamazione delle cartelle esattoriale pagando una percentuale che dovrebbe essere in proporzione al reddito del contribuente. Comunque entrate fresche per una cifra che potrebbe arrivare a 5 miliardi di euro.

La rottamazione e l'Iva saranno i principali provvedimenti fiscali del governo per il 2019. Perché i tempi per la dual tax, cioè il sistema a due aliquote che ha sostituito la flat tax del programma del centrodestra, si stanno allungando. Oltre alle coperture, ci sono altri problemi. Ad esempio si stanno valutando gli effetti del nuovo sistema e stanno anche arrivando input politici affinché la proposta iniziale sia modificata, introducendo regimi di favore per alcune categorie di contribuenti. Ad esempio le famiglie numerose.

Avvio graduale, con qualche spiraglio per il 2020 anche per il reddito di cittadinanza. Nella risoluzione al Def, quindi nella legge di Bilancio che il governo varerà a metà ottobre, ci sarà la riforma dei centri per l'impiego. Il governo Gentiloni li aveva già rafforzati con 1.600 assunzioni, con il sussidio dei pentastellati dovranno farsi carico di lavoro extra. La riforma ha anche un valore politico, nel senso che riempirà momentaneamente il vuoto creato dall'assenza del reddito di cittadinanza.

Sul fronte delle pensioni, ieri il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Luigi Di Maio ha annunciato che il suo dicastero è già al lavoro per tagliare quelle d'oro. «Le taglieremo con un tetto: chi prende di pensione più di 5 mila euro netti e non ha mai versato i contributi per avere quella pensione d'oro, prenderà una pensione per i contributi che ha versato».

Per il resto, Di Maio ha confermato che il ministro dell'Economia Giovanni Tria è al lavoro per scongiurare l'aumento dell'Iva. «Per quanto riguarda le coperture, ci prendiamo un impegno» a trovarle, ha precisato.

Il governo sarebbe intenzionato a non toccare per il momento le tax expenditures, cioè le agevolazioni fiscali. Si fa strada l'ipotesi di tagli lineari o altre tasse non impopolari, come la web tax. Il governo di Giuseppe Conte, insomma, è alle prese con le stesse grane dei precedessori. Ma in un contesto drammatico, come ha sottolineato ieri l'esponente di Forza Italia Renato Brunetta. Senza il Quantitative easing «per l'Italia verrebbe meno il paracadute della Bce e il nostro debito pubblico sarebbe lasciato totalmente in mano al mercato».

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 09/06/2018 - 10:34

che drammatica prova di inettitudine, di negligenza, e di incapacità !!!

gianrico45

Sab, 09/06/2018 - 10:49

Il Giornale sempre più giornalaccio della sinistra.Ma chi credete di imbrogliare? Il mondo è in una fase di cambiamenti epocali,la politica deve uscire allo scoperto,deve informare le masse di quello che sta accadendo,non di giocare ancora agli "umbriachelli", che credono di imbrogliare chi li sta imbrogliando da più di due secoli.

venco

Sab, 09/06/2018 - 10:51

Se eliminano flat-tax e reddito di cittadinanza possono fare tutto il resto tranquillamente

Luigi Farinelli

Sab, 09/06/2018 - 10:57

Ma quale rotta deve cambiare? I risultati, come i morti, si giudicano dopo la battaglia (che ancora deve cominciare e che spero di "morti" in campo avverso ne faccia a strati).

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Sab, 09/06/2018 - 11:14

Intanto gli sbarchi continuano. Anzi aumentano rispetto alla gestione di fascio-Minniti. E Salvini che fa? Litiga con Malta, con la Tunisia, con la Libia, con l'UE e ingerisce camionate di Maalox.

Ritratto di babbeipersempre

babbeipersempre

Sab, 09/06/2018 - 11:26

gianrico45, Luigi Farinelli AHAHAHAHAHAHA

Ritratto di RindoGo

RindoGo

Sab, 09/06/2018 - 11:27

Ridicolo tentativo di reinstaurare il Nazareno con due partiti palesemente perdenti. Ripigliatevi, Forzisti avariati, la vostra rovina è stata il tentativo di sopravvivere tramite un compromesso con il marcio PD.

elpaso21

Sab, 09/06/2018 - 11:45

Sembra come nei sabati sera in provincia, che sembra tutto finito, ma poi si ricomincia.

NickByte

Sab, 09/06/2018 - 11:55

ma se devono mettere la flat tax ... onestamente, chissenegrefa di un 1% in piu di iva ... che lo lascino pure ... i consumatori risoarmiano già un 10% di tasse ...

palllino.

Sab, 09/06/2018 - 11:59

Spero che una delle prime cose che facciano sia l'abolizione dei contrubuti ai giornali!!!

ectario

Sab, 09/06/2018 - 12:16

Questo quotidiano straparla in modo sfacciatamente e puerilmente fazioso. Nel 2000 quando il berlu vinse le elezioni contro Rutelli, promise 1 MLN di posti di lavoro. Il suddetto inetto Rutelli, dopo due settimane, in televisione disse: "dove è il milione di posti di lavoro promessi dal CDX?", dopo sole due settimane. Ora il "nostro" Sallusti non si fa sfuggire l'occasione per dire, dopo 3 giorni dalla fiducia e operatività del governo, non c'è la certezza che nei prossimi giorni siano deliberate il reddito di cittadinanza, la tassa piatta, la riforma Fornero e.... soprattutto, stanno continuando gli sbarchi. Ai lettori il giudizio di quanto scritto nell'articolo, nei precedenti e quelli dei prossimi giorni. Giornale, fatevene una ragione, il B. ora è solo un guastatore rosicante di SX. Ne riparliamo tra sei mesi.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Sab, 09/06/2018 - 12:17

Troppo tardi. Il demenziale "contratto" tuttora non smentito (125 miliardi di spesa, 0,5 di copertura) e le sparate cialtronesche di Arlecchino e dei suoi due padroni hanno creato sfiducia nei mercati circa la possibilità di restituire il debito sovrano, e gli effetti si sono visti subito: in una settimana il BoT è passato da un interesse del -0,4% (era negativo!!!) ad un interesse dell' 1,2%. E chiunque mastichi un poco di economia sa che un'impennata di questo genere sulle scadenze brevi in così poco tempo indica che gli investitori cominciano a valutare il rischio Italia. La corsa del CDS a 300 punti conferma che per i mercati il default è possibile. Per evitarlo, almeno nell'immediato, lo Stato dovrà spendere molto di più per rifinanziare le sole scadenze. Tutti soldi in meno, tanti soldi in meno per il "contratto" e per bloccare l'aumento dell'IVA. Il Di Maio sarà abile nel gioco delle tre carte, ma i soldi per l'IVA dove li prende?

paolinopierino

Sab, 09/06/2018 - 12:31

Salvini e Di Maio coppia di imbroglioni e bugiardi vi state smentendo da soli sui due punti essenziali del contratto(tra ganster)di governo tra Lega e M5* Pare sia rimandata al 2020 campa cavallo se non oltre sia la Flat Tax che il reddito di cittadinanza Dimostrate essere solo approfittatori e bugiardi spero che il polo italiano si sollevi e vi rispediscano a casa con infamia .

giangar

Sab, 09/06/2018 - 13:07

@Luigi Farinelli 10:57 - Ma non potrebbe essere un po' meno lugubre? Di quali "morti" parla. Il suo è un commento che invita all'ottimismo!

giovanni951

Sab, 09/06/2018 - 13:13

come tutti gli altri del resto....si sa che se va bene il programma viene attuato al 45/50%. Un pó di tasse in meno e relativa minire burocrazia ed una buona legge sulla legittima difesa sarebbe ok

pardinant

Sab, 09/06/2018 - 13:21

Purtroppo la matematica non è un'opinione e se le risorse non ci sono non si può adottare norme come la tassazione piatta e il reddito di cittadinanza. Ma è inutile che le vecchie cornacchie continuino a sputare sentenze, la situazione questa volta l'anno lasciata loro come amavano asserire in passato, per rimpizzarci di tasse e avere i fondi per ricompensare i fedeli vassalli. Questo governo deve solo tentare di governarci bene e dare possibilità al Paese di svilupparsi: Deve fare buone Leggi e farle applicare senza alcuna eccezione, rivedere quelle controverse o addirittura schizofreniche ed eliminare quelle stupide o fatte per favorire questa o quella entità. Devono individuare l'interesse del Popolo e il conseguente modo di perseguirlo e smetterla di favorire le corporazioni o perseguire le teologie politiche fini a se stesse finora adottate.

DemetraAtenaAngerona

Sab, 09/06/2018 - 13:34

E venne il tempo di fare i conti con la realta ma promettere il Paese dei Balocchi e' stato utile per andare al potere, ma adesso?Come avevo scritto... https://www.ilpost.it/2018/02/28/programmi-partiti-confronto/ Nel complesso, i programmi politici presentati quest’anno sono ancora più spregiudicati del solito: promettono decine di miliardi di euro sotto forma di vari interventi economici, ma faticano a spiegare dove trovare i soldi. Il costo dei programmi è stato comparato dall’Osservatorio conti pubblici dell’Università Cattolica, diretto dall’ex commissario alla spending review Carlo Cottarelli. Chi vuole leggere i programmi integrali, invece, li trova nello specifico nel link sopra indicato…Per brevità dico i MLD per mancanza di copertura del M5” era di 64,2 del CDX era di 53,8 e del PD di 38,2...quindi chi più chi meno hanno fatto promesse irrealizzabili.

DemetraAtenaAngerona

Sab, 09/06/2018 - 13:50

@venco...ma erano tra le promesse elettorali superrealizzabili ... erano tra le colonne portanti di tutta la campagna elettorale...confermate e riconfermate come realizzabili...e adesso invece secondo lei, erano quisquiglie...se non sbaglio sono nel contratto, esperti super esperti professoroni del cambiamento, non della casta ma del popolo...e adesso fa niente madama la marchesa...

filgio49

Sab, 09/06/2018 - 13:58

Allora il Cav. Berlusconi non ha insegnato niente? Lo criticavano tutti perché non manteneva le promesse fatte...ora questi dilettanti devono continuamente cambiare rotta per non finire contro gli scogli! Con la differenza che questi sono intoccabili, sembra che tutti pendano dalle loro labbra...tranne me!

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 09/06/2018 - 14:26

L'aumento dell'IVA, molto produttivo per Ghermania end Co, sarebbe la goccia giusta per far traboccare il vaso: oltre ad una supertassa per la gente comune, sarebbe anche in contrasto con i principi della pallida costituzione che ci governa. Ma ormai siamo vittime di Merkel ed i suoi vicini, soffocati dall'ottusità dei nostri governanti passati, quelli di sinistra, cominciando da Prodi (colui che ci ha avviato al disastro) e fino ai penultimi arrivati.